DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2008, n. 82 - Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n. 38. (GU n. 104 del 5-5-2008 | Architetto.info

DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2008, n. 82 – Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n. 38. (GU n. 104 del 5-5-2008

DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2008, n. 82 - Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n. 38. (GU n. 104 del 5-5-2008 )

DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2008 , n. 82

Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante
interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole a norma
dell’articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n.
38.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Visto il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante
interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole, a norma
dell’articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n.
38;
Visto l’articolo 1, comma 12, della legge 12 luglio 2006, n. 228,
di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 2006,
n. 173, con il quale il Governo e’ stato delegato ad adottare decreti
legislativi correttivi e integrativi dei decreti legislativi adottati
in attuazione delle deleghe di cui agli articoli 7 e 8 della legge 5
marzo 2001, n. 57, e di cui all’articolo 1 della legge 7 marzo 2003,
n. 38, e successive modificazioni, nel rispetto dei principi e
criteri di delega indicati dalle predette leggi;
Visto il regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione, del
15 dicembre 2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88
del trattato agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie
imprese attive nella produzione di prodotti agricoli e recante
modifica del regolamento (CE) n. 70/2001;
Visti gli orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel
settore agricolo e forestale 2007-2013 (2006/C 319/01), pubblicati
nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee C 319 del
27 dicembre 2006;
Ritenuto necessario apportare modifiche al citato decreto
legislativo 29 marzo 2004, n. 102;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 14 febbraio 2008;
Acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
espresso nella riunione del 28 febbraio 2008;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 1° aprile 2008;
Sulla proposta del Ministro delle politiche agricole alimentari e
forestali, di concerto con i Ministri per le politiche europee,
dell’economia e delle finanze, del lavoro e della previdenza sociale
e per gli affari regionali e le autonomie locali;
E m a n a
il seguente decreto legislativo:
Art. 1.
Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante
interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole, a norma
dell’articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n. 38
1. Al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, sono apportate le
seguenti modificazioni:
a) l’articolo 1 e’ sostituito dal seguente:
«Art. 1 (Finalita). – 1. Il Fondo di solidarieta’ nazionale (FSN)
ha l’obiettivo di promuovere principalmente interventi di prevenzione
per far fronte ai danni alle produzioni agricole e zootecniche, alle
strutture aziendali agricole, agli impianti produttivi ed alle
infrastrutture agricole, nelle zone colpite da calamita’ naturali o
eventi eccezionali, alle condizioni e modalita’ previste dalle
disposizioni comunitarie vigenti in materia di aiuti di Stato, entro
i limiti delle risorse disponibili sul Fondo stesso.
2. Ai fini del presente decreto legislativo sono considerate
calamita’ naturali o eventi eccezionali quelli previsti dagli
orientamenti e dai regolamenti comunitari in materia di aiuti di
Stato nel settore agricolo, nonche’ le avverse condizioni
atmosferiche previste dagli orientamenti comunitari.
3. Per le finalita’ di cui al comma 1, il FSN prevede le seguenti
tipologie di intervento:
a) misure volte a incentivare la stipula di contratti
assicurativi;
b) interventi compensativi, esclusivamente nel caso di danni a
produzioni, strutture e impianti produttivi non inseriti nel Piano
assicurativo agricolo annuale, finalizzati alla ripresa economica e
produttiva delle imprese agricole che hanno subito danni dagli eventi
di cui al comma 2 nei limiti previsti dalla normativa comunitaria;
c) interventi di ripristino delle infrastrutture connesse
all’attivita’ agricola, tra cui quelle irrigue e di bonifica,
compatibilmente con le esigenze primarie delle imprese agricole.»;
b) agli articoli 2, 4, 6, 9, 12, 15 e 17, le parole: «Ministro
delle politiche agricole e forestali» e «Ministero delle politiche
agricole e forestali», ovunque ricorrano, sono sostituite
rispettivamente dalle seguenti: «Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali» e «Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali»;
