DECRETO-LEGGE 10 maggio 2002, n.92 | Architetto.info

DECRETO-LEGGE 10 maggio 2002, n.92

DECRETO-LEGGE 10 maggio 2002, n.92 - Differimento della disciplina relativa alle acque di balneazione. (GU n. 110 del 13-5-2002)

DECRETO-LEGGE 10 maggio 2002, n.92

Differimento della disciplina relativa alle acque di balneazione.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 1982, n.
470, concernente l’attuazione della direttiva 76/160/CEE del
Consiglio, dell’8 dicembre 1975, relativa alla qualita’ delle acque
di balneazione;
Considerato che con numerosi provvedimenti normativi e’ stato
consentito alle regioni di derogare, a determinate condizioni, ai
valori limite del parametro ossigeno disciolto di cui al punto 11
dell’allegato 1 al citato decreto del Presidente della Repubblica
8 giugno 1982, n. 470, ai fini del giudizio di idoneita’ delle acque
di balneazione;
Visto il decreto-legge 3 maggio 2001, n. 159, convertito dalla
legge 2 luglio 2001, n. 249, che ha prorogato al 31 dicembre 2001,
tale disciplina derogatoria;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di differire
ulteriormente il predetto termine, considerato il perdurare del
fenomeno di eutrofizzazione delle acque;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 9 maggio 2002;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’ambiente e
della tutela del territorio;
E m a n a
il seguente decreto-legge:
Art. 1.
Differimento termini ossigeno disciolto
1. La disciplina prevista dal decreto-legge 13 aprile 1993, n. 109,
convertito, con modificazioni, dalla legge 12 giugno 1993, n. 185, e
successive modificazioni, e’ differita al 31 dicembre 2003.

Art. 2.
Entrata in vigore
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione
in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi’ 10 maggio 2002
CIAMPI
Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Sirchia, Ministro della salute
Matteoli, Ministro dell’ambiente e
della tutela del territorio
Visto, il Guardasigilli: Castelli

DECRETO-LEGGE 10 maggio 2002, n.92

Architetto.info