DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 2010, n. 251 - Recepimento dell'accordo sindacale per il personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (biennio economico 2008-2009). (11G0016) (GU n. 25 del 1-2-2011 | Architetto.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 2010, n. 251 – Recepimento dell’accordo sindacale per il personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (biennio economico 2008-2009). (11G0016) (GU n. 25 del 1-2-2011

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 2010, n. 251 - Recepimento dell'accordo sindacale per il personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (biennio economico 2008-2009). (11G0016) (GU n. 25 del 1-2-2011 - Suppl. Ordinario n.25)note: Entrata in vigore del provvedimento: 16/02/2011

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 2010 , n. 251

Recepimento dell’accordo sindacale per il personale non direttivo e
non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (biennio
economico 2008-2009). (11G0016)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87 della Costituzione;
Visto il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, recante
ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a
norma dell’articolo 2 della legge 30 settembre 2004, n. 252, e
successive modificazioni;
Viste le disposizioni degli articoli 34, 35 e 37 del citato decreto
legislativo n. 217 del 2005, che disciplinano il procedimento
negoziale per l’emanazione di un decreto del Presidente della
Repubblica relativo al personale non direttivo e non dirigente del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
Viste le disposizioni dell’articolo 35 del citato decreto
legislativo n. 217 del 2005, relative alle modalita’ di costituzione
della delegazione di parte pubblica e della delegazione sindacale,
tra le quali intercorre il procedimento negoziale;
Visto il decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e
l’innovazione in data 29 dicembre 2008, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 34 dell’11 febbraio 2009, relativo alla individuazione
della delegazione sindacale che partecipa al procedimento negoziale
per la definizione dell’accordo relativo al biennio economico 2008 –
2009 riguardante il personale non direttivo e non dirigente del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco;
Vista l’ipotesi di accordo sindacale per il personale non direttivo
e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, relativa al
biennio economico 2008 – 2009, sottoscritta, ai sensi delle
richiamate disposizioni del decreto legislativo n. 217 del 2005, in
data 26 ottobre 2010 dalla delegazione di parte pubblica e dalle
seguenti organizzazioni sindacali, rappresentative sul piano
nazionale: Federazione Nazionale Sicurezza CISL, FP CGIL VV.F.
(Confederazione generale italiana del lavoro – funzione pubblica –
Coordinamento Nazionale dei Vigili del fuoco), UIL PA VV.F. (Unione
italiana lavoratori pubblica amministrazione Coordinamento Nazionale
Vigili del fuoco), RdB CUB VV.F. (Federazione nazionale RdB CUB
Coordinamento Nazionale Vigili del fuoco), CONFSAL VV.F.
(Confederazione sindacati autonomi dei lavoratori dei Vigili del
fuoco);
Visti l’articolo 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n.
244, l’articolo 2, comma 28, della legge 22 dicembre 2008, n. 203,
l’articolo 17, comma 35-quinques, del decreto-legge 1° luglio 2009,
n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n.
102, l’articolo 4, commi 3-bis e 3-ter, del decreto-legge 29 novembre
2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio
2009, n. 2;
Visto l’articolo 37, comma 5, del citato decreto legislativo n. 217
del 2005;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 29 ottobre 2010, con la quale e’ stata approvata, ai
sensi del citato articolo 37, comma 5, del decreto legislativo n. 217
del 2005, previa verifica delle compatibilita’ finanziarie ed in
assenza delle osservazioni di cui al comma 3 del medesimo articolo
37, l’ipotesi di accordo sindacale per il personale non direttivo e
non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, relativa al
biennio economico 2008 – 2009;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, di concerto
con il Ministro dell’interno e con il Ministro dell’economia e delle
finanze;

Decreta:

Art. 1

Ambito di applicazione e durata

1. Ai sensi dell’articolo 34 del decreto legislativo 13 ottobre
2005, n. 217, il presente decreto si applica al personale non
direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
ivi compreso il personale di cui all’articolo 131 del medesimo
decreto legislativo, esclusi i vigili volontari ausiliari.
2. Il presente decreto concerne il periodo dal 1° gennaio 2008 al
31 dicembre 2009 per la parte economica.

