Individuazione dei comuni della regione Emilia-Romagna gravemente danneggiati dagli eventi calamitosi dell'ottobre e del novembre 2000 | Architetto.info

Individuazione dei comuni della regione Emilia-Romagna gravemente danneggiati dagli eventi calamitosi dell’ottobre e del novembre 2000

Individuazione dei comuni della regione Emilia-Romagna gravemente danneggiati dagli eventi calamitosi dell'ottobre e del novembre 2000 in attuazione dell'art. 5-bis, comma 1, della legge 11 dicembre 2000, n. 365

IL MINISTRO DELL’INTERNO
delegato per il coordinamento
della protezione civile
Vista la legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
27 aprile 2000 che delega le funzioni per il coordinamento della
protezione civile di cui alla legge 24 febbraio 1992, n. 225, al
Ministro dell’interno;
Visto l’art. 5-bis, comma 1, della legge 11 dicembre 2000, n. 365,
che prevede che le disposizioni relative al servizio civile e
militare di leva di cui ai commi 1, 2, 3 e 4, dell’art. 5 della
medesima legge si applichino anche ai soggetti residenti, alla data
della calamità, nei comuni gravemente danneggiati dai fenomeni
alluvionali e del novembre 2000, da individuarsi con decreto del
Ministro dell’interno delegato per il coordinamento della
protezione civile;
Visto il disposto dell’art. 1, comma 4, dell’ordinanza di
protezione civile 23 novembre 2000, n. 3095, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 27 novembre 2000, come successivamente
modificato dall’art. 1, comma 1, dell’ordinanza di protezione
civile 29 novembre 2000, n. 3096, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale del 2 dicembre 2000 che detta le procedure per
l’individuazione dei comuni gravemente danneggiati dagli eventi
calamitosi dell’autunno 2000;
Vista la nota prot. n. APC/733/2000/dir del 30 novembre 2000, con
la quale il direttore dell’agenzia della protezione civile ha
chiesto ai presidenti delle regioni interessate dagli eventi
calamitosi dell’autunno 2000 di procedere alla ricognizione dei
comuni che rientrano nella categoria dei gravemente danneggiati in
base ai requisiti stabiliti dalla richiamata ordinanza n.
3096/2000;
Vista la nota prot. n. AMB/PTC/00/222 del 5 gennaio 2001, con la
quale la regione Emilia-Romagna ha trasmesso il primo stralcio del
piano degli interventi straordinari per fronteggiare gli eventi
alluvionali e i dissesti idrogeologici verificatisi nei mesi di
ottobre e novembre 2000 nella regione Emilia-Romagna, specificando
che nel capitolo 2 del piano si provvede alla individuazione dei
comuni gravemente danneggiati, in risposta alla richiamata nota
prot. n. APC/733/2000/dir;
Visto il capitolo 2 del predetto primo stralcio del piano degli
interventi straordinari per fronteggiare gli eventi alluvionali e i
dissesti idrogeologici verificatisi nei mesi di ottobre e novembre
2000 nella regione Emilia-Romagna;
Ritenuto di dover procedere alla individuazione dei comuni
gravemente danneggiati ai fini dell’applicazione del disposto
dell’art. 5-bis, comma 1, della legge 11 dicembre 2000, n. 365,
attenendosi alle risultanze dell’istruttoria elaborata dalla
regione Emilia-Romagna;
Decreta:
[Articolo unico]
1. I comuni della regione Emilia-Romagna di cui all’allegato
elenco, che è parte integrante del presente decreto, sono
individuati come gravemente danneggiati ai fini dell’applicazione
del disposto art. 5-bis, comma 1, della legge 11 dicembre 2000, n.
365. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Allegato
Elenco dei comuni della regione Emilia-Romagna gravemente
danneggiati dagli eventi calamitosi dell’ottobre e del novembre
2000 in attuazione dell’art. 5-bis, comma 1, della legge 11
dicembre 2000, n. 365.
Provincia di Piacenza:
Alseno – Bettola – Bobbio – Caorso – Calendasco – Carpaneto
Piacetino – Castel San Giovanni – Castelvetro Piacentino –
Cerignale – Colli – Cortebrugnatella – Farini – Ferriere –
Monticelli d’Ongina – Morfasso – Ottone – Pecorara – Piacenza –
Pianello – Piozzano – Rottofreno – Sarmato – Travo – Villanova
sull’Arda – Zerba.
Provincia di Parma:
Albareto – Bardi – Bedonia – Berceto – Bore – Borgotaro – Calestano
– Colorno – Compiano – Corniglio – Felino – Fornovo di Taro –
Langhirano – Lesignano Bagni – Medesano – Mezzani – Monchio delle
Corti – Neviano degli Arduini – Palenzano – Pellegrino Parmense –
Polesine Parmense – Roccabianca – Sala Baganza – Sissa – Solignano
– Sorbolo – Terenzio – Tizzano Val di Parma – Tornolo – Valmozzola
– Varano Melegari – Varsi – Zibello.
Provincia di Reggio Emilia:
Baiso – Boretto – Brescello – Busana – Canossa – Carpineti – Casina
– Castelnovo nei Monti – Collagna – Gualtieri – Guastalla –
Ligonchio – Luzzara – Ramiseto – San Polo – Toano – Vetto – Viano –
Villa Minozzo.
Provincia di Modena:
Fanano – Fiumalbo – Frassinoro – Guiglia – Lama Mocogno – Marano
sul Panaro – Modena – Montecreto – Montefiorino – Montese –
Palagnano – Pavullo nel Frignano – Pievepelago – Polinago –
Prignano sulla Secchia – Riolunato – Serramazzoni – Sestola –
Zocca.
Provincia di Bologna:
Cumugnano – Castel di Casio – Castiglione dei Pepoli – Gaggio
Montano – Granaglione – Grizzana Morandi – Lizzano in Belvedere –
Marzabotto – Monghidoro – Monzuno – Porretta.
Provincia di Ferrara:
Berra – Bondeno – Ferrara – Goro – Ro.

Individuazione dei comuni della regione Emilia-Romagna gravemente danneggiati dagli eventi calamitosi dell’ottobre e del novembre 2000

Architetto.info