Interventi urgenti nei territori gravemente danneggiati dagli incendi verificatisi dal 19 giugno al 10 luglio 2000 | Architetto.info

Interventi urgenti nei territori gravemente danneggiati dagli incendi verificatisi dal 19 giugno al 10 luglio 2000

Interventi urgenti nei territori gravemente danneggiati dagli incendi verificatisi dal 19 giugno al 10 luglio 2000 ed interventi preventivi nelle aree a maggior rischio d'incendio. (Ordinanza n. 3073).

IL MINISTRO DELL’INTERNO
delegato per il coordinamento della protezione civile
Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
14 luglio 2000 concernente la dichiarazione dello stato di
emergenza;
Considerato che diverse zone del territorio nazionale sono state
gravemente danneggiate da incendi verificatisi dal 19 giugno al 10
luglio 2000 e che occorre provvedere con rapidita’ ad adottare
tutte le misure necessarie per rimuovere la situazione di crisi e
favorire il riassetto ambientale e la ripresa delle normali
condizioni di vita delle popolazioni interessate;
Visti gli esiti delle riunioni tenutesi nei giorni 10 e 11 luglio
2000 con i rappresentanti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
del Corpo forestale e dei Ministeri dell’ambiente e della difesa;
Ravvisata, altresi’, la necessita’ di adottare ulteriori ed urgenti
interventi preventivi nelle aree a maggiore rischio d’incendio;
Su proposta del direttore dell’agenzia di protezione civile prof.
Franco Barberi;
Dispone:
Art. 1.
1. Per consentire, fino al 30 settembre, l’attuazione di ulteriori
misure di lotta attiva e di prevenzione degli incendi boschivi
nelle aree a maggior rischio del territorio nazionale e’ assegnato
al Corpo forestale dello Stato e al Corpo nazionale dei vigili del
fuoco un contributo rispettivamente di lire 6 miliardi, comprensivo
del compenso per gli equipaggi di volo impegnati nella campagna
antincendi dell’anno 2000, e di lire 8 miliardi a valere sulle
disponibilita’ del centro di responsabilita’ 20.2.1.3 (capitolo
9353 “Fondo della protezione civile”) dello stato di previsione del
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica.
Le somme sono versate dal Dipartimento della protezione civile in
conto entrate dello Stato per la successiva riassegnazione
rispettivamente al Ministero delle politiche agricole e forestali e
al Ministero dell’interno.
2. I proventi delle convenzioni che il Corpo forestale dello Stato
e il Corpo nazionale dei vigili del fuoco stipulano con regioni ed
enti locali affluiscono in conto entrate dello Stato per la
successiva riassegnazione ai capitoli di pertinenza dei Ministeri
di appartenenza dei corpi.
Art. 2.
1. Per l’attuazione degli interventi in prevenzione nelle aree a
maggior rischio di incendio i prefetti provvedono a coordinare, ai
fini di una pianificazione delle risorse e dei mezzi, il Corpo
nazionale dei vigili del fuoco, il Corpo forestale dello Stato,
nonche’ l’eventuale partecipazione delle forze armate che saranno
attivate direttamente comunicando allo Stato maggiore difesa
l’avvenuta richiesta.
Art. 3.
1. Per l’attuazione di misure di lotta attiva e di prevenzione
degli incendi boschivi nelle zone a rischio elevato del territorio
nazionale, con particolare riferimento ai parchi nazionali,
regionali e alle aree protette, il Ministero dell’ambiente elabora
un piano di interventi comprendenti l’impiego delle organizzazioni
di volontari della protezione civile specializzati nel settore e il
potenziamento di mezzi e materiali del Corpo forestale dello Stato.
A tal fine e’ autorizzata la spesa di lire 5 miliardi a valere
sulle disponibilita’ del centro di responsabilita’ 20.2.1.3
(capitolo 9353 “Fondo della protezione civile”) dello stato di
previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica. La somma e’ versata dal Dipartimento
della protezione civile in conto entrate dello Stato per la
successiva riassegnazione al Ministero dell’ambiente.
2. Per il ripristino dell’assetto ambientale ed idrogeologico dei
versanti soggetti ad erosione ed instabilita’ a seguito degli
incendi verificatisi in zone collinari e montuose, il Ministero
dell’ambiente elabora un programma di interventi urgenti da
attuarsi da parte delle regioni o gli enti locali interessati.
3. Per la predisposizione e realizzazione del piano di cui al
precedente comma e’ autorizzata la spesa di lire 30 miliardi a
valere sulle disponibilita’ di cui all’art. 8, comma 2, del decreto-
legge 11 giugno 1998, n. 180, convertito con modificazioni dalla
legge 3 agosto 1998, n. 267.
Art. 4.
1. Per favorire l’avvistamento dall’alto degli incendi boschivi le
regioni e le province possono avvalersi per il periodo
dell’emergenza di mezzi aerei degli aeroclub a favore dei quali
possono essere riconosciuti rimborsi per le spese.
Art. 5.
1. Il Dipartimento della protezione civile e’ autorizzato, per la
lotta agli incendi boschivi a noleggiare, fino al 30 settembre
2000, un ulteriore elicottero S64 Erickson Air Crane attraverso la
stipula di un atto aggiuntivo che diventa immediatamente esecutiva
a costi coerenti con quelli stabiliti nel contratto attualmente in
vigore.
Art. 6.
1. Per l’espletamento dei compiti straordinari connessi a
fronteggiare l’emergenza incendi, al personale militare chiamato a
rafforzare le strutture del C.O.A.U. presso il Dipartimento della
protezione civile e’ riconosciuto un compenso, per lavoro
straordinario effettivamente prestato nel limite massimo
individuale di 72 ore mensili, con onere a carico del Dipartimento
medesimo.
Art. 7.
1. Per i primi interventi diretti al ripristino delle
infrastrutture, alla ripresa delle attivita’ produttive, ed al
ritorno alle normali condizioni di vita delle popolazioni
direttamente interessate e’ disposto il finanziamento di lire 15
miliardi.
2. I prefetti competenti provvedono alla rilevazione dei danni in
relazione ai quali si provvedera’ alla ripartizione delle risorse
di cui al comma 1.
3. All’onere per l’applicazione del presente articolo si fa fronte
con le disponibilita’ del centro di responsabilita’ 20.2.1.3
(capitolo 9353 “Fondo della protezione civile”) dello stato di
previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica.
La presente ordinanza sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 22 luglio 2000
Il Ministro: Bianco

Interventi urgenti nei territori gravemente danneggiati dagli incendi verificatisi dal 19 giugno al 10 luglio 2000

Architetto.info