Decreto Legislativo n° 192 del 22 maggio 1999 | Architetto.info

Decreto Legislativo n° 192 del 22 maggio 1999

Decreto Legislativo n° 192 del 22 maggio 1999 recante"Attuazione della direttiva 97/3/CE che modifica la direttiva 77/93/CEE, concernente le misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione nella comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali".

Decreto Legislativo n° 192 del 22 maggio 1999 recante
“Attuazione
della direttiva 97/3/CE che modifica la direttiva 77/93/CEE,
concernente le misure di protezione contro l’introduzione e la
diffusione nella comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai
prodotti vegetali”
G.U. n°145 del 23 giugno 1999

Premesse
Art.
1 – Campo di applicazione
Art. 2 – Partecipazione finanziaria per
le infrastrutture di ispezione
Art. 3 – Partecipazione finanziaria
per la “lotta fitosanitaria” sul territorio
Art. 4 – Partecipazione
finanziaria per ulteriori azioni, requisiti o condizioni
Art. 5 –
Surrogazione dell’Unione europea nei diritti
Art. 6 – Sospensione o
riduzione della partecipazione finanziaria
Art. 7- Restituzione
della partecipazione finanziaria
Art. 8 – Violazione di obblighi
comunitari
Art. 9 – Partecipazione finanziaria straordinaria
Art. 10
– Procedure di assegnazione e restituzione dei contributi
Art. 11 –
Applicazione disposizioni regolamento (CEE) n. 729/70
Art. 12 –
Entrata in
vigore

——————————————————————————–

IL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Premesse

Visti gli articoli 76 e 87
della Costituzione;
Visto l’articolo 1, commi 1, 2 e 3, della legge 24
aprile 1998, n. 128;
Vista la direttiva n. 97/3/CE del Consiglio, del
20 gennaio 1997, che modifica la direttiva n. 77/93/CEE, concernente
le misure di protezione contro l’introduzione nella Comunità di
organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro
diffusione nella Comunità.
Vista la legge 18 giugno 1931, n.
987;
Visto il regolamento approvato con regio decreto 12 ottobre 1933,
n. 1700, modificato con regio decreto 2 dicembre 1937, n. 2504;
Visto
il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 536;
Visto il decreto del
Ministro delle risorse agricole, alimentari e forestali in data 31
gennaio 1996, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale n. 41 del 19 febbraio 1996, e successive
modificazioni;
Visto il decreto del Ministro per le politiche agricole
in data 19 ottobre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 292
del 15 dicembre 1998;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio
dei Ministri, adottata nella riunione del 12 febbraio 1999;
Sentita la
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano;
Acquisito il parere delle
competenti commissioni della Camera dei deputati e del Senato della
Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 21 maggio 1999;
Sulla proposta del
Ministro per le politiche comunitarie e del Ministro per le politiche
agricole, di concerto con i Ministri degli affari esteri, di grazia e
giustizia, del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e
degli affari regionali;

E m a n a
il seguente decreto
legislativo:

Art. 1.- Campo di applicazione

1. Le disposizioni del
presente decreto costituiscono attuazione della direttiva del
Consiglio n. 97/3/CE del 20 gennaio 1997, che modifica la direttiva
del Consiglio n. 77/93/CEE del 21 dicembre 1976, concernente le misure
di protezione contro l’introduzione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro diffusione nella
Comunità.

Art. 2.- Partecipazione finanziaria per le infrastrutture
di ispezione

1. La partecipazione finanziaria dell’Unione europea,
accordata ai fini del rafforzamento delle infrastrutture di ispezione
fitosanitaria fino alla copertura non superiore al 50% delle spese
intese a migliorare, oltre il livello già raggiunto rispettando le
condizioni minime di cui al decreto del Ministro per le politiche
agricole del 19 ottobre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
292 del 15 dicembre 1998, gli strumenti ed impianti necessari per le
attività di ispezione e di monitoraggio e, all’occorrenza, per le
misure previste all’articolo 46 del decreto del Ministro delle risorse
agricole, alimentari e forestali del 31 gennaio 1996, pubblicato nel
supplemento ordinario n. 33 alla Gazzetta Ufficiale n. 41 del 19
febbraio 1996 e successive modificazioni, nei centri di ispezione
fitosanitari diversi da quelli del luogo di destinazione, è integrata
dalle regioni e dalle province autonome di Trento e di Bolzano, cui
tali spese competono, fino alla copertura complessiva delle stesse, a
carico dei rispettivi bilanci.
2. Per l’ottenimento della
partecipazione finanziaria di cui al comma 1, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano predispongono, nell’ambito delle
rispettive competenze, un programma delle misure da attuare rientranti
fra quelle finanziabili ai sensi del comma 1. Le richieste di
partecipazione finanziaria dirette alla Commissione europea e i
programmi completi della documentazione e di ogni informazione
necessaria, sono trasmessi al Ministero per le politiche agricole che
provvede, previo coordinamento, ad inviarli unitariamente alla
Commissione europea.