Avvertenza:
– Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della repubblica italiana,
approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 1985 n. 1092, al solo fine di facilitare la
lettura delle disposizioni di legge alle quali e’ operato
il rinvio.
Restano invariati il valore e l’efficacia degli atti
legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi ed emanare i decreti aventi valore di legge e i
regolamenti.
– Si riporta il testo dell’art. 2 della legge 30
settembre 2004, n. 252 (Delega al Governo per la disciplina
in materia di rapporto di impiego del personale del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco).
«Art. 2 (Delega al Governo per la disciplina dei
contenuti del rapporto di impiego del personale del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco). – 1. Il Governo e’
delegato ad adottare, entro dodici mesi dalla data di
entrata in vigore della presente legge, uno o piu’ decreti
legislativi per la disciplina dei contenuti del rapporto di
impiego del personale di cui all’art. 1 e del relativo
trattamento economico, secondo i seguenti principi e
criteri direttivi:
a) istituzione di un autonomo comparto di negoziazione,
denominato «vigili del fuoco e soccorso pubblico», con la
previsione nel suo ambito di due procedimenti, uno per il
personale attualmente inquadrato nelle qualifiche
dirigenziali e nei profili professionali del settore
operativo richiedenti, ai fini dell’accesso, la laurea
specialistica ed eventuali titoli abilitativi, e l’altro
per il restante personale, distinti anche con riferimento
alla partecipazione delle organizzazioni sindacali
rappresentative, diretti a disciplinare determinati aspetti
del rapporto di impiego. Per ciascun procedimento, le
delegazioni trattanti sono composte: quella di parte
pubblica, dal Ministro per la funzione pubblica, in
qualita’ di presidente, dal Ministro dell’interno e dal
Ministro dell’economia e delle finanze, o dai
sottosegretari di Stato da loro delegati; quella di parte
sindacale, dai rappresentanti delle organizzazioni
sindacali rispettivamente rappresentative a livello
nazionale, individuate con decreto del Ministro per la
funzione pubblica, secondo le previsioni e le procedure di
cui agli articoli 42 e 43 del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165. I contenuti dell’accordo negoziale che
conclude ciascun procedimento sono recepiti con decreto del
Presidente della Repubblica, previa delibera della Corte
dei conti da adottare, secondo le modalita’ e i contenuti
di cui all’art. 47, comma 5, del decreto legislativo 30
marzo 2001, n. 165, entro quindici giorni dal
raggiungimento dell’accordo stesso. Sono demandati alla
disciplina del procedimento negoziale relativo al personale
attualmente inquadrato nelle qualifiche dirigenziali e nei
profili professionali del settore operativo richiedenti, ai
fini dell’accesso, la laurea specialistica ed eventuali
titoli abilitativi: il trattamento economico fondamentale e
accessorio; il trattamento economico di missione e di
trasferimento e i buoni pasto; il trattamento di fine
rapporto e le forme pensionistiche complementari; il tempo
di lavoro; il congedo ordinario e straordinario; la
reperibilita’; l’aspettativa per motivi di salute e di
famiglia; i permessi brevi per esigenze personali; il
patrocinio legale e la tutela assicurativa; le linee di
indirizzo per la formazione e l’aggiornamento
professionale, per la garanzia e il miglioramento della
sicurezza sul lavoro e per la gestione delle attivita’
socio-assistenziali del personale; gli istituti e le
materie di partecipazione sindacale e le procedure di
raffreddamento dei conflitti; le aspettative, i distacchi e
i permessi sindacali; la durata degli accordi negoziali, la
struttura degli accordi stessi e i rapporti tra i diversi
livelli. Per quanto riguarda gli istituti e le materie di
partecipazione sindacale si applicano comunque gli articoli
42 e 43 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Con
esclusione del tempo di lavoro, formano oggetto del
procedimento negoziale riguardante il restante personale le
predette materie, nonche’ le seguenti altre: la durata
massima dell’orario di lavoro settimanale, i criteri di
articolazione dell’orario di lavoro giornaliero e
settimanale, dei turni diurni e notturni e delle turnazioni
particolari; il trattamento economico di lavoro
straordinario; i criteri per la mobilita’ a domanda; le
linee di indirizzo di impiego del personale in attivita’
atipiche;
b) rideterminazione dell’ordinamento del personale in
relazione alle esigenze operative, funzionali,
tecnico-logistiche, amministrative e contabili, attraverso:
1) l’introduzione di nuovi istituti diretti a
rafforzare la specificita’ del rapporto di impiego, in
aggiunta ai peculiari istituti gia’ previsti per il
personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco dal
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, dalla legge 10
agosto 2000, n. 246, e dalla restante normativa di settore;
2) la revisione o la soppressione dei ruoli,
qualifiche, aree funzionali e profili professionali
esistenti e l’istituzione di nuovi ruoli e qualifiche,
anche con facolta’ di istituire, senza oneri aggiuntivi,
apposite aree di vicedirigenza per l’accesso alle quali e’
richiesto il possesso di lauree specialistiche e di
eventuali titoli abilitativi. Tale riassetto puo’
riguardare, per ciascuno dei ruoli e qualifiche, anche le
funzioni, la consistenza delle dotazioni organiche, i
requisiti, i titoli, le modalita’ di accesso e i criteri di
avanzamento, prevedendo, riguardo a questi ultimi, adeguate
modalita’ di sviluppo verticale e orizzontale basate
principalmente su qualificate esperienze professionali, sui
titoli di studio e sui percorsi di formazione e
qualificazione professionali;
c) nell’ambito dell’operazione di riordino di cui alla
lettera b), numero 2), revisione, in particolare, del ruolo
del personale attualmente inquadrato nelle qualifiche
dirigenziali e nei profili professionali del settore
