DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 1990 | Architetto.info

DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 1990

DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 1990 Istituzione del corso di familiarizzazione per navi cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti.

DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 1990(1)
Istituzione del corso di
familiarizzazione per navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti.
(G.U. n. 105, 8 maggio 1990, Serie Generale)
(1)Abrogato
dall’art. 8, D.M. 18 luglio 1991, a sua volta abrogato dall’art. 5,
comma 6, decreto 7 agosto 2001.
IL MINISTRO DELLA MARINA
MERCANTILE
Visto il codice della navigazione, approvato con regio
decreto 30 marzo 1942, n. 327, e il relativo regolamento di
esecuzione;
Vista la legge 21 novembre 1985, n. 739, pubblicata nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 295 del 16 dicembre
1985, concernente l’adesione alla convenzione sulle norme relative
alla formazione della gente di mare, al rilascio dei brevetti e alla
guardia, adottata a Londra il 7 luglio 1978, e sua esecuzione;
Visto
il comunicato del Ministero degli affari esteri, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 275 del 24 novembre 1987, relativo al deposito,
presso il segretario generale dell’IMO, in data 26 agosto 1987, dello
strumento di adesione dell’Italia alla convenzione suddetta, entrata,
pertanto, in vigore, per l’Italia il 26 novembre 1987, conformemente
all’art. XIV;
Vista la regola V/3 della citata convenzione
internazionale relativa ai requisiti minimi obbligatori per
l’addestramento e la qualificazione di comandanti, ufficiali e comuni
di navi cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti;
Considerato
che tra i requisiti predetti è previsto l’espletamento di un corso di
familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per le navi
sopraindicate;
Tenuto conto delle indicazioni contenute nella
risoluzione 12 adottata dall’IMO nella conferenza di Londra del 1978,
relativa all’addestramento e alla qualificazione del personale
predetto;
Ritenuta la necessità di determinare criteri relativi a
programmi, strutture ed attrezzature per lo svolgimento del corso di
familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite
al trasporto di gas liquefatti;
Sentita la commissione
interministeriale sull’istruzione e l’addestramento professionale del
personale marittimo istituita con decreto ministeriale 21 maggio 1981
e successive modificazioni;
Tenuto conto della necessità di definire
le modalità per il conseguimento dei requisiti di cui al punto 1 della
predetta regola V/3, anche alla luce della carenza delle relative
strutture addestrative;
Decreta:
Art. 1
E’ istituito il corso di
familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite
al trasporto di gas liquefatti della durata non inferiore a quindici
ore.
Il programma da svolgere deve essere conforme a quello indicato
nell’allegato A al presente decreto.
Art. 2
Sono tenuti a frequentare
il corso gli ufficiali ed i comuni di coperta e di macchina che devono
essere addetti alle operazioni di carico o di discarica o ai relativi
macchinari a bordo di navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti a meno che non siano stati imbarcati per almeno sei mesi
sulle navi medesime.
La frequenza al corso può essere sostituita da un
idoneo tirocinio pratico della durata non inferiore ad un mese
effettuato a bordo di navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti alle dipendenze del comandante, che deve comprovare
l’avvenuto addestramento con apposita annotazione sul giornale
nautico.
Art. 3
Il corso può essere svolto da istituti, enti o società
dotati delle strutture e delle attrezzature di cui all’allegato B al
presente decreto, riconosciuti idonei dal Ministro della marina
mercantile.
Art. 4
Ad ogni corso possono essere ammessi allievi, anche
provenienti da stati esteri, in numero non superiore a trenta.
Art.
5
Il corpo docente dovrà possedere conoscenze teoriche ed esperienza
professionale pratica, sulla base del profilo professionale di cui
all’allegato C al presente decreto, ritenute adeguate ai compiti del
Ministero della marina mercantile.
Art. 6
A coloro che abbiano
frequentato il corso, con esito favorevole, è rilasciato un attestato
secondo il modello indicato nell’allegato D al presente decreto.
A
coloro che abbiano effettuato il tirocinio di cui all’art. 2 è
rilasciato un attestato secondo il modello indicato nell’allegato
E.
Art. 7
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Allegato A
Programma del corso di
familiarizzazione per navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti
Principi generali:
tipi di gas trasportati; pericoli
associati al maneggio dei gas più frequentemente trasportati;
descrizione generale degli impianti per il trasporto del carico;
impianti di caricazione e di discarica inclusi gli impianti per lo
sfiato del carico; caratteristiche strutturali di sicurezza della nave
e requisiti particolari.
Prevenzione degli incendi e lotta
antincendio:
fonti di ignizione; prevenzione degli incendi e delle
esplosioni; restrizioni per fumare e per cucinare e loro controllo;
metodi di lotta antincendio; impianti antincendio fissi e
mobili.
Pericoli per la salute e protezione personale:
pericoli di
contatto con la pelle ed inalazione dei vapori del carico o di gas
inerte; tipi di antidoti e loro effetti; uso corretto degli indumenti
protettivi e dell’autoprotettore, dei rianimatori e
dell’equipaggiamento di salvataggio e dei corredi di sfuggita;
ingresso in compartimenti chiusi.
Prevenzione
dell’inquinamento:
procedure da seguire per prevenire l’inquinamento
dell’aria e dell’acqua; misure da prendere in casi di
traboccamenti.
Procedure di emergenza:
schema di base del piano di
emergenza; procedure nell’eventualità di incendio, collisione ed
arenamento, traboccamenti o fughe di gas liquefatti,
infortuni.
Allegato B
Strutture ed attrezzature per lo svolgimento del
corso di familiarizzazione per navi cisterna adibite al trasporto di
gas liquefatti
Un’aula per lezioni teoriche, possibilmente a
gradinata, dotata di proiettore, schermo, lavagna luminosa,
diaproiettore, lavagna di ardesia o simile;
pannelli didattici
riproducenti i vari tipi di navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti, gli impianti relativi alla sicurezza e al maneggio del
carico;
sussidi didattici ed audiovisivi consistenti in: trasparenti,
diapositive, pellicole, libri e pubblicazioni nonché indumenti ed
equipaggiamenti protettivi, rianimatori, analizzatori di atmosfere
infiammabili e/o tossiche.
Allegato C
Requisiti del corpo istruttori
del corso di familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per navi
cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti
Capitano di lungo
corso con esperienza acquisita in periodo recente di almeno cinque
anni di navigazione in qualità di comandante o di primo ufficiale su
navi destinate al trasporto di merci pericolose, di cui almeno due su
navi adibite al trasporto di gas liquefatti.
Capitano di macchina con
esperienza acquisita in periodo recente di almeno cinque anni di
navigazione in qualità di direttore o di primo ufficiale di macchina
su navi destinate al trasporto di merci pericolose, di cui almeno due
su navi adibite al trasporto di gas liquefatti.
Laureato in
ingegneria con almeno cinque anni di insegnamento in macchine marine
e/o servizi ausiliari di bordo ovvero con esperienza specifica
acquisita per almeno cinque anni presso industrie navali.
Laureato in
discipline nautiche docente di sicurezza e/o arte navale con almeno
cinque anni di insegnamento in tali materie.
Allegato D
Modello di
attestato del corso di familiarizzazione alle tecniche di sicurezza
per navi cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti
(Allegato
omesso)
Allegato E
Modello di attestato del tirocinio pratico
effettuato a bordo delle navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti
(Allegato omesso)

DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 1990

Architetto.info