Art. 3.-Partecipazione finanziaria per la “lotta
fitosanitaria” sul territorio

1. La partecipazione finanziaria
dell’Unione europea, accordata ai fini della “lotta fitosanitaria” nel
territorio, nei casi di apparizione reale o sospetta di un organismo
nocivo dovuta all’introduzione o alla diffusione dello stesso nella
Comunità, fino alla copertura non superiore al 50% delle spese
relative alle misure necessarie adottate o previste per debellare tale
organismo nocivo o, se ciò non è possibile, per arginarne la
diffusione, è integrata dalle regioni e dalle province autonome di
Trento e di Bolzano, cui tali spese competono, fino alla copertura
complessiva delle stesse, a carico dei rispettivi bilanci.
2. La
richiesta della partecipazione finanziaria di cui al comma 1 può
essere avanzata se l’organismo nocivo, elencato o meno negli allegati
I e II del decreto del Ministro delle risorse agricole, alimentari e
forestali del 31 gennaio 1996, e successive modificazioni:
a) è stato
oggetto di notifica alla Commissione europea e agli altri Stati membri
e;
b) costituisce un pericolo imminente per la totalità o parte del
territorio della Comunità in quanto apparso in una zona in cui non era
stato fino allora presente oppure era stato debellato o è in corso di
eradicazione e;
c) è stato introdotto in detta zona tramite forniture
di vegetali, prodotti vegetali o altre voci provenienti da un paese
terzo o da un’altra zona dell’Unione europea.
3. Le misure necessarie
di cui al comma 1 sono:
a) le operazioni di distruzione, disinfezione,
disinfestazione, sterilizzazione, pulizia o qualsiasi altro
trattamento effettuato ufficialmente o su richiesta dei servizi
fitosanitari regionali per:
1) vegetali, prodotti vegetali e altre
voci costitutivi delle forniture tramite i quali è stato introdotto
l’organismo nocivo nella zona in questione, riconosciuti come
contaminati o che possono esserlo;
2) vegetali, prodotti vegetali e
altre voci riconosciuti come contaminati, o che possono essere stati
contaminati dall’organismo nocivo introdotto perchè derivanti dai
vegetali delle forniture in questione o per essere stati in prossimità
di vegetali, prodotti vegetali o altre voci di tali forniture o di
quelli da esse derivanti;
3) substrati di coltivazione e terreni
riconosciuti come contaminati o che possono essere stati contaminati
dall’organismo nocivo in questione;
4) materiali di produzione,
condizionamento, imballaggio o immagazzinamento, locali di
immagazzinamento o di condizionamento, nonchè mezzi di trasporto che
sono stati in contatto con la totalità o una parte di vegetali,
prodotti vegetali ed altre voci di cui sopra;
b) le ispezioni o le
prove effettuate ufficialmente o su richiesta delle autorità
competenti al fine di controllare la presenza o la gravità della
contaminazione ad opera dell’organismo nocivo introdotto;
c) il
divieto o la limitazione dell’impiego di substrati di coltivazione, di
aree coltivabili o di locali, nonchè di vegetali, prodotti vegetali o
altre voci diversi dai materiali facenti parte delle forniture in
questione o da quelli aventi la stessa origine, se tale divieto o
limitazione risulta da decisioni ufficiali motivate da rischi
fitosanitari connessi all’organismo nocivo introdotto.
4. Si
considerano spese derivanti direttamente dalle misure necessarie di
cui al comma 3 i pagamenti effettuati a valere su stanziamenti
pubblici al fine di:
a) coprire totalmente o in parte i costi delle
misure di cui al comma 3, lettere a) e b), fatta eccezione per quelli
connessi con il normale funzionamento dell’organismo ufficiale
responsabile in questione di cui ai titoli III e VIII del decreto del
Ministro delle risorse agricole, alimentari e forestali del 31 gennaio
1996, e successive modificazioni, oppure
b) compensare la totalità o
parte delle perdite finanziarie, diverse dal mancato profitto,
direttamente derivanti da una o più delle misure di cui al comma 3,
lettera c).
5. Nei casi in cui, con regolamento della commissione
europea, una compensazione per mancato profitto è considerata, in
deroga al comma 4, lettera b), spesa derivante direttamente dalle
misure necessarie di cui al comma 3, può essere richiesta, alle
condizioni previste dal comma 2, la concessione di una partecipazione
finanziaria dell’Unione europea fino alla copertura non superiore al
25 % della spesa.
6. Le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano che, per azioni ed interventi rientranti fra quelli
contemplati dal presente articolo, adottati o previsti nel settore
nell’ambito delle proprie attribuzioni, intendono usufruire della
partecipazione finanziaria dell’Unione europea di cui ai commi 1 e 5,
trasmettono tempestivamente al Ministero per le politiche agricole la
relativa domanda diretta alla Commissione europea. La domanda deve
essere corredata da una relazione dettagliata e documentata contenente
le seguenti informaz…

[Continua nel file zip allegato]

Decreto Legislativo n° 192 del 22 maggio 1999

Architetto.info