Determinazione, ai sensi dell'art. 41, comma 10 | Architetto.info

Determinazione, ai sensi dell’art. 41, comma 10

Determinazione, ai sensi dell'art. 41, comma 10 -bis , del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, dell'entita' dei costi della raccolta differenziata dei rifiuti d'imballaggio in vetro a carico dei produttori ed utilizzatori, nonche' delle condizioni e le modalita' di ritiro dei rifiuti stessi da parte dei produttori.

DECRETO 4 agosto 1999
Determinazione, ai sensi dell’art. 41, comma 10 -bis , del decreto
legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, dell’entita’ dei costi della
raccolta differenziata dei rifiuti d’imballaggio in vetro a carico
dei produttori ed utilizzatori, nonche’ delle condizioni e le
modalita’ di ritiro dei rifiuti stessi da parte dei produttori.
IL MINISTRO DELL’AMBIENTE
di concerto con
IL MINISTERO DELL’INDUSTRIA
DEL COMMERCIO E DELL’ARTIGIANATO
Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, come
modificato ed integrato dal decreto legislativo 8 novembre 1997, n.
389 e dalla legge 9 dicembre 1998, n. 426 ed in particolare il
Titolo II, relativo alla gestione degli imballaggi;
Visti gli articoli 38 e 39 del citato decreto legislativo 5
febbraio 1997, n. 22, che prevedono, rispettivamente, per i
produttori e gli utilizzatori di imballaggi, l’obbligo di
provvedere tramite il servizio pubblico alla raccolta dei rifiuti
di imballaggi ad esso conferiti, sopportandone i relativi costi, e
per la pubblica amministrazione, l’obbligo di organizzare sistemi
adeguati di raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio
medesimi;
Visto l’art. 41 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, che
individua le funzioni che il Consorzio nazionale imballaggi –
CONAI, deve svolgere ai fini di garantire il raggiungimento, da
parte dei produttori e degli utilizzatori di imballaggi, degli
obiettivi globali di recupero e di riciclaggio dei rifiuti di
imballaggio di cui all’art. 37 e il necessario raccordo con
l’attivita’ di raccolta differenziata effettuata dalle pubbliche
amministrazioni;
Visto lo statuto del CONAI, approvato con decreto interministeriale
in data 30 ottobre 1997;
Considerato che, ai sensi dell’art. 41, comma 3, del decreto
legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, il CONAI puo’ stipulare un
accordo di programma quadro su base nazionale con l’ANCI, al fine
di garantire l’attuazione del principio di corresponsabilita’
gestionale tra produttori, utilizzatori e pubblica amministrazione,
stabilendo, tra l’altro, l’entita’ dei costi della raccolta
differenziata dei rifiuti di imballaggio da versare ai comuni e le
modalita’ di raccolta dei rifiuti di imballaggio in relazione alle
esigenze delle attivita’ di riciclaggio e di recupero;
Vista la nota prot. 505/TA/GM/MF in data 3 marzo 1999 a firma del
Presidente dell’ANCI, con la quale si conferma il raggiungimento di
una intesa tra ANCI e CONAI al fine di pervenire alla stipula del
predetto accordo di programma, per tutti i materiali di imballaggio
oggetto della raccolta differenziata, ad eccezione del vetro;
Considerato che nel corso degli incontri tenutisi presso il
Ministero dell’ambiente con i rappresentanti dell’ANCI e del CONAI
nei giorni 5 e 25 maggio 1999 non e’ stato possibile raggiungere un
accordo circa i costi e le modalita’ della raccolta differenziata
dei rifiuti di imballaggio in vetro;
Visto il comma 10-bis del citato art. 41 del decreto legislativo 5
febbraio 1997 n. 22, che prevede che il Ministro dell’ambiente, di
concerto con il Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, in caso di mancata stipula dell’accordo puo’
determinare con proprio decreto l’entita’ dei costi della raccolta
differenziata dei rifiuti di imballaggio a carico dei produttori e
degli utilizzatori, nonche’ le condizioni e le modalita’ di ritiro
dei rifiuti stessi da parte dei produttori;
Visto l’accordoponte ANCI-CONAI, stipulato in data 12 febbraio
1998, relativo alla decorrenza degli impegni per il riconoscimento
economico dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti di
imballaggio conferiti al servizio pubblico da parte del CONAI;
Visto il programma generale di prevenzione e gestione predisposto
dal CONAI ai sensi dell’art. 42 del decreto legislativo 5 febbraio
1997, n. 22;
Ritenuta la necessita’ di provvedere con urgenza a determinare il
corrispettivo che il CONAI dovra’ versare ai comuni per la raccolta
differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro, nonche’ le
modalita’ di raccolta di tali rifiuti, al fine di garantire il