operativo richiedenti, ai fini dell’accesso, la laurea
specialistica ed eventuali titoli abilitativi, prevedendo:
1) l’accesso alla dirigenza riservato al personale
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco in possesso dei
requisiti di legge attualmente previsti per l’accesso alla
dirigenza e proveniente da qualifiche per l’accesso alle
quali e’ richiesto un concorso esterno riservato ai
soggetti in possesso di lauree specialistiche ed eventuali
titoli abilitativi, necessari per l’esercizio di funzioni
connesse ai compiti operativi, con conseguente esclusione
di ogni possibilita’ di immissione dall’esterno e
abrogazione dell’art. 41 del decreto del Presidente della
Repubblica 28 dicembre 1970, n. 1077;
2) l’individuazione, nell’organizzazione degli
uffici centrali e periferici del Ministero dell’interno,
degli incarichi e delle funzioni da conferire al personale
delle qualifiche dirigenziali, ferma restando
l’individuazione degli uffici di livello dirigenziale
generale ai sensi dell’art. 17, comma 4-bis, lettera b),
della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive
modificazioni;
3) la revisione dei criteri di attribuzione degli
incarichi in relazione alle attitudini individuali e alla
capacita’ professionale, alle peculiarita’ della qualifica
rivestita, alla natura e alle caratteristiche delle
funzioni da esercitare;
4) che il personale delle qualifiche dirigenziali
possa essere temporaneamente collocato, entro limiti
determinati, non superiori al 5 per cento della dotazione
organica delle qualifiche stesse e per particolari esigenze
di servizio, in posizione di disponibilita’ anche per
incarichi particolari o a tempo determinato, assicurando
comunque la possibilita’ per l’amministrazione di
provvedere al conferimento degli incarichi dirigenziali per
i posti di funzione non coperti;
d) attuazione delle disposizioni dei decreti
legislativi di cui al presente articolo attraverso uno o
piu’ regolamenti da emanare ai sensi dell’art. 17, commi 1
e 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, entro dodici mesi
dalla data di entrata in vigore dei decreti legislativi
stessi;
e) indicazione esplicita delle disposizioni
legislative abrogate.
2. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono emanati
su proposta del Ministro dell’interno, di concerto con il
Ministro per la funzione pubblica e con il Ministro
dell’economia e delle finanze, sentite le organizzazioni
sindacali rappresentative a livello nazionale del personale
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Gli schemi di
decreto legislativo sono trasmessi alla Camera dei deputati
e al Senato della Repubblica per il parere delle
Commissioni parlamentari competenti per materia e per le
conseguenze di carattere finanziario, che si esprimono
entro quaranta giorni dalla data di assegnazione, trascorsi
i quali i decreti legislativi sono emanati anche in assenza
del parere.
3. Con uno o piu’ decreti legislativi da emanare entro
ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore dei
decreti legislativi di cui al comma 1, possono essere
adottate disposizioni correttive e integrative di questi
ultimi, nel rispetto dei principi e criteri direttivi e
delle procedure stabiliti dal presente articolo».
– Si riporta il testo degli articoli 34, 35 e 37 del
decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217 (Ordinamento
del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco a
norma dell’art. 2 della legge n. 30 settembre 2004, n.
252):
«Art. 34(Ambito di applicazione). – 1. La definizione
degli aspetti economici e di determinati aspetti giuridici
del rapporto di impiego del personale non direttivo e non
dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco avviene
attraverso un apposito procedimento negoziale, nell’ambito
del comparto autonomo di negoziazione denominato «vigili
del fuoco e soccorso pubblico».
2. Il procedimento negoziale di cui al comma 1 si
conclude con l’emanazione di un decreto del Presidente
della Repubblica, la cui disciplina ha durata triennale
tanto per la parte economica che normativa.
3. Nei casi in cui le disposizioni generali sul
pubblico impiego rinviano alla contrattazione collettiva e
si verte in materie diverse da quelle indicate nell’art. 36
e non disciplinate per il personale non direttivo e non
dirigenziale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco da
particolari disposizioni di legge, per lo stesso personale
si provvede, sentite le organizzazioni sindacali
rappresentative, con decreto del Presidente della
Repubblica, da adottare ai sensi dell’art. 17, comma 1,
della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del
Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro per la
funzione pubblica e il Ministro dell’economia e delle
finanze.”
«Art. 35 (Delegazioni negoziali). – 1. Il procedimento
negoziale intercorre tra una delegazione di parte pubblica
composta dal Ministro per la funzione pubblica, che la
presiede, e dai Ministri dell’interno e dell’economia e
delle finanze, o dai Sottosegretari di Stato
rispettivamente delegati, e una delegazione delle
organizzazioni sindacali rappresentative sul piano
nazionale del personale non direttivo e non dirigente del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco individuate con
decreto del Ministro per la funzione pubblica, in
conformita’ alle disposizioni vigenti per il pubblico
impiego in materia di accertamento della rappresentativita’
sindacale, misurata tenendo conto del dato associativo e
del dato elettorale; le modalita’ di espressione di
quest’ultimo, le relative forme di rappresentanza e le loro
attribuzioni sono definite, tra le suddette delegazioni di
parte pubblica e sindacale con apposito accordo recepito
con il decreto del Presidente della Repubblica di cui
all’art. 34, comma 2, in attesa della cui entrata in vigore
il decreto del Ministro per la funzione pubblica tiene
conto del solo dato associativo.».
«Art. 37 (Procedura di negoziazione). – 1. La procedura
negoziale e’ avviata dal Ministro per la funzione pubblica
