DIRETTIVA 2001/53/CE DELLA COMMISSIONE del 10 luglio 2001 | Architetto.info

DIRETTIVA 2001/53/CE DELLA COMMISSIONE del 10 luglio 2001

DIRETTIVA 2001/53/CE DELLA COMMISSIONE del 10 luglio 2001 recante modifica della direttiva 96/98/CE del Consiglio sull'equipaggiamento marittimo (Testo rilevante ai fini del SEE).

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

DIRETTIVA 2001/53/CE DELLA COMMISSIONE
del 10 luglio 2001
recante modifica della direttiva 96/98/CE del Consiglio sull’equipaggiamento marittimo
(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in partico-
lare l’articolo 80, paragrafo 2,
vista la direttiva 96/98/CE del Consiglio, del 20 dicembre
1996, sull’equipaggiamento marittimo ( 1 ), modificata dalla
direttiva 98/85/CE della Commissione ( 2 ), in particolare l’arti-
colo 17, primo e secondo trattino,
considerando quanto segue:

(1) Ai fini della direttiva 96/98/CE, le convenzioni interna-
zionali pertinenti, inclusa la convenzione SOLAS del
1974 e le norme di prova sono quelle in vigore, con
relative modificazioni, al momento dell’adozione di detta
direttiva.
(2) Dall’adozione della direttiva 96/98/CE sono entrate in
vigore o entreranno in vigore modificazioni della con-
venzione SOLAS e di altre convenzioni internazionali,
nonché nuove norme di prova.
(3) Detti strumenti internazionali hanno introdotto nuove
regole sull’equipaggiamento a bordo della nave.
(4) La direttiva 96/98/CE deve pertanto essere modificata.
(5) Le misure di cui alla presente direttiva sono conformi al
parere del comitato istituito dall’articolo 12 della diret-
tiva 93/75/CEE del Consiglio ( 3 ),
HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

La direttiva 96/98/CE è modificata come segue:
1) l’articolo 2 è modificato come segue:
alle lettere c), d) e n) la dicitura «al 1 o gennaio 1999» è
sostituita da «al 1 o gennaio 2001»;
2) l’allegato A è sostituito dal testo di cui all’allegato della pre-
sente direttiva.

Articolo 2

L’equipaggiamento indicato come «nuova voce» nella colonna
«denominazione» dell’allegato A.1 e costruito anteriormente alla
data di cui all’articolo 3, paragrafo 1, può essere commercializ-
zato e utilizzato a bordo delle navi comunitarie i cui certificati
siano stati rilasciati da o per conto di uno Stato membro con-
formemente alle convenzioni internazionali nei due anni suc-
cessivi alla data in questione se è stato costruito conforme-
mente alle procedure di omologazione già in vigore nello Stato
membro in questione prima della data di adozione della pre-
sente direttiva.

Articolo 3

1. Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legisla-
tive, regolamentari ed amministrative necessarie per confor-
marsi alla presente direttiva entro sei mesi dalla sua entrata in
vigore e le comunicano alla Commissione. Essi le comunicano
immediatamente alla Commissione.
Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste con-
tengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate
di siffatto riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Le
modalità di tale riferimento sono decise dagli Stati membri.
2. Gli Stati membri comunicano senza indugio alla Com-
missione il testo delle disposizioni legislative nazionali da essi
adottate nella materia disciplinata dalla presente direttiva.

Articolo 4

La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno succes-
sivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità
europee.

Fatto a Bruxelles, il 10 luglio 2001.
Per la Commissione
Loyola DE PALACIO
Vicepresidente
____________________________________________
( 1 ) GU L 46 del 17.2.1997, pag. 25.
( 2 ) GU L 315 del 25.11.1998, pag. 14.
( 3 ) GU L 247 del 5.10.1993, pag. 19.

DIRETTIVA 2001/53/CE DELLA COMMISSIONE del 10 luglio 2001

Architetto.info