DELIBERAZIONE 3 maggio 2001: Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 96/1993. Ulteriori assegnazioni per l'anno 2001 | Architetto.info

DELIBERAZIONE 3 maggio 2001: Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 96/1993. Ulteriori assegnazioni per l’anno 2001

DELIBERAZIONE 3 maggio 2001: Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 96/1993. Ulteriori assegnazioni per l'anno 2001 (completamenti legge n. 64/1986). (Deliberazione n. 66/2001). (GU n. 141 del 20-6-2001)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 3 maggio 2001
Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 96/1993. Ulteriori
assegnazioni per l’anno 2001 (completamenti legge n. 64/1986).
(Deliberazione n. 66/2001).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Vista la legge 1o marzo 1986, n. 64, recante la “Disciplina
organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno”;
Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, con il quale
viene, fra l’altro, disposta la soppressione del Dipartimento per gli
interventi straordinari nel Mezzogiorno e dell’Agenzia per la
promozione dello sviluppo del Mezzogiorno;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, recante
disposizioni per il trasferimento delle competenze dei soppressi
organismi dell’intervento straordinario e del relativo personale ed
in particolare l’art. 19, comma 5, che istituisce un Fondo per il
finanziamento degli interventi ordinari nelle aree depresse del
territorio nazionale;
Visto il decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito dalla
legge 7 aprile 1995, n. 104, ed in particolare l’art. 3 che
sostituisce il comma 5 sopracitato;
Visto il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244, convertito dalla
legge 8 agosto 1995, n. 341;
Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388 (legge finanziaria 2001);
Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 389, di approvazione del
bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2001 e del
bilancio pluriennale per il triennio 2001-2003;
Viste le delibere adottate da questo Comitato a partire dall’anno
1994, con le quali sono state disposte assegnazioni finanziarie per
assicurare la prosecuzione delle attivita’ avviate a carico della
legge n. 64/1986, ivi incluso il finanziamento di enti ed istituti
operanti nell’ambito dell’Intervento straordinario nel Mezzogiorno;
Vista la delibera di questo Comitato n. 155 del 21 dicembre 2000
(Gazzetta Ufficiale n. 62 del 15 marzo 2001), con la quale e’ stata
fra l’altro disposta, a valere sulle disponibilita’ del Fondo ex art.
19 del decreto legislativo n. 96/1993, un’assegnazione, per l’anno
2001, di lire 30 miliardi (15,49 Meuro) a favore del Ministero
dell’industria, del commercio e dell’artigianato (punto 2 della
delibera), finalizzata alla promozione di occupazione e di impresa ed
al finanziamento del programma di attivita’ dell’Istituto per la
promozione industriale (IPI);
Vista l’ulteriore delibera di questo Comitato n. 29 dell’8 marzo
2001, con la quale sono state disposte assegnazioni per l’anno 2001
pari a complessive L. 2.064.473.211.080 (1.066,21 Meuro), a favore di
varie amministrazioni, in particolare del Ministero del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, del Ministero dei lavori
pubblici, del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, del
Ministero delle politiche agricole e del Ministero dell’universita’ e
della ricerca scientifica e tecnologica;
Vista la nota del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica – Dipartimento per le politiche di sviluppo
e coesione, Servizio per la programmazione negoziata – n. 15399 del
9 aprile 2001, con la quale viene fra l’altro richiesta
un’assegnazione di lire 100 miliardi per il 2001, per fronteggiare le
piu’ immediate esigenze operative connesse alla concessione di
contributi finanziari a favore delle iniziative di cui ai contratti
ed accordi di programma a carico della legge n. 64/1986, a fronte di
un’esigenza complessiva valutata dal Servizio stesso in circa 1.287
miliardi;
Vista la nota del Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato n. 910301 del 2 aprile 2001, con la quale viene
evidenziato lo stato di realizzazione delle iniziative industriali
agevolate ai sensi della legge n. 64/1986 e viene comunicato il
fabbisogno finanziario residuo per i relativi completamenti, che
comporta per l’esercizio 2001 una richiesta – sul Fondo ex art. 19
del decreto legislativo n. 96/1993 – per complessive lire 1.000
miliardi;
Vista la nota del Ministero dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica n. 1242 del 24 aprile 2001, con la quale
viene trasmessa la richiesta del Centro italiano di ricerche
aerospaziali (CIRA), concernente le esigenze previste dal Piano
operativo 2001 per l’attuazione del Programma nazionale di ricerche
aerospaziali (PRORA), e viene richiesta un’assegnazione – a valere
sulle disponibilita’ del Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n.
96/1993 – di lire 51,9 miliardi in termini di competenza;
Vista la successiva nota del Ministero dell’universita’ e della
ricerca scientifica e tecnologica n. 1929/SSC/01 del 2 maggio 2001,
con la quale viene richiesta un assegnazione di lire 12 miliardi a
carico del citato fondo ex art. 19, quale contributo relativo al
biennio 1999-2000 per il finanziamento delle attivita’ svolte
dall’Istituto italiano studi filosofici di Napoli in linea con gli
obiettivi della legge n. 64/1986, nonche’ un contributo per le
attivita’ relative al 2001 in misura non superiore al 60% dei costi
sostenuti dall’istituto e comunque di importo non superiore a lire 6
miliardi, la cui erogazione e’ subordinata alla presentazione al
Ministero stesso del programma di attivita’ dell’istituto con
indicazione delle fonti di copertura finanziaria;
Tenuto conto che con la citata nota del 2 maggio 2001 viene
altresi’ comunicato l’intendimento del Ministero dell’universita’ e
della ricerca scientifica e tecnologica di predisporre un disegno di
legge che consenta, in un quadro normativo definito, di assicurare
all’Istituto italiano studi filosofici risorse adeguate allo
svolgimento della propria attivita’, fermo restando che l’erogazione
di future risorse dovra’ essere comunque subordinata non solo alla
verifica dei programmi, delle attivita’ svolte e dei costi sostenuti,
ma, soprattutto, alla accertata capacita’ dell’Istituto italiano
studi filosofici di acquisire risorse finanziarie, diverse da quelle
di fonte pubblica, per contribuire alla realizzazione dei propri
progetti;
Ritenuto opportuno, alla luce delle esigenze manifestate dalle
amministrazioni suindicate, disporre un’assegnazione per l’anno 2001,
a carico del fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 93/1996,
pari a complessive lire 1.169,9 miliardi;
Su proposta del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica;
Delibera:
1. A valere sulle disponibilita’ del Fondo ex art. 19 del decreto
legislativo 3 aprile 1993, n. 96, sono disposte, per le finalita’
indicate in premessa, le seguenti assegnazioni per l’anno 2001 pari a
complessive L. 1.169.900.000.000 (604.202 Meuro):

