LEGGE 6 luglio 2002, n.137 | Architetto.info

LEGGE 6 luglio 2002, n.137

LEGGE 6 luglio 2002, n.137 - Delega per la riforma dell'organizzazione del Governo e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonche' di enti pubblici. (GU n. 158 del 8-7-2002)

LEGGE 6 luglio 2002, n.137

Delega per la riforma dell’organizzazione del Governo e della
Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonche’ di enti pubblici.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga
la seguente legge:
Art. 1.
(Deleghe di cui all’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59).
1. Il Governo e’ delegato ad adottare, entro diciotto mesi dalla data
di entrata in vigore della presente legge, nel rispetto delle
competenze costituzionali delle regioni e delle province autonome di
Trento e di Bolzano, uno o piu’ decreti legislativi, correttivi o
modificativi di decreti legislativi gia’ emanati, ai sensi
dell’articolo 11, comma 1, lettere a), b), c) e d), della legge 15
marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni. Resta fermo quanto
previsto dall’articolo 28 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, come
modificato dall’articolo 2 della presente legge.
2. Nell’attuazione della delega di cui al comma 1, il Governo si
attiene ai principi e criteri direttivi indicati negli articoli 12,
14, 17 e 18 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive
modificazioni.
3. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono adottati previo
parere della Commissione di cui all’articolo 5 della citata legge n.
59 del 1997, da rendere entro trenta giorni dalla data di
trasmissione dei relativi schemi. Decorso tale termine, i decreti
legislativi possono essere comunque adottati.
4. Al comma 6 dell’articolo 55 del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Qualora
ricorrano specifiche e motivate esigenze, il Presidente del Consiglio
dei ministri, su proposta del Ministro competente, puo’, con proprio
decreto, differire o gradualizzare temporalmente singoli adempimenti
od atti, relativi ai procedimenti di riorganizzazione dei Ministeri”.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note all’art. 1:
– Il testo dell’art. 11 della legge 15 marzo 1997, n.
59 (Delega al Governo per il conferimento di funzioni e
compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della
pubblica amministrazione e per la semplificazione
amministrativa) e’ il seguente:
“Art. 11. – 1. Il Governo e’ delegato ad emanare, entro
il 31 gennaio 1999, uno o piu’ decreti legislativi diretti
a:
a) razionalizzare l’ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri e dei Ministeri, anche attraverso il
riordino, la soppressione e la fusione di Ministeri,
nonche’ di amministrazioni centrali anche ad ordinamento
autonomo;
b) riordinare gli enti pubblici nazionali operanti in
settori diversi dalla assistenza e previdenza, le
istituzioni di diritto privato e le societa’ per azioni,
controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, che
operano, anche all’estero, nella promozione e nel sostegno
pubblico al sistema produttivo nazionale;
c) riordinare e potenziare i meccanismi e gli
strumenti di monitoraggio e di valutazione dei costi, dei
rendimenti e dei risultati dell’attivita’ svolta dalle
amministrazioni pubbliche;
d) riordinare e razionalizzare gli interventi diretti
a promuovere e sostenere il settore della ricerca
scientifica e tecnologica nonche’ gli organismi operanti
nel settore stesso.
2. I decreti legislativi sono emanati previo parere
della commissione di cui all’art. 5, da rendere entro
trenta giorni dalla data di trasmissione degli stessi.
Decorso tale termine i decreti legislativi possono essere
comunque emanati.
3. Disposizioni correttive e integrative ai decreti
legislativi possono essere emanate, nel rispetto degli
stessi principi e criteri direttivi e con le medesime
procedure, entro un anno dalla data della loro entrata in
vigore.
4. Anche al fine di conformare le disposizioni del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni, alle disposizioni della presente legge
recanti principi e criteri direttivi per i decreti
legislativi da emanarsi ai sensi del presente capo,
ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto
legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni, possono essere emanate entro il 31 ottobre
1998. A tal fine il Governo, in sede di adozione dei
decreti legislativi, si attiene ai principi contenuti negli
articoli 97 e 98 della Costituzione, ai criteri direttivi
di cui all’art. 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, a
partire dal principio della separazione tra compiti e
responsabilita’ di direzione politica e compiti e
responsabilita’ di direzione delle amministrazioni,
nonche’, ad integrazione, sostituzione o modifica degli
stessi ai seguenti principi e criteri direttivi:
a) completare l’integrazione della disciplina del
lavoro pubblico con quella del lavoro privato e la
conseguente estensione al lavoro pubblico delle
disposizioni del codice civile e delle leggi sui rapporti
di lavoro privato nell’impresa; estendere il regime di
diritto privato del rapporto di lavoro anche ai dirigenti
generali ed equiparati delle amministrazioni pubbliche,
mantenendo ferme le altre esclusioni di cui all’art. 2,
commi 4 e 5, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.
29;
b) prevedere per i dirigenti, compresi quelli di cui
alla lettera a), l’istituzione di un ruolo unico
interministeriale presso la Presidenza del Consiglio dei
Ministri, articolato in modo da garantire la necessaria
specificita’ tecnica;
c) semplificare e rendere piu’ spedite le procedure
di contrattazione collettiva; riordinare e potenziare
l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche
amministrazioni (ARAN) cui e’ conferita la rappresentanza
negoziale delle amministrazioni interessate ai fini della
sottoscrizione dei contratti collettivi nazionali, anche
consentendo forme di associazione tra amministrazioni, ai
fini dell’esercizio del potere di indirizzo e direttiva
all’ARAN per i contratti dei rispettivi comparti;
d) prevedere che i decreti legislativi e la
contrattazione possano distinguere la disciplina relativa
ai dirigenti da quella concernente le specifiche tipologie
professionali, fatto salvo quanto previsto per la dirigenza
del ruolo sanitario di cui all’art. 15 del decreto
legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive
modificazioni, e stabiliscano altresi’ una distinta
disciplina per gli altri dipendenti pubblici che svolgano
qualificate attivita’ professionali, implicanti
l’iscrizione ad albi, oppure tecnico-scientifiche e di
ricerca;
e) garantire a tutte le amministrazioni pubbliche
autonomi livelli di contrattazione collettiva integrativa
nel rispetto dei vincoli di bilancio di ciascuna
amministrazione; prevedere che per ciascun ambito di
contrattazione collettiva le pubbliche amministrazioni,
attraverso loro istanze associative o rappresentative,
possano costituire un comitato di settore;
f) prevedere che, prima della definitiva
sottoscrizione del contratto collettivo, la quantificazione
dei costi contrattuali sia dall’ARAN sottoposta,
limitatamente alla certificazione delle compatibilita’ con
gli strumenti di programmazione e di bilancio di cui
all’art. 1-bis della legge 5 agosto 1978, n. 468, e
successive modificazioni, alla Corte dei conti, che puo’
richiedere elementi istruttori e di valutazione ad un
nucleo di tre esperti, designati, per ciascuna
certificazione contrattuale, con provvedimento del
Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il
Ministro del tesoro; prevedere che la Corte dei conti si
pronunci entro il termine di quindici giorni, decorso il
quale la certificazione si intende effettuata; prevede…

[Continua nel file zip allegato]

LEGGE 6 luglio 2002, n.137

Architetto.info