Legge 16 aprile 1987, n. 183: Rimodulazione finanziaria degli interventi relativi al settore della pesca e dell'acquacoltura (SFOP) per il periodo 1994-1999 | Architetto.info

Legge 16 aprile 1987, n. 183: Rimodulazione finanziaria degli interventi relativi al settore della pesca e dell’acquacoltura (SFOP) per il periodo 1994-1999

Legge 16 aprile 1987, n. 183: Rimodulazione finanziaria degli interventi relativi al settore della pesca e dell'acquacoltura (SFOP) per il periodo 1994-1999 e finanziamento statale aggiuntivo alla quota nazionale. (Deliberazione n. 119/99).

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
DELIBERAZIONE 30 giugno 1999
Legge 16 aprile 1987, n. 183: Rimodulazione finanziaria degli
interventi relativi al settore della pesca e dell’acquacoltura
(SFOP) per il periodo 1994-1999 e finanziamento statale aggiuntivo
alla quota nazionale. (Deliberazione n. 119/99).
IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle
Comunita’ europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli
atti normativi comunitari e, in particolare, gli articoli 2 e 3,
relativi ai compiti del CIPE in ordine all’armonizzazione della
politica economica nazionale con le politiche comunitarie, nonche’
l’art. 5 che ha istituito il Fondo di rotazione per l’attuazione
delle stesse;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568, recante il regolamento sulla organizzazione e sulle
procedure amministrative del predetto Fondo di rotazione e
successive modificazioni ed integrazioni;
Visti gli articoli 74 e 75 della legge 19 febbraio 1992, n. 142
(legge comunitaria 1991), e l’art. 56 della legge 6 febbraio 1996,
n. 52 (legge comunitaria 1994);
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 marzo 1994, n.
284, con il quale e’ stato emanato il regolamento recante procedure
di attuazione della legge n. 183/1987 e del decreto legislativo 3
aprile 1993, n. 96, in materia di coordinamento della politica
economica nazionale con quella comunitaria;
Visto il regolamento CE del Consiglio n. 1103 del 17 giugno 1997,
relativo a talune disposizioni per l’introduzione dell’euro;
Visti i regolamenti CEE del Consiglio delle Comunita’ europee
attualmente in vigore in materia di fondi strutturali e, in
particolare, il regolamento n. 2080/93 concernente lo strumento
finanziario di orientamento della pesca (SFOP);
Viste le decisioni della Commissione europea C(94) 3346 del 6
dicembre 1994 e C(94) 3760/6 del 22 dicembre 1994, di approvazione
di programmi operativi per gli interventi strutturali nel settore
della pesca, dell’acquacoltura e della trasformazione e
commercializzazione dei relativi prodotti nell’ambito del quadro
comunitario di sostegno per l’obiettivo 1 e dell’obiettivo 5a,
regioni fuori obiettivo 1, come rispettivamente modificate, da
ultimo, dalle decisioni C(97) 2240/1 e C(97) 2240/2 del 24 luglio
1997;
Considerato che le risorse comunitarie dello SFOP rese disponibili
con le predette decisioni ammontano a 373,298 Meuro, di cui 238,898
Meuro per l’obiettivo 1 e 134,400 Meuro per l’obiettivo 5a;
Rilevato che le corrispondenti risorse pubbliche statali di
cofinanziamento, complessivamente pari a 512,449 miliardi di lire,
di cui 342,337 miliardi di lire per l’obiettivo 1 e 170,112
miliardi di lire per l’obiettivo 5a, sono state assicurate, a
valere sulle risorse del Fondo di rotazione di cui alla legge n.
183/1987, con le proprie delibere 3 dicembre 1997, n. 229/97, e 6
maggio 1998, n. 49/98, a copertura dell’intero periodo di
programmazione 1994-1999;
Vista la propria delibera 26 febbraio 1998, n. 7/98, concernente
disposizioni integrative in materia di programmazione finanziaria
per gli interventi cofinanziati dalla legge 16 aprile 1987, n. 183;
Vista la decisione del 10 marzo 1999 con la quale il Comitato di
sorveglianza del quadro comunitario di sostegno dell’obiettivo 1
(QCS obiettivo 1), nel contesto della riprogrammazione delle forme
d’intervento in ritardo di avanzamento finanziario, ha deciso il
ridimensionamento delle risorse a valere sullo SFOP nella misura di
19,5 Meuro per il programma obiettivo 1 e di 25 Meuro per il
programma obiettivo 5a, regioni fuori obiettivo 1;
Considerato che il suddetto ridimensionamento determina una
riduzione della quota di cofinanziamento statale, di 28,035
miliardi di lire per il programma obiettivo 1 e di 31,766 miliardi
di lire per il programma obiettivo 5a;
Considerato che nella medesima riunione del 10 marzo 1999, il
Comitato di sorveglianza del QCS obiettivo 1, a fronte delle
predette riduzioni, ha deciso di assicurare una disponibilita’
aggiuntiva di risorse nazionali, ammontante a 30 Meuro, pari a
58,088 miliardi di lire, al fine di garantire il finanziamento di
una riserva di interventi i cui impegni giuridicamente vincolanti
siano assunti entro il 31 dicembre 1999, ed i relativi pagamenti
effettuati entro il 31 dicembre 2001, come per l’analoga scadenza
comunitaria;
Considerato che gli interventi di riserva cosi’ promossi potranno
sostituire le eventuali iniziative sorte nell’ambito dei programmi
nel settore della pesca e dell’acquacoltura (SFOP) e