almeno quattro mesi prima della scadenza dei termini di cui
all’art. 34, comma 2. Le trattattive si svolgono tra i
soggetti di cui all’art. 35 e si concludono con la
sottoscrizione di un’ipotesi di accordo.
2. La delegazione di parte pubblica, prima di procedere
alla sottoscrizione dell’ipotesi di accordo, verifica,
sulla base della rappresentativita’ accertata per
l’ammissione alle trattative ai sensi dell’art. 35, che le
organizzazioni sindacali aderenti all’ipotesi rappresentino
piu’ del cinquanta per cento come media tra il dato
associativo e il dato elettorale, ovvero almeno il sessanta
per cento del dato elettorale.
3. Le organizzazioni sindacali dissenzienti possono
trasmettere al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai
Ministri che compongono la delegazione di parte pubblica le
loro osservazioni entro il termine di cinque giorni dalla
sottoscrizione dell’ipotesi di accordo.
4. L’ipotesi di accordo e’ corredata da prospetti
contenenti l’individuazione del personale interessato, i
costi unitari e gli oneri riflessi del trattamento
economico, nonche’ la quantificazione complessiva della
spesa, diretta e indiretta, con l’indicazione della
copertura finanziaria complessiva per l’intero periodo di
validita’. L’ipotesi di accordo non puo’ in ogni caso
comportare, direttamente o indirettamente, anche a carico
di esercizi successivi, impegni di spesa eccedenti rispetto
a quanto stabilito nel documento di programmazione
economico-finanziaria approvato dal Parlamento, nella legge
finanziaria, nonche’ nel bilancio.
5. Il Consiglio dei Ministri, entro quindici giorni
dalla sottoscrizione dell’ipotesi di accordo, verificate le
compatibilita’ finanziarie ed esaminate le eventuali
osservazioni di cui al comma 3, approva l’ipotesi di
accordo e il relativo schema di decreto del Presidente
della Repubblica, prescindendo dal parere del Consiglio di
Stato. Nel caso in cui l’accordo non sia definito entro
novanta giorni dall’inizio delle procedure, il Governo
riferisce alla Camera dei deputati e al Senato della
Repubblica nelle forme e nei modi stabiliti dai rispettivi
regolamenti.
6. Nel caso in cui la Corte dei conti, in sede di
esercizio del controllo preventivo di legittimita’ sul
decreto di cui al comma 5, richieda chiarimenti o elementi
integrativi, ai sensi dell’art. 3, comma 2, della legge 14
gennaio 1994, n. 20, le controdeduzioni devono essere
trasmesse entro quindici giorni.».
– Si riporta il testo dell’art. 3, comma 144, della
legge 24 dicembre 2007, n. 244 «Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge finanziaria 2008)».
«144. Per il biennio 2008-2009, le risorse per i
miglioramenti economici del rimanente personale statale in
regime di diritto pubblico sono determinate
complessivamente in 117 milioni di euro per l’anno 2008 e
in 229 milioni di euro a decorrere dall’anno 2009 con
specifica destinazione, rispettivamente, di 78 milioni di
euro e 116 milioni di euro per il personale delle Forze
armate e dei Corpi di polizia di cui al decreto legislativo
12 maggio 1995, n. 195».
– Si riporta il testo dell’art. 2, comma 28, della
legge 22 dicembre 2008, n. 203 ( Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge finanziaria 2009).
« 28. “Per il biennio 2008-2009, le risorse per i
miglioramenti economici del rimanente personale statale in
regime di diritto pubblico, in aggiunta a quanto previsto
dall’art. 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n.
244, sono determinate complessivamente in 680 milioni di
euro a decorrere dall’anno 2009 con specifica destinazione,
rispettivamente, di 586 milioni di euro per il personale
delle Forze armate e dei Corpi di polizia di cui al decreto
legislativo 12 maggio 1995, n. 195».
– Si riporta il testo dell’art. 17, comma 35-quinquies,
del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102
«Provvedimenti anticrisi, nonche’ proroga di termini».
«35-quinquies. Al fine di riconoscere la piena
valorizzazione dell’attivita’ di soccorso pubblico prestata
dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a
decorrere dall’anno 2010, e’ autorizzata la spesa di 15
milioni di euro annui da destinare alla speciale indennita’
operativa per il servizio di soccorso tecnico urgente,
espletato all’esterno, di cui all’ art. 4, comma 3-bis, del
decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2.».
– Si riporta il testo dell’art. 4, commi 3-bis e 3-ter
del decreto-legge 29 novembre 2008,n. 185,
convertito con modificazioni dalla legge 28 gennaio
2009, n. 2 «Misure urgenti per il sostegno a famiglie,
lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione
anti-crisi il quadro strategico nazionale».
« 3-bis. Le risorse del fondo istituito dall’art. 1,
comma 1328, secondo periodo, della legge 27 dicembre 2006,
n. 296, alimentato dalle societa’ aeroportuali in
proporzione al traffico generato, destinate al Dipartimento
dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa
civile del Ministero dell’interno, sono utilizzate, a
decorrere dal 1° gennaio 2009, per il 40 per cento al fine
dell’attuazione di patti per il soccorso pubblico da
stipulare, di anno in anno, tra il Governo e le
organizzazioni sindacali del Corpo nazionale dei vigili del
fuoco per assicurare il miglioramento della qualita’ del
servizio di soccorso prestato dal personale del medesimo
Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e per il 60 per cento
al fine di assicurare la valorizzazione di una piu’
efficace attivita’ di soccorso pubblico del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco, prevedendo particolari emolumenti da
destinare all’istituzione di una speciale indennita’
operativa per il servizio di soccorso tecnico urgente
espletato all’esterno.
3-ter. Le modalita’ di utilizzo delle risorse di cui al
comma 3-bis sono stabilite nell’ambito dei procedimenti
negoziali di cui agli articoli 37 e 83 del decreto
legislativo 13 ottobre 2005, n. 217».
Note all’art. 1:
– Per il testo dell’art. 34 del decreto legislativo 13
ottobre 2005 n. 217, si veda nelle note alla premessa.

