Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione al dissesto idrogeologico con conseguenti movimenti franosi che ha interessato il territorio del comune di Melfi nei giorni 24 e 25 luglio 1999, nonche' alla crisi d'approvvigionamento idropotabile in atto nel territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta, Palermo e Trapani, in conseguenza di una particolare ed anomala situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse idriche disponibili, e per gli eventi meteorologici che hanno dato luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21 settembre 1999 | Architetto.info

Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione al dissesto idrogeologico con conseguenti movimenti franosi che ha interessato il territorio del comune di Melfi nei giorni 24 e 25 luglio 1999, nonche’ alla crisi d’approvvigionamento idropotabile in atto nel territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta, Palermo e Trapani, in conseguenza di una particolare ed anomala situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse idriche disponibili, e per gli eventi meteorologici che hanno dato luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21 settembre 1999

Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione al dissesto idrogeologico con conseguenti movimenti franosi che ha interessato il territorio del comune di Melfi nei giorni 24 e 25 luglio 1999, nonche' alla crisi d'approvvigionamento idropotabile in atto nel territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta, Palermo e Trapani, in conseguenza di una particolare ed anomala situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse idriche disponibili, e per gli eventi meteorologici che hanno dato luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21 settembre 1999 nel territorio delle province di Vicenza e Belluno e nei giorni 20 e 21 ottobre 1999 nelle province di Massa Carrara e Lucca.

DECRETO 5 novembre 1999
Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione al dissesto
idrogeologico con conseguenti movimenti franosi che ha interessato
il territorio del comune di Melfi nei giorni 24 e 25 luglio 1999,
nonche’ alla crisi d’approvvigionamento idropotabile in atto nel
territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta,
Palermo e Trapani, in conseguenza di una particolare ed anomala
situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse
idriche disponibili, e per gli eventi meteorologici che hanno dato
luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21
settembre 1999 nel territorio delle province di Vicenza e Belluno e
nei giorni 20 e 21 ottobre 1999 nelle province di Massa Carrara e
Lucca.
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Considerato che nei giorni 24 e 25 luglio 1999 il territorio del
comune di Melfi e’ stato interessato da un dissesto idrogeologico;
che attualmente e’ in atto una crisi di approvvigionamento idrico
nel territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta,
Palermo e Trapani in conseguenza di una particolare ed anomala
situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse
idriche disponibili, nonche’ per gli eventi meteorologici che hanno
dato luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21
settembre 1999 nel territorio delle province di Vicenza e Belluno e
nei giorni 20 e 21 ottobre 1999 nelle province di Massa Carrara e
Lucca;
Considerato che la natura degli eventi e l’entita’ dei danni e’
tale da richiedere l’adozione di provvedimenti straordinari ed
urgenti;
Viste le istanze delle regioni Basilicata, Sicilia, Veneto e
Toscana;
Visto l’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella
riunione del 5 novembre 1999 sulla proposta del Ministro
dell’interno delegato per il coordinamento della protezione civile;
Decreta: Ai sensi e per gli effetti dell’art. 5, comma 1, della
legge 24 febbraio 1992, n. 225, e’ dichiarato fino al 31 dicembre
2000 lo stato di emergenza nei territori del comune di Melfi, delle
province di Agrigento, Enna, Caltanissetta, Palermo, Trapani,
Vicenza, Belluno, Massa Carrara e Lucca, per gli eventi calamitosi
verificatisi nei giorni di cui in premessa. Il presente decreto
sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana. Roma, 5 novembre 1999 Il Presidente del Consiglio dei
Ministri D’Alema Il Ministro dell’interno delegato per il
coordinamento della protezione civile Russo Jervolino

Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione al dissesto idrogeologico con conseguenti movimenti franosi che ha interessato il territorio del comune di Melfi nei giorni 24 e 25 luglio 1999, nonche’ alla crisi d’approvvigionamento idropotabile in atto nel territorio delle province di Agrigento, Enna, Caltanissetta, Palermo e Trapani, in conseguenza di una particolare ed anomala situazione climatica che ha causato la riduzione delle risorse idriche disponibili, e per gli eventi meteorologici che hanno dato luogo a fenomeni alluvionali verificatisi nei giorni 20 e 21 settembre 1999

Architetto.info