(lire)
=====================================================================
Amministrazioni | |
interessate | Assegnazioni 2001 | Cassa
=====================================================================
Ministero tesoro- | |
bilancio: Contratti e | |
accordi di programma | |
ex lege n. 64/1986 | 100.000.000.000 | 15.000.000.000
———————————————————————
Ministero università e| |
ricerca: Centro | |
italiano ricerche | |
aerospaziali (CIRA) | 51.900.000.000 | 51.900.000.000
———————————————————————
Istituto italiano | |
studi filosofici | |
(IISF) | 18.000.000.000 | 12.000.000.000
———————————————————————
Ministero industria: | |
Incentivi industriali | |
ex lege n. 64/1986 | 1.000.000.000.000 | 300.000.000.000
———————————————————————
| 1.169.900.000.000 |378.900.000.000 (Meuro
Totale complessivo….| (Meuro 604.203) | 195.685)

2. Per quanto concerne l’assegnazione di lire 18 miliardi a favore
del Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica per le esigenze dell’Istituto italiano studi filosofici
di Napoli, la quota di lire 12 miliardi, quale contributo per il
biennio 1999-2000, e’ trasferibile all’istituto stesso sulla base
della rendicontazione delle attivita’ svolte.
L’erogazione della restante quota riferita al 2001, fino ad un
importo massimo di lire 6 miliardi, e’ condizionata, secondo quanto
indicato in premessa, alla presentazione al detto Ministero del
programma di attivita’ dell’istituto con indicazione delle fonti di
copertura finanziaria.
Il Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica adottera’ le opportune iniziative volte ad assicurare, in
un quadro normativo definito, risorse adeguate allo svolgimento delle
iniziative dell’istituto ed a prevedere che l’assegnazione di futuri
contributi pubblici sia comunque subordinata non solo alla verifica
dei programmi, delle attivita’ svolte e dei costi sostenuti, ma anche
della accertata capacita’ dell’Istituto italiano studi filosofici di
acquisire risorse finanziarie diverse da quelle di fonte pubblica,
per contribuire alla realizzazione dei programmi stessi.
3. Nell’ambito della IV Commissione CIPE “Ricerca e formazione” e’
costituito un Gruppo di lavoro interministeriale incaricato di…

[Continua nel file zip allegato]

DELIBERAZIONE 3 maggio 2001: Fondo ex art. 19 del decreto legislativo n. 96/1993. Ulteriori assegnazioni per l’anno 2001

Architetto.info