DECRETO-LEGGE 3 agosto 2009, n. 103 - Disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009. (09G0115) (GU n. 179 del 4-8-2009 | Architetto.info

DECRETO-LEGGE 3 agosto 2009, n. 103 – Disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009. (09G0115) (GU n. 179 del 4-8-2009

DECRETO-LEGGE 3 agosto 2009, n. 103 - Disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009. (09G0115) (GU n. 179 del 4-8-2009 )

DECRETO-LEGGE 3 agosto 2009 , n. 103

Disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009.
(09G0115)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di adottare misure
correttive del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, nel testo
convertito dalle Camere in data 1° agosto 2009, recante provvedimenti
anticrisi e proroga di termini;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 1° agosto 2009;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dell’economia e delle finanze;

E m a n a

il seguente decreto-legge:

Art. 1.

Modificazioni al decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78

1. Al decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, recante provvedimenti
anticrisi, nonche’ proroga di termini e della partecipazione italiana
a missioni internazionali, nel testo convertito dalle Camere, sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 4:
1) il comma 1 e’ sostituito dal seguente:
«1. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dello
sviluppo economico, di concerto con il Ministro delle infrastrutture
e dei trasporti, con il Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare e con il Ministro per la semplificazione
normativa, individua gli interventi, relativi alla trasmissione ed
alla distribuzione dell’energia, nonche’, d’intesa con le regioni e
le province autonome interessate, gli interventi relativi alla
produzione dell’energia, da realizzare con capitale prevalentemente o
interamente privato, per i quali ricorrono particolari ragioni di
urgenza in riferimento allo sviluppo socio-economico e che devono
essere effettuati con mezzi e poteri straordinari.»;
2) il comma 3 e’ sostituito dal seguente:
«3. Ciascun Commissario, sentiti gli enti locali interessati, emana
gli atti, e i provvedimenti, nonche’ cura tutte le attivita’, di
competenza delle amministrazioni pubbliche che non abbiano rispettato
i termini previsti dalla legge o quelli piu’ brevi, comunque non
inferiori alla meta’, eventualmente fissati in deroga dallo stesso
Commissario, occorrenti all’autorizzazione e all’effettiva
realizzazione degli interventi, nel rispetto delle disposizioni
comunitarie, avvalendosi ove necessario dei poteri di sostituzione e
di deroga di cui all’articolo 20, comma 4, del decreto-legge 29
novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28
gennaio 2009, n. 2.»;
3) al terzo periodo del comma 4-quater, le parole da:
«L’amministratore delegato» fino a: «e’ nominato» sono sostituite
dalle seguenti: «E’ nominato un»;
b) al comma 3 dell’articolo 13-bis sono aggiunte, in fine, le
seguenti parole: «, con esclusione dei procedimenti in corso alla
data di entrata in vigore della legge di conversione del presente
decreto»;
c) all’articolo 17:
1) i primi tre periodi del comma 30-ter sono sostituiti dai
seguenti: «Le procure della Corte dei conti possono iniziare
l’attivita’ istruttoria ai fini dell’esercizio dell’azione di danno
erariale a fronte di specifica e concreta notizia di danno, fatte
salve le fattispecie direttamente sanzionate dalla legge. Le procure
della Corte dei conti esercitano l’azione per il risarcimento del
danno all’immagine nei soli casi e nei modi previsti dall’articolo 7
dalla legge 27 marzo 2001, n. 97. A tale ultimo fine, il decorso del
termine di prescrizione di cui al comma 2 dell’articolo 1 della legge
14 gennaio 1994, n. 20, e’ sospeso fino alla conclusione del
procedimento penale.»;
2) al comma 30-quater, lettera a), dopo le parole: «controllo
preventivo di legittimita’» sono aggiunte le seguenti: «,
limitatamente ai profili presi in considerazione nell’esercizio del
controllo».

Art. 2.

Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione
in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi 3 agosto 2009

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del
Consiglio dei Ministri

Tremonti, Ministro dell’economia
e delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Alfano

DECRETO-LEGGE 3 agosto 2009, n. 103 – Disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009. (09G0115) (GU n. 179 del 4-8-2009

Architetto.info