DECRETO PRESIDENTE CONSIGLIO MINISTRI 19 aprile 1996 | Architetto.info

DECRETO PRESIDENTE CONSIGLIO MINISTRI 19 aprile 1996

DECRETO PRESIDENTE CONSIGLIO MINISTRI 19 aprile 1996 Rideterminazione delle dotazioni organiche delle qualifiche dirigenziali, delle qualifiche funzionali e dei profili professionali del personale del Ministero dei lavori pubblici (G.U. n. 23, 29 gennaio 1997, Supplemento Ordinario)

DECRETO PRESIDENTE CONSIGLIO MINISTRI19 aprile 1996(2)

Rideterminazione delle dotazioni organiche delle qualifiche
dirigenziali, delle qualifiche funzionali e dei profili professionali
del personale del Ministero dei lavori pubblici
(G.U. n. 23, 29
gennaio 1997, Supplemento Ordinario)
(2)Abrogato dall’art. 12, comma
1, lett. b), D.P.R. 26 marzo 2001, n. 177, a decorrere dalla data di
cui all’art. 55, comma 1, D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300.
IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto il decreto legislativo 3 febbraio
1993, n. 29 e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 24
dicembre 1993, n. 537, in particolare l’art. 3, commi 5 e 6;
Vista la
legge 23 dicembre 1994, n. 724 ed in particolare l’art. 22, comma
16;
Vista la legge 28 dicembre 1995, n. 549 ed in particolare l’art.
1, comma 9;
Vista la legge 11 luglio 1980, n. 312;
Visto il decreto
del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1984, n. 1219 come
modificato ed integrato dal decreto del Presidente della Repubblica 17
gennaio 1990, n. 44;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;
Visto il
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 26 marzo
1996, con il quale il Presidente del Consiglio dei Ministri ha
delegato il Ministro per la funzione pubblica ad esercitare le
funzioni in materia di pubblico impiego;
Vista la tabella X allegata
al decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748
(quadri A, B, C) con la quale è stata determinata la dotazione
organica dei dirigenti del Ministero dei lavori pubblici, con
esclusione di quelli dell’ANAS, e le successive integrazioni e
modificazioni apportate dai seguenti provvedimenti: decreto del
Presidente della Repubblica 20 settembre 1973, n. 1186; decreto del
Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381; decreto del
Presidente della Repubblica 22 maggio 1975, n. 480; legge 5 agosto
1978, n. 457; legge 28 febbraio 1986, n. 46 di conversione in legge
del decreto-legge 30 dicembre 1985, n. 791; legge 18 maggio 1989, n.
183;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4
giugno 1993, registrato alla Ragioneria centrale presso la Presidenza
del Consiglio dei Ministri il 7 luglio 1993 al n. 583 (Gazzetta
Ufficiale n. 178 del 31 luglio 1993) con il quale sono state
complessivamente determinate le dotazioni organiche delle qualifiche
funzionali e dei profili professionali del personale del Ministero dei
lavori pubblici nelle seguenti misure riferite alle qualifiche
funzionali: IX, n. 205; VIII, n. 442; VII, n. 1891; VI, n. 1321; V, n.
1770; IV, n. 1970; III, n. 290 e II, n. 20 per un complesso di 7909
unità;
Visti i decreti del Ministro dei lavori pubblici 6 dicembre
1994 e 17 luglio 1995 registrati, rispettivamente, alla Corte dei
conti il 2 giugno 1995, reg. 1 LL.PP., foglio n. 302 ed il 17 ottobre
1995, reg. 2 LL.PP., foglio 100, con i quali si è proceduto, in
applicazione dell’art. 3, comma 6, della legge 24 dicembre 1993, n.
537, alla rideterminazione della dotazione organica provvisoria del
personale dirigenziale e delle qualifiche funzionali del Ministero dei
lavori pubblici nelle seguenti misure, distinte per categorie e
qualifiche: dirigenti amministrativi – dirigenti generali di livello
C, n. 9; dirigenti superiori amministrativi, n. 19; primi dirigenti
amministrativi, n. 48; dirigenti tecnici – dirigenti generali di
livello B con funzioni di presidente del Consiglio superiore dei
lavori pubblici: n. 1; dirigenti generali tecnici di livello C con
funzioni di presidente di sezione del Consiglio superiore dei lavori
pubblici: n. 6; dirigenti superiori tecnici n. 36; primi dirigenti
tecnici n. 76; dirigenti del Magistrato delle acque o Provveditore
alle opere pubbliche – dirigente generale di livello C, con funzioni
di presidente del Magistrato alle acque e per il Po: n. 2 e di
Provveditore alle opere pubbliche: n. 17; ruolo ad esaurimento: n. 15;
nona qualifica funzionale n. 129; ottava qualifica funzionale n. 288;
settima qualifica funzionale n. 1306; sesta qualifica funzionale n.
870; quinta qualifica funzionale n. 1212; quarta qualifica funzionale
n. 1406; terza qualifica funzionale n. 164; seconda qualifica
funzionale, n. 20 per un complesso di 5624 unità di cui 214
dirigenti.
Visto il decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 luglio
1995, registrato alla Corte dei conti il 9 ottobre 1995, reg. 2 LL.PP.
foglio 94, con il quale le predette dotazioni organiche sono
incrementate, in corrispondenza delle unità di personale, di
provenienza dai soppressi organismi dell’Intervento straordinario nel
Mezzogiorno, assegnate al Ministero dei lavori pubblici, delle
seguenti unità: dirigente superiore amministrativo, n. 2; primo
dirigente amministrativo, n. 29; nona qualifica funzionale, n. 100;