Art. 2

Nuovi stipendi

1. Dal 1° gennaio 2008, gli stipendi annui lordi del personale non
direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
come stabiliti dall’articolo 2 del decreto del Presidente della
Repubblica 7 maggio 2008, integrativo del biennio economico 2006 –
2007, sono incrementati delle misure mensili lorde e rideterminati
nei valori annui lordi di cui alla seguente tabella:

Parte di provvedimento in formato grafico

2. Dal 1° gennaio 2009, gli stipendi annui lordi e gli incrementi
mensili del personale non direttivo e non dirigente del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco, come stabiliti al comma precedente,
sono rideterminati nei valori di cui alla seguente tabella:

Parte di provvedimento in formato grafico

3. I valori stipendiali di cui al comma 2 assorbono gli incrementi
attribuiti dal 1° gennaio 2008 ai sensi del comma 1.
4. Il trattamento stipendiale, come rideterminato dai commi
precedenti, per la quota parte relativa all’indennita’ integrativa
speciale conglobata dal 1° gennaio 2003 nella voce stipendio
tabellare non modifica le modalita’ di determinazione della base di
calcolo in atto del trattamento pensionistico anche con riferimento
all’articolo 2, comma 10, della legge 8 agosto 1995, n. 335.
5. Gli importi stabiliti dai commi precedenti assorbono
l’indennita’ prevista in caso di vacanza contrattuale dall’articolo
1, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 29 novembre
2007 relativo al biennio economico 2006-2007.

Note all’art. 2:
– Il decreto del Presidente della Repubblica 7 maggio
2008 (Recepimento dell’accordo sindacale integrativo per il
personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 19 luglio 2008, n. 168, S.O.
– Si riporta il testo dell’art. 2, comma 10, della
legge 8 agosto 1995, n. 335 (Riforma del sistema
pensionistico obbligatorio e complementare):
«10. Nei casi di applicazione dei commi 1 e 2 dell’art.
15 della legge 23 dicembre 1994, n. 724, in materia di
assoggettamento alla ritenuta in conto entrate del
Ministero del tesoro della quota di maggiorazione della
base pensionabile, la disposizione di cui al comma 9 opera
per la parte eccedente l’incremento della base pensionabile
previsto dagli articoli 15, 16 e 22 della legge 29 aprile
1976, n. 177, rispettivamente, per il personale civile,
militare, ferroviario e per quello previsto dall’art. 15,
comma 2, della citata legge n. 724 del 1994».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 29
novembre 2007 (Recepimento dell’accordo sindacale per il
personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco, relativo al quadriennio normativo
2006-2009 e al biennio economico 2006-2007), e’ pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 15 gennaio 2008, n. 12.

