Definizione di modalita' e condizioni delle importazioni di energia elettrica per l'anno 2001 | Architetto.info

Definizione di modalita’ e condizioni delle importazioni di energia elettrica per l’anno 2001

Definizione di modalita' e condizioni delle importazioni di energia elettrica per l'anno 2001 in presenza di insufficiente capacita' di trasporto che si renda disponibile a seguito della possibilita' di distacco istantaneo di carico delle utenze e modificazione della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 6 dicembre 2000, n. 219/00. (Deliberazione n. 21/01).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 14 febbraio 2001;

Premesso che:

l’art. 10, comma 2, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79
(di seguito: decreto legislativo n. 79/1999), di attuazione della
direttiva 96/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19
dicembre 1996, concernente norme comuni per il mercato interno
dell’energia elettrica, prevede che, con provvedimento
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
l’Autorita’), siano individuale modalita’ e condizioni delle
importazioni nel caso risultino insufficienti le capacita’ di
trasporto disponibili, tenuto conto di un’equa ripartizione
complessiva tra mercato vincolato e mercato libero;

la deliberazione dell’Autorita’ 6 dicembre 2000, n. 219/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 290 del
13 dicembre 2000 (di seguito: deliberazione n. 219/00), definisce
modalita’ e condizioni delle importazioni di energia elettrica in
presenza di capacita’ di trasporto disponibili insufficienti e che
tali importazioni vengano assegnate su base annuale e su base
mensile;

il Gestore della rete di trasmissione nazionale (di seguito:

Gestore della rete) in data 7 dicembre 2000 ha pubblicato sul
proprio sito internet (www.grtn.it) un avviso per l’assegnazione
della capacita’ sull’interconnessione con l’estero per l’anno 2001
che riporta la capacita’ di interconnessione disponibile, in
attuazione delle disposizioni della deliberazione n. 219/00, per
l’importazione da ciascuno dei Paesi confinanti;

il Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato ha
adottato la direttiva 21 dicembre 2000 (di seguito: direttiva 21
dicembre 2000) recante ulteriori direttive per la societa’ Gestore
della Rete di trasmissione nazionale per l’avvio di un programma di
sperimentazione che consenta di individuare l’eventuale incremento
della capacita’ di interconnessione con l’estero conseguibile, nel
rispetto della sicurezza del sistema elettrico nazionale, nel caso
in cui uno o piu’ utenti si rendano disponibili a distacchi di
carico istantanei (di seguito: ulteriore capacita’);

il Gestore della rete con lettera in data 19 gennaio 2001 (prot.
AD/P/20010008), ha comunicato, con riferimento alle direttive di
cui al precedente alinea, l’avvio in via sperimentale di un
programma che, fermi restando i valori della capacita’ di
interconnessione dichiarati dal medesimo Gestore per l’anno 2001,
consenta di utilizzare capacita’ di trasporto addizionale non
prevedibile e non garantita, purche’ l’energia importata attraverso
l’impiego di tale capacita’ provenga da impianti di generazione che
possano essere distaccati in tempo reale e sia destinata
esclusivamente a clienti finali disponibili a distacchi istantanei
di carico;

il Gestore della rete, nella medesima lettera, ha ritenuto, in
prima approssimazione, pari a circa 100 MW l’eventuale valore di
capacita’ destinata a clienti disponibili a distacchi istantanei di
carico e che detta capacita’ fosse a tal scopo impiegabile a
partire dal mese di febbraio 2001;

il Gestore della rete con lettera in data 26 gennaio 2001 (prot.
AD/P/20010018) ha delineato alcune soluzioni che consentirebbero di
poter impiegare, una volta verificati g1i strumenti di interruzione
istantanea del carico, 100 MW di capacita’ di interconnessione
ulteriore rispetto a quanto rappresentato nel precedente alinea, a
condizione di reperire una ulteriore capacita’ di interconnessione
di circa 300 MW da destinarsi ad utenti disponibili a distacco di
carico in tempo reale;

il Gestore della rete con lettera in data 6 febbraio 2001, ricevuta
dall’Autorita’ il successivo 7 febbraio 2001 (prot.

Autorita’ 002482), ha trasmesso la sintesi di uno studio
preliminare, condotto dal medesimo Gestore, nel quale viene
affermata la possibilita’, nell’ambito del programma di
sperimentazione di cui ai precedenti alinea, di incrementare di un
ammontare complessivo pari a 200 MW la capacita’ di
interconnessione disponibile rispetto alla capacita’ dichiarata dal
medesimo Gestore in attuazione delle disposizioni della
deliberazione n. 219/2000, a condizione che uno o piu’ utenti si
rendano disponibili a distacchi istantanei di carico pari a circa
900 MW e che tali utenti siano localizzati nella parte
settentrionale dell’Italia;

Visti:

la legge 14 novembre 1995, n. 481;

il decreto legislativo n. 79/1999 Viste:

la deliberazione dell’Autorita’ 18 febbraio 1999, n. 13/99,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 49 dell’1
marzo 1999, e successive modificazioni ed integrazioni;

la deliberazione dell’Autorita’ 30 giugno 1999, n. 91/99,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 188 del 9
novembre 1999;

la deliberazione n. 219/00;

la deliberazione dell’Autorita’ 13 dicembre 2000, n. 223/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 296 del
20 dicembre 2000;