c) all’articolo 2, comma 1, le parole: «dal punto 11.5 degli»
sono sostituite dalla seguente: «dagli»;
d) all’articolo 2, comma 1, dopo le parole: «codice civile» sono
inserite le seguenti: «iscritti nel registro delle imprese o
nell’anagrafe delle imprese agricole istituita presso le Province
autonome»;
e) all’articolo 2, comma 2, le parole: «raggiunga il 20 per cento
della produzione nelle aree svantaggiate ed il 30 per cento nelle
altre zone» sono sostituite dalle seguenti: «sia superiore al 30 per
cento della produzione»;
f) all’articolo 2, comma 5-bis, le parole: «deve intendersi» sono
sostituite dalle seguenti: «e’ comprensiva»;
g) all’articolo 2, dopo il comma 5-bis, e’ aggiunto il seguente:
«5-ter. I prezzi unitari di mercato delle produzioni agricole, di
cui all’articolo 127, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
per la determinazione dei valori assicurabili con polizze agevolate,
sono stabiliti sulla base delle rilevazioni almeno triennali
dell’ISMEA. Quando dalle rilevazioni dell’ultimo anno si riscontrano
scostamenti superiori al 50 per cento rispetto al biennio precedente,
gli stessi prezzi unitari possono essere stabiliti sulla base delle
sole rilevazioni di mercato dell’ultimo anno.».
h) all’articolo 4, comma 4, lettera c), le parole: «evento
climatico avverso» sono sostituite dalle seguenti: «calamita’
naturali ed altri eventi eccezionali, avversita’ atmosferiche»;
i) all’articolo 4, comma 4, lettera d), le parole: «e/o
strutture» sono sostituite dalle seguenti: «impianti produttivi,
produzioni zootecniche, strutture.»;
l) all’articolo 4, dopo il comma 5, e’ aggiunto, in fine, il
seguente:
«5-bis. Al fine di garantire continuita’ alla copertura dei
rischi, qualora entro la data stabilita al comma 2 non sia approvato
un nuovo piano assicurativo, continuano ad applicarsi le disposizioni
del piano precedente.»;
m) all’articolo 5, il comma 1 e’ sostituito dal seguente:
«1. Possono beneficiare degli interventi del presente articolo,
le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del codice civile, ivi
comprese le cooperative che svolgono l’attivita’ di produzione
agricola (1), iscritte nel registro delle imprese o nell’anagrafe
delle imprese agricole istituita presso le Province autonome
ricadenti nelle zone delimitate ai sensi dell’articolo 6, che abbiano
subito danni superiori al 30 per cento della produzione lorda
vendibile. Nel caso di danni alle produzioni vegetali, sono escluse
dal calcolo dell’incidenza di danno sulla produzione lorda vendibile
le produzioni zootecniche.»;
(1)Osservazione della XIII Commissione Agricoltura della Camera dei
deputati nel parere del 6 marzo 2008 e condizione della IX
Commissione Agricoltura del Senato della Repubblica: parziale
accoglimento per compatibilita’ comunitaria.
n) all’articolo 5, comma 2, le parole: «al punto 11.3 degli
orientamenti» sono sostituite dalle seguenti: «dagli orientamenti e
regolamenti»;
o) all’articolo 5, comma 2, lettera a), le parole: «produzione
lorda vendibile ordinaria del triennio precedente» sono sostituite
dalle seguenti: «produzione lorda vendibile media ordinaria, da
calcolare secondo le modalita’ e le procedure previste dagli
orientamenti e dai regolamenti comunitari in materia di aiuti di
Stato. Nelle zone svantaggiate di cui all’articolo 17 del regolamento
(CE) n. 1257/1999 del Consiglio, del 17 maggio 1999, il contributo
puo’ essere elevato fino al 90 per cento;»;
p) all’articolo 5, comma 2, lettera b), il numero 1) e’
sostituito dal seguente: «1) 20 per cento del tasso di riferimento
per le operazioni di credito agrario oltre i 18 mesi per le aziende
ricadenti nelle zone svantaggiate di cui all’articolo 17 del
regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio, del 17 maggio 1999;»;
q) all’articolo 5, il comma 3 e’ sostituito dal seguente: «3. In
caso di danni causati alle strutture aziendali ed alle scorte possono
essere concessi a titolo di indennizzo contributi in conto capitale
fino all’80 per cento dei costi effettivi elevabile al 90 per cento
nelle zone svantaggiate di cui all’articolo 17 del regolamento (CE)
n. 1257/1999 del Consiglio, del 17 maggio 1999;»;
r) all’articolo 8, comma 1, le parole: «delle politiche sociali»
sono sostituite dalle seguenti: «della previdenza sociale»;
s) all’articolo 11, comma 3, dopo le parole: «e loro consorzi»,
sono inserite le seguenti: «nonche’ altri soggetti giuridici,»;
t) all’articolo 11, comma 5, dopo le parole: «comma 1» sono
inserite le seguenti: «o fondersi previa delibera assembleare da
adottarsi con le maggioranze …

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2008, n. 82 – Modifiche al decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, recante interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera i), della legge 7 marzo 2003, n. 38. (GU n. 104 del 5-5-2008

Architetto.info