Art. 3

Effetti dei nuovi stipendi

1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 2, commi 4 e 5, le
nuove misure degli stipendi risultanti dall’applicazione del presente
decreto hanno effetto sulla tredicesima mensilita’, sul trattamento
ordinario di quiescenza, normale e privilegiato, sulla indennita’ di
buonuscita, sull’assegno alimentare per il dipendente sospeso, come
previsto dall’articolo 82 del decreto del Presidente della Repubblica
10 gennaio 1957, n. 3, o da disposizioni analoghe, sull’equo
indennizzo, sulle ritenute previdenziali ed assistenziali e relativi
contributi, compresi la ritenuta in conto entrata INPDAP, o altre
analoghe, ed i contributi di riscatto.
2. I benefici economici risultanti dall’applicazione dell’articolo
2 del presente decreto sono corrisposti integralmente, alle scadenze
e negli importi previsti, al personale comunque cessato dal servizio,
con diritto a pensione, nel periodo di vigenza del presente decreto.
Agli effetti delle indennita’ di buonuscita e di licenziamento,
nonche’ di quella prevista dall’articolo 2122 c.c., si considerano
solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione dal
servizio.
3. La corresponsione dei nuovi stipendi, derivanti
dall’applicazione del presente decreto, avviene in via provvisoria e
salvo conguaglio, ai sensi dell’articolo 172 della legge 11 luglio
1980, n. 312, in materia di sollecita liquidazione del nuovo
trattamento economico.
4. Le nuove misure del trattamento stipendiale di cui all’articolo
2 hanno effetto sulla determinazione delle misure orarie del compenso
per lavoro straordinario spettante al personale non direttivo e non
dirigente a decorrere dal 31 dicembre 2009 e a valere dall’anno 2010.

Note all’art. 3:
– Si riporta il testo dell’art. 82, del decreto del
Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957 n. 3 (Testo
unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli
impiegati civili dello Stato):
«Art. 82(Assegno alimentare). – All’impiegato sospeso
e’ concesso un assegno alimentare in misura non superiore
alla meta’ dello stipendio, oltre gli assegni per carichi
di famiglia».
– Si riporta il testo dell’art. 172, della legge 11
luglio 1980 n. 312, (Nuovo assetto retributivo-funzionale
del personale civile e militare dello Stato):
«Art. 172 (Disposizioni per la sollecita liquidazione
del nuovo trattamento economico). – Gli uffici che
liquidano gli stipendi sono autorizzati a provvedere al
pagamento dei nuovi trattamenti economici, in via
provvisoria e fino al perfezionamento dei provvedimenti
formali, fatti salvi comunque i successivi conguagli, sulla
base dei dati in possesso o delle comunicazioni degli
uffici presso cui presta servizio il personale interessato
relative agli elementi necessari per la determinazione del
trattamento stesso.».

Art. 4

Indennita’ di rischio

1. A decorrere dal 1° gennaio 2009, le misure vigenti
dell’indennita’ di rischio del personale non direttivo e non
dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco che espleta
funzioni tecnico-operative, previste dall’articolo 4 del decreto del
Presidente della Repubblica 7 maggio 2008, integrativo del biennio
economico 2006-2007, sono incrementate e rideterminate nei seguenti
importi mensili lordi:

Parte di provvedimento in formato grafico

2. Le misure mensili di cui al comma 1 sono corrisposte per tredici
mensilita’.

Note all’art. 4:
– Il decreto del Presidente della Repubblica 7 maggio
2008 (Recepimento dell’accordo sindacale integrativo per il
personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 19 luglio 2008, n. 168, S.O.

Art. 5

Indennita’ mensile

1. A decorrere dal 1° gennaio 2009, le misure vigenti
dell’indennita’ mensile per il personale che espleta attivita’
tecniche, amministrativo-contabili e tecnico-informatiche del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco, previste dall’articolo 5 del decreto
del Presidente della Repubblica 7 maggio 2008, integrativo del
biennio economico 2006-2007, sono incrementate e rideterminate nei
seguenti importi mensili lordi:

Parte di provvedimento in formato grafico

2. Le misure mensili di cui al comma 1 sono corrisposte per dodici
mensilita’.

Note all’art. 5:
– Il decreto del Presidente della Repubblica 7 maggio
2008 (Recepimento dell’accordo sindacale integrativo per il
personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 19 luglio 2008, n. 168, S.O.