completo avvio ed il funzionamento dell’intero sistema di gestione
dei rifiuti urbani, anche in considerazione dell’entrata in vigore
della tariffa di cui all’art. 49 del decreto legislativo 5 febbraio
1997, n. 22;
Decreta:
Art. 1.
Obblighi del CONAI
1. Il CONAI e’ tenuto a ritirare, tramite il consorzio recupero
vetro (COREVE) di cui all’art. 40 del decreto legislativo 5
febbraio 1997 n. 22 e i produttori non associati al predetto
consorzio, i rifiuti di imballaggio in vetro provenienti dalla
raccolta differenziata effettuata dalla pubblica amministrazione,
nei limiti degli obiettivi di recupero e riciclaggio fissati
nell’art. 37 e nell’allegato E del decreto legislativo 5 febbraio
1997 n. 22.
2. Sono a carico del CONAI eventuali oneri di movimentazione o
trasporto per la consegna dei rifiuti di imballaggio in vetro
raccolti ai centri o impianti indicati dal CONAI medesimo, nel caso
in cui gli stessi siano ubicati ad una distanza superiore ai trenta
chilometri dal centro geografico dell’ambito di raccolta.
Art. 2.
Obblighi dei comuni
1. I comuni sono tenuti a mettere in atto un adeguato sistema di
raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro.
Art. 3.
Convenzioni
1. Il CONAI o, per esso, il COREVE o i produttori di cui all’art.
38, comma 3, lettera a) del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.
22, stipulano apposita convenzione con il comune, o con il gestore
del servizio di raccolta differenziata delegato dal comune, ai fini
dell’attuazione di quanto previsto dal presente decreto.
Art. 4.
Modalita’ di raccolta
e ritiro dei rifiuti di imballaggio in vetro
1. La raccolta e il ritiro dei rifiuti di imballaggio in vetro sono
effettuate secondo le modalita’ tecniche indicate al punto 1
dell’allegato.
Art. 5.
Corrispettivi
1. Il corrispettivo che il CONAI versa al comune per il servizio di
raccolta dei rifiuti di imballaggio in vetro a decorrere dal 1
gennaio 1999 e’ pari a 60 lire per chilogrammo, a condizione che
attraverso adeguati resoconti contabili sia documentato dal gestore
del servizio:
a) la decorrenza dell’attivazione e funzionamento del servizio di
raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro;
b) l’effettiva ed oggettiva consegna dei rifiuti di imballaggio in
vetro a soggetti economici o piattaforme di recupero riconosciute
dal CONAI;
c) l’eventuale incasso di un corrispettivo economico inferiore alle
60 lire per chilogrammo.
2. La presenza, nel materiale raccolto, di frazioni estranee da
luogo a riduzioni, secondo quanto previsto al punto 3
dell’allegato. 3. La convenzione di cui all’art. 3 puo’ stabilire
corrispettivi diversi in caso di particolari forme di raccolta,
concordate tra le parti, tese ad ottimizzare la qualita’ del
rottame di vetro grezzo raccolto, quali la raccolta differenziata
separata per colore del vetro.
Art. 6.
Informazione degli utenti
1. Al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi di
raccolta in termini di efficacia, efficienza e qualita’, il CONAI
garantisce che siano realizzati, in collaborazione con i comuni
serviti o gestori convenzionati, attivita’ ed interventi di
informazione e sensibilizzazione degli utenti sulla raccolta
differenziata degli imballaggi di vetro.
Art. 7.
Periodo transitorio
1. Nel periodo transitorio 1 marzo 1998 – 31 dicembre 1998, di
vigenza dell’Accordoponte ANCI CONAI stipulato in data 12 febbraio
1998, i corrispettivi di cui all’art. 5 sono applicati nella misura
forfettaria di 3 lire per chilogrammo.
2. Il corrispettivo forfettario di cui al comma 1 si intende
riferito alle quantita’ di rottame in vetro conferite dal servizio
pubblico avviate a riciclaggio nel periodo transitorio, desumibili
dal modello unico di dichiarazione (MUD) relativo al 1998,
presentato nel 1999 e adeguatamente documentate.
Art. 8.
Disposizioni finali
1. Il presente decreto ha una validita’ di anni due a decorrere dal
1 gennaio 1999.
2. Il presente decreto cessera’ di avere efficacia qualora, prima
del termine di cui al comma 1, l’ANCI e il CONAI pervengano alla
stipula dell’accordo di cui all’art. 41, comma 3, del decreto
legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 relativamente ai rifiuti di
imballaggio in vetro, a decorrere dalla data di ricevimento della
comunicazione formale del raggiungimento dell’accordo ai Ministeri
dell’ambiente e dell’industria, del commercio e dell’artigianato.
Roma, 4 agosto 1999
Il Ministro dell’ambiente
Ronchi
Il Ministro dell’industria
del commercio e dell’artigianato
Bersani
*Allegato

Determinazione, ai sensi dell’art. 41, comma 10

Architetto.info