ottava, n. 160; settima, n. 69; sesta, n. 107; quinta, n. 35; quarta,
n. 12 e terza, n. 1, per un complesso di 515 unità, di cui 31
dirigenti e 484 unità delle qualifiche funzionali che vanno ad
integrare le dotazioni organiche delle qualifiche funzionali
provvisoriamente rideterminate al 31 agosto 1993, dalle quali devono
essere però detratte complessivamente 642 unità, distribuite nelle
qualifiche sesta (17), quinta (136) e quarta (489), di personale
corrispondente all’ex SEP transitato al Ministero dei trasporti e
della navigazione;
Considerato che, in applicazione del comma 5
dell’art. 3 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, sono stati rilevati
i carichi di lavoro, sulla base di una metodologia ritenuta congrua
dal Dipartimento della funzione pubblica con note n.
UOPA/C.LAV/2270/94 del 3 novembre 1994 e del 18 gennaio 1995, il cui
esito è stato comunicato dal Ministro dei lavori pubblici al
Dipartimento della funzione pubblica con foglio n. 10966 del 28 giugno
1995;
Vista la legge 11 febbraio 1994, n. 109, ed in particolare
l’art. 5, nonché la legge 2 giugno 1995, n. 216 di conversione in
decreto-legge 3 aprile 1995 n. 101, ai cui sensi è stato istituito il
Servizio di ispettorato tecnico sui lavori pubblici, al quale è
preposto un dirigente generale di livello C ed è assegnato un
ulteriore contingente di personale non superiore a 125 unità, di cui
25 con qualifica dirigenziale, le cui qualifiche funzionali e profili
professionali dovranno essere individuati con successivo decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dei
lavori pubblici adottato di intesa con il Ministero del tesoro e con
il dipartimento della funzione pubblica;
Atteso che alla proposta di
dotazioni organiche del personale di cui alla nota n. 10966 del 28
giugno 1995, a firma del Ministro dei lavori pubblici, sono state
apportate le modifiche indicate nel verbale in data 20 marzo 1996
della Conferenza di servizi convocata dal Ministro per la funzione
pubblica con telefax n. 17572/UOPA/28153/96/7.463 del 15 marzo 1996,
cui hanno partecipato i rappresentanti del Ministero dei lavori
pubblici, del Ministero del tesoro – Ragioneria generale dello
Stato-IGOP e della Presidenza del Consiglio dei Ministri –
Dipartimento della funzione pubblica, pervenendo, quindi, all’intesa
di cui al comma 3 dell’art. 6 del decreto legislativo n.
29/1993;
Previa informazione alle organizzazioni sindacali
maggiormente rappresentative sul piano nazionale;
Decreta:
[Articolo
unico](3)
Le dotazioni organiche del personale dirigenziale, delle
qualifiche funzionali e dei profili professionali del Ministero dei
lavori pubblici sono determinate secondo l’allegata tabella A (Quadri
1, 2, 3 e 4) che costituisce parte integrante del presente decreto e
sostituisce i quadri A, B e C della tabella X allegata al decreto del
Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748, così come
modificati e integrati dai seguenti provvedimenti: decreto del
Presidente della Repubblica 20 settembre 1973, n. 1186; decreto del
Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381; decreto del
Presidente della Repubblica 22 maggio 1975, n. 480; legge 5 agosto
1978, n. 457; legge 28 febbraio 1986, n. 46 di conversione in legge
del decreto-legge 30 dicembre 1985, n. 791; legge 18 maggio 1989, n.
183; le tabelle A, B e C annesse al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 4 giugno 1993, citati nelle premesse.
Con
successivo provvedimento si procederà all’individuazione delle
qualifiche e dei profili professionali del personale previsto per il
Servizio di ispettorato tecnico sui lavori pubblici previsto dall’art.
5 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e dalla legge 2 giugno 1995,
n. 216 di conversione in legge del decreto-legge 3 aprile 1995 n.
101.
Il presente decreto sarà trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione.
(3)Articolo abrogato dall’art. 12, comma 1, lett. b),
D.P.R. 26 marzo 2001, n. 177, a decorrere dalla data di cui all’art.
55, comma 1, D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300.
Tabella A(1)
Ministero dei
lavori pubblici
Dotazione organica

Codice denominazione
Profili
professionali
Dotazione organica

Amministrazione centrale – Roma

Dirigenti amministrativi

Dirigente generale – livello C
9

Dirigente amministrativo
44

Dirigenti tecnici

Dirigente
generale livello B con funzione di Presidente Consiglio superiore
1

Dirigente generale tecnico livello C con funzione di Presidente di
Sezione Consiglio superiore
6

Dirigente tecnico
48

Totale
108

Nona qualifica funzionale

1/A
Direttore amministrativo

20
13/A
Direttore amministrativo contabile
4
211/A
Architetto
direttore coordinatore
3
224/A
Ingegnere direttore coordinatore
22

Totale
49

Ottava qualifica funzionale

1
Funzionario
amministrativo
55
13
Funzionario amministrativo
contabile
14
211
Architetto direttore
7
222
Geologo
direttore
1
224
Ingegnere direttore

21
265
Bibliotecario
1
271
Analista di sistema
2
272
Analista di
procedure
1

Totale
102

Settima qualifica funzionale

2
Collaboratore amministrativo
138
14
Collaboratore ammministrativo
contabi…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO PRESIDENTE CONSIGLIO MINISTRI 19 aprile 1996

Architetto.info