Art. 6

Fondo di amministrazione

1. Il Fondo di amministrazione per il personale non direttivo e non
dirigente di cui all’articolo 6 del decreto del Presidente della
Repubblica 29 novembre 2007 e’ aumentato dalle seguenti risorse
annue:
a) per l’anno 2008: euro 40.900,00;
b) per l’anno 2009: euro 984.600,00;
c) a decorrere dal 31 dicembre 2009 e a valere dal 2010: euro
8.300,00.
2. Gli importi di cui alle lettere a), b) e c) del comma 1 non
comprendono gli oneri contributivi e l’IRAP a carico dello Stato. Gli
importi di cui alle lettere a) e b) non hanno effetto di
trascinamento nell’anno successivo.
3. Restano ferme le disposizioni relative alla composizione del
predetto Fondo ed all’utilizzo dello stesso.
4. Le risorse assegnate e non utilizzate nell’esercizio di
competenza sono conservate per le medesime esigenze, nell’anno
successivo.

Note all’art. 6:
– Il decreto del Presidente della Repubblica 7 maggio
2008 (Recepimento dell’accordo sindacale integrativo per il
personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale
dei vigili del fuoco), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 19 luglio 2008, n. 168, S.O.

Art. 7

Indennita’ operativa per il soccorso esterno

1. A decorrere dall’anno 2010, la quota parte delle risorse di cui
all’articolo 17, comma 35-quinques, del decreto-legge 1° luglio 2009,
n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n.
102, pari ad euro 11.000.000, confluisce nel Fondo di amministrazione
per il personale non direttivo e non dirigente di cui all’articolo 6
del decreto del Presidente della Repubblica 29 novembre 2007 per
essere utilizzata ai fini della corresponsione di una speciale
indennita’ operativa per il servizio di soccorso tecnico urgente
espletato all’esterno.
2. Le risorse di cui all’articolo 4 comma 3-bis, del decreto legge
29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge
28 gennaio 2009, n. 2, versate all’entrata del bilancio dello Stato,
nella quota del 58,38 per cento vengono destinate, mediante
riassegnazione da effettuarsi con decreto del Ministro dell’economia
e delle finanze, all’integrazione del Fondo di cui al comma 1 per
essere utilizzate per le finalita’ indicate dal medesimo comma.
3. L’indennita’ di cui al comma 1, pari a 4 euro per turno, viene
attribuita al personale del settore operativo inserito nei turni
continuati e nelle turnazioni particolari di cui all’articolo 45 del
CCNL del 5 aprile 1996, ivi compreso il personale specialista,
qualificato e delle colonne mobili regionali compreso nell’attivita’
di soccorso.
4. L’indennita’ di cui al comma 1 e’ attribuita altresi’ al
personale operativo che effettua orario giornaliero e turnazioni
12/36, nel caso in cui, per eccezionali esigenze di servizio
derivanti anche da situazioni di emergenza, anche locali, venga
inserito nel dispositivo di soccorso ed impiegato nell’attivita’
operativa.
5. L’indennita’ di cui al comma 1 e’ corrisposta a fronte di ogni
turno di servizio di 12 ore prestato e per il massimo di 133 turni
annui.
6. L’indennita’ di cui al comma 1 non e’ attribuibile al personale
operativo parzialmente inidoneo.
7. Le integrazioni del Fondo di cui al comma 1 con risorse
effettivamente affluite all’entrata di bilancio, relative a
prestazioni svolte nell’anno 2009, saranno utilizzate per le
attivita’ di soccorso tecnico urgente di cui ai precedenti commi, con
le modalita’ previste dall’articolo 6, comma 3, del decreto del
Presidente della Repubblica 29 novembre 2007.
8. A decorrere dal 2010, ai sensi del comma 2, l’indennita’ e’
incrementata da un minimo di 2,5 euro ad un massimo di 4 euro. La
misura minima dell’incremento verra’ corrisposta, al solo titolo di
anticipazione, a valere sulle risorse del Fondo di cui al comma 1.
9. La contrattazione integrativa individuera’ ulteriori
destinazioni non comprese nel presente articolo entro i limiti delle
risorse finanziarie previste nei precedenti commi.
10. Le somme di cui al comma 1 non comprendono gli oneri
contributivi e l’IRAP a carico dello Stato.

Note all’art. 7:
– Per il testo dell’art. 17, comma 35-quinquies, del
decreto-legge 1° luglio 2009 n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, si veda
nelle note alle premesse.
– Per i riferimenti del decreto del Presidente della
Repubblica 29 novembre 2007, si veda nelle note all’art. 2.
– Per il testo dell’art. 4, comma 3-bis, del decreto
legge 29 novembre 2008 n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 si veda
nelle note alle premesse.
– Per i riferimenti del Presidente della Repubblica 7
maggio 2008 si veda nelle note dell’ art. 6.

