DETERMINAZIONE 2 maggio 2001 | Architetto.info

DETERMINAZIONE 2 maggio 2001

DETERMINAZIONE 2 maggio 2001 Modifiche al decreto 20 marzo 2000, concernente le caratteristiche tecniche delle emulsioni di olio da gas e olio combustibile denso con acqua, destinate alla trazione ed alla combustione. (GU n. 111 del 15-5-2001)

AGENZIA DELLE DOGANE

DETERMINAZIONE 2 maggio 2001
Modifiche al decreto 20 marzo 2000, concernente le caratteristiche
tecniche delle emulsioni di olio da gas e olio combustibile denso con
acqua, destinate alla trazione ed alla combustione.

IL DIRETTORE

Visto l’art. 12, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488,
recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato”, il quale prevede l’inserimento, nell’elenco
dei prodotti assoggettati ad imposizione ed aliquote vigenti alla
data del 1 gennaio 2005, di cui all’allegato 1 annesso alla legge
23 dicembre 1998, n. 448, di alcune tipologie di emulsioni di oli
stabilizzate, idonee all’impiego nella carburazione e nella
combustione;
Visto l’art. 12, comma 3, della citata legge n. 488 del 1999, il
quale prevede che le caratteristiche tecniche che rendono le
emulsioni idonee al predetto impiego sono stabilite con decreto del
Ministro delle finanze;
Visto l’art. 3 del decreto-legge 30 settembre 2000, n. 268
convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2000, n. 354,
che fissa le aliquote per gli oli emulsionati;
Visto l’art. 24, comma 1, lettera d), della legge 23 dicembre 2000,
n. 388, che prevede una modifica temporanea fino al 30 giugno 2001
delle aliquote di accisa di alcuni prodotti petroliferi;
Visti gli articoli 22, comma 5, e 23, comma 1, del testo unico
delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla
produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative,
approvato con decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504;
Visto il decreto 20 marzo 2000 del direttore generale del
Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 78 del 3 aprile 2000 recante “Caratteristiche
tecniche delle emulsioni di olio da gas ed olio combustibile denso
con acqua destinate alla trazione ed alla combustione”;
Visto il regolamento adottato con decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 434 del 23 novembre 2000, recante
recepimento della direttiva 98/1970/CE relativa alla qualita’ della
benzina e del combustibile diesel;
Visto il testo NC 637-01, revisionato al mese di aprile 2001,
redatto dalla Commissione tecnica di unificazione nell’autoveicolo
(CUNA) e trasmesso in data 11 aprile 2001, riguardante i requisiti ed
i metodi di prova dell’emulsione di acqua in gasolio per
autotrazione;
Considerata la necessita’ di recepire le modifiche alle
caratteristiche tecniche di cui al predetto decreto 20 marzo 2000
apportate, dal citato testo NC 637-01 aggiornato al mese di aprile
2001;
Tenuto conto altresi’ che la previsione, contenuta nel ripetuto
decreto 20 marzo 2000, di limitare la produzione delle emulsioni
stabilizzate nell’ambito dei depositi fiscali provoca la
proliferazione di detti depositi, la cui istituzione viene richiesta
al solo scopo di produrre tali emulsioni;
Ritenuta pertanto l’esigenza, per evitare la proliferazione dei
depositi fiscali, pur mantenendo sotto controllo le attivita’
produttive interessate, che la produzione delle emulsioni
stabilizzate avvenga di norma presso i depositi fiscali e, nei casi
ed alle condizioni stabiliti dall’Agenzia delle dogane, previa
autoritazione e con l’adozione di idonei controlli, anche presso i
depositi commerciali di oli minerali assoggettati ad accisa;
Atteso che l’individuazione delle citate caratteristiche tecniche,
gia’ rientrante nelle funzioni amministrative proprie del direttore
generale del Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette,
spetta ora al direttore dell’Agenzia delle dogane, ai sensi del
decreto del Ministro delle finanze 28 dicembre 2000, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 9 del 12 gennaio 2001, con il quale, in
applicazione dell’art. 73, comma 4, del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300, e’ stato stabilito che l’Agenzia delle dogane,
istituita ai sensi dell’art. 57, comma 1, dello stesso decreto
legislativo con attribuzione dei compiti di pertinenza del
Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette, sia attivata dal
1 gennaio 2001 e che dalla medesima data cessino le funzioni
esercitate dal predetto Dipartimento;
Adotta la seguente determinazione:
Art. 1.
1. Al decreto 20 marzo 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
78 del 3 aprile 2000, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’art. 1, comma 1, le parole “secondo la proposta di norma
AFNOR (pr NFM 07-101) non da’ luogo, dopo cinque minuti, con una
forza centrifuga relativa (fcr) pari a 4200 x g, a separazione
visibile di acqua” sono sostituite dalle seguenti: “secondo la
proposta di norma UNICHIM MU 1548 non da’ luogo, dopo 5 minuti, con
una forza centrifuga relativa (fcr) pari a 4200, a separazione
visibile di acqua libera”;
b) all’art. 1, comma 2, le parole “e sottoposto a centrifugazione
con apparato conforme al metodo ASTM D 1796 con una forza centrifuga
relativa (fcr) di 3060 x g per 15 minuti non da’ luogo a separazione
visibile di acqua” sono sostituite dalle seguenti: “e sottoposto a
centrifugazione secondo la proposta di norma UNICHIM MU 1547 con una
forza centrifuga relativa (fcr) di 3060 per 15 minuti non da’ luogo a
separazione visibile di acqua libera”;
c) all’art. 3, comma 2, le parole “dalla direzione centrale per
l’analisi merceologica e il laboratorio chimico del Dipartimento
delle dogane e delle imposte indirette;” sono sostituite dalle
seguenti: “dall’Area verifiche e controlli tributi doganali e
accise-laboratori chimici dell’Agenzia delle dogane;”;
d) il comma 1 dell’art. 4 e’ sostituito dal seguente: “1. Le
emulsioni stabilizzate vengono prodotte di norma in depositi fiscali
e, nei casi ed alle condizioni stabiliti dall’Agenzia delle dogane,
in depositi commerciali di oli minerali assoggettati ad accisa
appositamente autorizzati e sono custodite, anche nella fase di
commercializzazione, separatamente dagli altri prodotti; non e’
consentita la miscelazione di emulsioni prodotte con tecnologie
diverse”.
e) all’art. 4, comma 3, dopo le parole “presso utenti extra rete”
sono aggiunte le seguenti: “, con esclusione delle autovetture,”;
2. All’allegato I annesso al decreto 20 marzo 2000, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 78 del 3 aprile 2000, sono apportate le
seguenti modificazioni:
a) al rigo 12, in corrispondenza della colonna “Caratteristiche”
le parole “Contenuto di alchilnitrato” sono sostituite dalle
seguenti: “Contenuto totale di nitrati espressi come
2-etil-esil-nitrato (EHN)” ed in corrispondenza della colonna “max.”
il valore di “2500” e’ soppresso;
b) alla nota in calce dopo le parole “dalla Direttiva 98/1970/CE
del 13 ottobre 1998” sono aggiunte le seguenti: “e dal decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri 23 novembre 2000, n. 434.”.
La presente determinazione entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 2 maggio 2001
Il direttore: Guaiana

DETERMINAZIONE 2 maggio 2001

Architetto.info