successivamente decadute evitando in tal modo le conseguenti
perdite di risorse comunitarie;
Visto l’art. 17, comma 6, della legge 17 maggio 1999, n. 144, che
autorizza il Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987 a rendere
disponibili, compatibilmente con le proprie disponibilita’
finanziarie, risorse aggiuntive rispetto alla quota nazionale di
cofinanziamento, allo scopo di assicurare il pieno utilizzo dei
fondi comunitari;
Tenuto conto che il citato comma 6 del predetto art. 17 stabilisce
che le eventuali somme derivanti dal mancato o parziale utilizzo
della suddetta dotazione aggiuntiva di risorse, costituiscono
anticipazione del cofinanziamento statale per le forme d’intervento
previste nella prossima fase di programmazione;
Considerata l’opportunita’ di rendere immediatamente disponibile la
suddetta quota statale aggiuntiva di risorse anche nelle more della
definizione in sede comunitaria della effettiva entita’ del
ridimensionamento dei programmi cofinanziati, stante l’imminente
scadenza della data limite per la assunzione degli impegni e fatti
salvi gli eventuali adeguamenti che dovessero rendersi necessari;
Considerato che l’ampliamento della dotazione di risorse statali
risponde all’opportunita’ di compensare il territorio e gli
operatori del settore ittico del ridimensionamento di risorse
approvato il 10 marzo 1999 dal Comitato di sorveglianza del QCS
obiettivo 1;
Vista la nota del Ministro per le politiche agricole n. 60791 del
22 giugno 1999;
Sulla base dei lavori istruttori svolti dal Comitato previsto
dall’art. 5 del decreto del Presidente della Repubblica 24 marzo
1994, n. 284;
Delibera:
1. Il cofinanziamento statale a valere sulle risorse della legge n.
183/1987 relativo agli interventi nel settore della pesca e
dell’acquacoltura (SFOP), di cui alle delibere n. 229/97 e n. 49/98
richiamate in premessa, e’ ridotto per l’obiettivo 1 da 342,337
miliardi di lire a 314,302 miliardi di lire e per l’obiettivo 5a,
regioni fuori obiettivo 1, da 170,112 miliardi di lire a 138,346
miliardi di lire.
2. Al fine di assicurare il pieno utilizzo delle risorse
comunitarie rese disponibili nell’ambito dei programmi operativi
specificati nelle premesse, e’ autorizzato, in favore del Ministero
per le politiche agricole, il finanziamento di una quota di 58,088
miliardi di lire (30 Meuro), aggiuntivo rispetto al quadro
finanziario dei suddetti programmi, a valere sulle risorse del
Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987.
3. La predetta disponibilita’ aggiuntiva di risorse e’ finalizzata
al finanziamento di una riserva di interventi ammissibili ai
suddetti programmi e destinati a sostituire le iniziative sorte
nell’ambito degli stessi programmi e successivamente decadute.
4. A valere sulla predetta quota aggiuntiva gli impegni
giuridicamente vincolanti dovranno essere assunti entro il 31
dicembre 1999 ed i relativi pagamenti dovranno essere effettuati
entro il 31 dicembre 2001, come per le analoghe scadenze
comunitarie, alle quali le predette date limite si adeguano
direttamente anche in caso di eventuali proroghe.
5. Le risorse non impegnate entro il 31 dicembre 1999 potranno
essere considerate quale anticipazione del cofinanziamento statale
per le forme d’intervento previste nella prossima fase di
programmazione. Le somme impegnate entro la data predetta ma non
pagate entro il 31 dicembre 2001 saranno automaticamente revocate e
pertanto le maggiori risorse eventualmente erogate dal Fondo di
rotazione dovranno essere riversate al Fondo medesimo, salvo quanto
disposto al punto precedente in caso di proroghe comunitarie.
6. Le quote a carico del predetto Fondo di rotazione vengono
erogate secondo le modalita’ previste dalla normativa vigente,
sulla base delle richieste inoltrate dal Ministero per le politiche
agricole – D.G. pesca.
7. Il Fondo di rotazione e’ autorizzato ad erogare le risorse
previste dalla presente delibera anche negli anni successivi, fino
a quando perdura l’intervento comunitario.
8. Il Ministero per le politiche agricole adotta tutte le
iniziative ed i provvedimenti necessari per utilizzare entro le
scadenze previste i finanziamenti comunitari e nazionali accordati
ed effettua i controlli di competenza. Il Fondo di rotazione potra’
procedere ad eventuali, ulteriori controlli, avvalendosi delle
strutture del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.
9. I dati relativi all’attuazione degli interventi, ivi compresi
quelli aggiuntivi, vengono trasmessi, a cura del Ministero per le
politiche agricole, al sistema informativo del Dipartimento della
Ragioneria generale dello Stato, secondo le modalita’ vigenti.
10. La presente delibera annulla e sostituisce i piani finanziari
di cui alle delibere n. 229/97 e n. 49/98, fatti salvi gli effetti
gia’ prodotti.
Roma, 30 giugno 1999
Il Presidente delegato:
Amato
Registra…

[Continua nel file zip allegato]

Legge 16 aprile 1987, n. 183: Rimodulazione finanziaria degli interventi relativi al settore della pesca e dell’acquacoltura (SFOP) per il periodo 1994-1999

Architetto.info