Art. 8

Patti per il soccorso

1. Le risorse di cui all’articolo 4, comma 3-bis, del decreto-legge
29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge
28 gennaio 2009, n. 2, versate all’entrata del bilancio dello Stato,
nella quota del 38,30 per cento, vengono destinate, mediante
riassegnazione da effettuarsi con decreto del Ministro dell’economia
e delle finanze, all’integrazione del Fondo di amministrazione per il
personale non direttivo e non dirigente di cui all’articolo 6, del
decreto del Presidente della Repubblica 29 novembre 2007, per essere
utilizzate ai fini all’attuazione di patti per il soccorso pubblico
da stipulare, di anno in anno, tra il Governo e le organizzazione
sindacali per assicurare il miglioramento della qualita’ del servizio
di soccorso prestato dal personale.
2. Le risorse del Fondo di amministrazione di cui al comma 1, per
gli anni 2009 e 2010, verranno utilizzate prevalentemente:
a) per incrementare, fino al massimo di 1 euro al giorno, il
compenso di produttivita’ spettante al personale dei ruoli tecnici,
amministrativo-contabili e tecnico-informatici nonche’ al personale
operativo che effettua orario di lavoro giornaliero;
b) per incrementare la misura dell’indennita’ di turno per i turni
notturni, fino al massimo di 3 euro a turno;
c) per incrementare la misura oraria, fino al massimo di 2 euro
l’ora, del compenso per l’incentivazione degli istruttori e formatori
e anche per altre finalita’.
3. Le modalita’ di utilizzo delle risorse di cui al comma 2 sono
stabilite in apposito accordo decentrato a livello nazionale;
4. Per gli anni successivi la destinazione delle risorse di cui al
comma 1 saranno stabilite in appositi accordi decentrati a livello
nazionale.

Note all’art. 8:
– Per il testo dell’art. 4 comma 3-bis, del decreto
legge 29 novembre 2008 n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 si veda
nelle note della premessa
– Per il testo dell’art. 6, del Presidente della
Repubblica 7 maggio 2008, si veda nelle note dell’ art. 4.

Art. 9

Proroga di efficacia di norme

1. Al personale di cui all’articolo 1, comma 1, continua ad
applicarsi, ove non in contrasto con il presente decreto ed in quanto
compatibile con le vigenti disposizioni legislative e regolamentari,
la disciplina contrattuale relativa al predetto personale.

Art. 10

Copertura finanziaria

1. All’onere derivante dall’attuazione del presente decreto, pari
ad euro 116.531.000 per l’anno 2010 ed euro 62.602.000 a decorrere
dall’anno 2011, si provvede:
a) per l’anno 2010, quanto ad euro 39.929.000 a valere sulle
disponibilita’ in conto residui, all’uopo conservate, sul capitolo
3027 “Fondo da ripartire per l’attuazione dei contratti del personale
delle Amministrazioni statali anche ad ordinamento autonomo, ivi
compreso il personale militare e quello dei Corpi di polizia e delle
Universita’”; quanto ad euro 48.005.000 mediante riduzione
dell’autorizzazione di spesa prevista dall’articolo 2, comma 28,
della legge 22 dicembre 2008, n. 203, e dall’articolo 3, comma 144,
della legge 24 dicembre 2007, n. 244; quanto ad euro 14.597.000 a
valere sulle risorse disponibili sullo stato di previsione della
spesa del Ministero dell’interno relative all’autorizzazione di spesa
prevista dall’articolo 17, comma 35-quinquies, del decreto-legge 1°
luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3
agosto 2009, n. 102, e quanto ad euro 14.000.000 a valere sulle
risorse iscritte sullo stato di previsione della spesa del Ministero
dell’interno relative all’autorizzazione di spesa prevista
dall’articolo 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n. 244;
b) a decorrere dall’anno 2011, quanto ad euro 48.005.000 mediante
riduzione dell’autorizzazione di spesa prevista dall’articolo 2,
comma 28, della legge 22 dicembre 2008, n. 203, e dall’articolo 3,
comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e quanto ad euro
14.597.000,00 mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa
prevista dall’articolo 17, comma 35-quinquies, del decreto-legge 1°
luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3
agosto 2009, n. 102;
2. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi’ 19 novembre 2010

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri

Brunetta, Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione

Maroni, Ministro dell’interno

Tremonti, Ministro dell’economia e
delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 19 gennaio 2011
Ministeri istituzionali, registro n. 1, foglio n. 386

Note all’art. 10:
– Per il testo dell’art. 2, comma 28, della legge 22
dicembre 2008, n. 203 (Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria 2009), si veda nelle note alle premesse.
– Per il testo dell’art. 3, comma 144, della legge 24
dicembre 2007, n. 244 «Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria 2008)», si veda nelle note alle premesse.
– Per il testo dell’art. 17, comma 35-quinquies, del
decreto-legge 1° luglio 2009 n. 78, convertito con
modificazioni, dalla legge 3 agosto, n. 102 si veda nelle
note alle premesse.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 2010, n. 251 – Recepimento dell’accordo sindacale per il personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (biennio economico 2008-2009). (11G0016) (GU n. 25 del 1-2-2011

Architetto.info