Vista la direttiva 21 dicembre 2000;

Considerato che:

il programma di sperimentazione richiamato nella direttiva 21
dicembre 2000 potrebbe consentire, per l’anno 2001, un incremento
di capacita’ di interconnessione rispetto a quella assegnabile in
attuazione della deliberazione n. 219/00;

il programma di sperimentazione di cui al precedente alinea
presuppone l’accordo tra il Gestore della rete e gli operatori di
sistema confinanti in merito all’ulteriore capacita’ e alle
procedure di assegnazione;

l’adozione di procedure per l’assegnazione dell’ulteriore capacita’
basate su criteri di ripartizione pro-quota porterebbe ad una
eccessiva parcellizzazione della capacita’ stessa e che, date le
quantita’ e le caratteristiche di tale capacita’, detta
parcellizzazione comporterebbe consistenti problemi di gestione
della risorsa tali da pregiudicarne l’efficace utilizzo;

Ritenuto che:

sia opportuno definire modalita’ e condizioni per l’assegnazione
dell’ulteriore capacita’ rispetto a quella assegnabile in
attuazione della deliberazione n. 219/00 che si rendesse
disponibile a seguito del programma di sperimentazione che prevede
la disponibilita’ di distacco istantaneo di carichi;

sia opportuno riconoscere al gestore della rete adeguati margini di
flessibilita’ sia nella individuazione dell’ulteriore capacita’ sia
nella definizione delle procedure per l’assegnazione di detta
ulteriore capacita’, al fine di promuovere la stipula degli accordi
con gli operatori di sistema confinanti;

sia opportuno che l’Autorita’ approvi le procedure per
l’assegnazione di cui al precedente alinea;

sia opportuno che le suddette procedure per l’assegnazione emulino
la modalita’ di ordinamento, su prezzi crescenti, delle offerte di
cessione dell’energia elettrica in un sistema di mercato e che tale
impostazione sia aderente alle esigenze tecniche di cui all’ultimo
alinea del considerato e, allo stesso tempo, eviti l’incremento dei
prezzi di acquisto dell’energia elettrica importata;

le assegnazioni effettuate in applicazione delle procedure di cui
al precedente alinea avvengano secondo il seguente schema:

a) assegnazione di parte dell’ulteriore capacita’ su base pluri-
mensile per l’intero periodo 1 aprile 2001-31 dicembre 2001;

b) assegnazione su base mensile della rimanente parte
dell’ulteriore dichiarata disponibile per lo stesso mese dal
gestore della rete;

nelle more dell’entrata in operativita’ del sistema delle offerte
di cui all’art. 5 del decreto legislativo n. 79/1999, il Gestore
della rete possa destinare la capacita’ di interconnessione non
assegnata su base annuale in attuazione del disposto della
deliberazione n. 219/00 all’allocazione per tutto l’arco temporale
disponibile dell’anno 2001 sulla base delle modalita’ previste
dalla medesima deliberazione per l’assegnazione su base annuale;

Delibera:

Art. 1.

Definizioni

Ai fini del presente provvedimento si applicano le definizioni di
cui all’art. 2 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79,
integrate come segue:

a) assegnatario e’ il soggetto che acquisisce la disponibilita’ di
una quota parte della ulteriore capacita’ di interconnessione
disponibile;

b) l’Autorita’ e’ l’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas,
istituita ai sensi della legge 14 novembre 1995, n. 481;

c) decreto legislativo n. 79/1999 e’ il decreto legislativo 16
marzo 1999, n. 79;

d) deliberazione n. 13/99 e’ la deliberazione dell’Autorita’ 18
febbraio 1999, n. 13/99, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 49 del 1 marzo 1999, come successivamente
modificata ed integrata;

e) deliberazione n. 91/99 e’ la deliberazione dell’Autorita’ 30
giugno 1999, n. 91/99, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 188 del 12 agosto 1999;

f) deliberazione n. 219/00 e’ la deliberazione dell’Autorita’ 6
dicembre 2000, n. 219/00, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 290 del 13 dicembre 2000;

g) deliberazione n. 223/00 e’ la deliberazione dell’Autorita’ 13
dicembre 2000, n. 223/00, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 296 del 20 dicembre 2000;

h) direttiva 21 dicembre 2000 e’ la direttiva del Ministro
dell’industria, del commercio e dell’artigianato 21 dicembre 2000
recante ulteriori direttive per la societa’ gestore della rete di
trasmissione nazionale;

i) frontiera e’ l’insieme delle linee di interconnessione con
ciascuno dei seguenti stati: Austria, Francia, Slovenia e Svizzera;

j) Gestore della rete e’ la societa’ Gestore della rete di
trasmissione nazionale S.p.a.;

k) operatore di sistema confinante e’ ciascun…

[Continua nel file zip allegato]

Definizione di modalita’ e condizioni delle importazioni di energia elettrica per l’anno 2001

Architetto.info