Licenza di esercizio della stazione radio | Architetto.info

Licenza di esercizio della stazione radio

Licenza di esercizio della stazione radio - Collaudi ed ispezioni RAI

REGISTRO AERONAUTICO ITALIANO

Circolare n° 11B
Data
18.10.1995

Oggetto: Licenza di esercizio della stazione radio –
Collaudi ed ispezioni RAI

1. PREMESSA

L’art. 3 comma 1-bis
della legge 3 agosto 1995 n. 351, il cui testo è riportato in
Appendice 1, stabilisce una nuova regolamentazione per il rilascio ed
il rinnovo della Licenza di esercizio di stazioni radiotelefoniche o
radiotelegrafiche installate a bordo degli aeromobili civili
immatricolati presso il Registro Aeronautico Nazionale.

In base a
tale legge la licenza, rilasciata dal Ministero delle poste e delle
telecomunicazioni, ha validità cinque anni e gli accertamenti tecnici
(visite di collaudo e di ispezione) nonché il rilascio di un attestato
provvisorio di validità, in sede di rinnovo della licenza, sono
assegnati al RAI.

2. PROCEDURE PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DELLA
LICENZA DI ESERCIZIO DI STAZIONE RADIO (L.E.S.R.)

Di seguito vengono
riportate le procedure per il rilascio ed il rinnovo della licenza di
esercizio della stazione radio così come sono state concordate con il
Ministero delle poste e delle telecomunicazioni.

2.1 Procedura per
il rilascio della L.E.S.R.

Prima di inoltrare domanda di rilascio
della L.E.S.R. al Ministero delle poste e delle telecomunicazioni
l’interessato (proprietario o esercente dell’aeromobile)
rivolge richiesta scritta al RAI al fine di sottoporre la stazione
radio a visita tecnica di collaudo.

La richiesta in bollo è
indirizzata all’ufficio RAI competente per territorio,
specificandone il motivo, il luogo e la data prescelta secondo il
facsimile in Appendice 2.
La richiesta di visita può essere presentata
al RAI contestualmente alla domanda per il rilascio del certificato di
navigabilità (può essere inviata un’unica istanza in bollo per
ambedue le richieste).

Eseguiti con esito favorevole gli accertamenti
tecnici descritti al successivo paragrafo 3, il funzionario RAI
incaricato rilascia all’interessato la “descrizione
tecnica della stazione radio” e un attestato di collaudo. I
facsimile di tali documenti sono riportati in Appendice
3.

L’attestato di collaudo è emesso in bollo.

Il richiedente
la visita RAI avrà cura di inoltrare i suddetti documenti al Ministero
delle poste e delle telecomunicazioni unitamente alla domanda di
rilascio della licenza ed alla certificazione dell’avvenuta
immatricolazione dell’aeromobile rilasciata dal Ministero dei
trasporti e della navigazione – Direzione Generale
dell’aviazione civile – Registro Aeronautico Nazionale.

In base
alla suddetta legge tale domanda, con i relativi allegati, deve essere
inviata direttamente dall’interessato al seguente
indirizzo:

Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni
Direzione
Generale
Direzione Centrale per i servizi Radioelettrici
V.le Europa
175 – 00144 ROMA

2.2 Procedura per il rinnovo della
L.E.S.R.

Prima di inoltrare domanda di rinnovo della L.E.S.R. al
Ministero delle poste e delle telecomunicazioni l’interessato
(proprietario o esercente dell’aeromobile) rivolge richiesta
scritta al RAI al fine di sottoporre la stazione radio a visita
tecnica di ispezione.

La richiesta in bollo è indirizzata
all’ufficio RAI competente per territorio, specificandone il
motivo, il luogo e la data prescelta secondo il facsimile in Appendice
2.

La richiesta di visita può essere presentata al RAI
contestualmente alla domanda per il rinnovo del certificato di
navigabilità (può essere inviata un’unica istanza in bollo per
ambedue le richieste) qualora le scadenze della L.E.S.R. e del
certificato di navigabilità siano ravvicinate (massimo sei mesi).

Il
richiedente deve tenere presente che la legge 351/95 prevede che la
domanda di rinnovo debba essere presentata al Ministero delle poste e
delle telecomunicazioni almeno tre mesi prima della scadenza della
L.E.S.R.; pertanto, perchè possa essere assicurato l’intervento
entro i termini previsti, è necessario che la richiesta di ispezione
giunga al RAI almeno quattro mesi prima della scadenza della
licenza.
Eseguiti con esito favorevole gli accertamenti tecnici
descritti al successivo paragrafo 3, il funzionario RAI incaricato
rilascia all’interessato la “descrizione tecnica della
stazione radio” e un attestato provvisorio di validità della
licenza. I facsimile di tali documenti sono riportati in App.
3.

Detto attestato provvisorio ha validità sino al formale rinnovo
della licenza cioè, in base a quanto indicato dal Ministero delle
poste e delle telecomunicazioni, ha una scadenza uguale a quella della
licenza stessa.

L’attestato provvisorio di validità della
licenza è emesso in bollo.
Il richiedente la visita RAI avrà cura di
inoltrare i suddetti documenti ( in copia nel caso
dell’attestato provvisorio di validità della L.E.S.R. in quanto
l’originale deve rimanere a bordo dell’aeromobile) al
Ministero delle poste e delle telecomunicazioni unitamente alla
domanda di rinnovo della licenza e all’originale della licenza
da rinnovare.

L’indirizzo al quale inviare la domanda con i
relativi allegati è lo stesso citato al precedente paragrafo 2.1.

2.3
Casi particolari

Nel caso in cui alla data della visita di ispezione
per rinnovo della L.E.S.R. questa risulti già scaduta, non potrà
essere rilasciato un attestato provvisorio di validità in quanto,
secondo l’interpretazione del Ministero delle poste e delle
telecomunicazioni, detto attestato non può in alcun caso prolungare la
validità della L.E.S.R.

In tale evenienza il funzionario RAI,
effettuati gli accertamenti tecnici con esito favorevole, rilascerà
l’attestato di collaudo da utilizzarsi a cura del richiedente
per ottenere il ripristino della L.E.S.R. da parte del Ministero delle
poste e delle telecomunicazioni.

3. ACCERTAMENTI TECNICI

Il RAI
effettua la visita tecnica di collaudo o di ispezione della stazione
radio (impianti VHF COM e HF COM) per quanto è possibile
congiuntamente alla visita per il rilascio o il rinnovo del
certificato di navigabilità dell’aeromobile.

Gli accertamenti
tecnici del RAI in occasione delle visite di collaudo o di ispezione
sono finalizzati a:

– verificare la conformità degli apparati di
radiocomunicazione installati a bordo con i tipi omologati dal
Ministero delle poste e delle telecomunicazioni;

– verificare la
corretta installazione dell’impianto;

– verificare
l’efficienza e la regolarità di funzionamento degli apparati in
relazione alle loro caratteristiche tecniche ed alle norme tecniche
del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni.

– verificare,
in sede di ispezione per rinnovo della licenza, la conformità degli
apparati installati a quanto riportato sulla licenza stessa. A tale
fine, nel corso dell’ispezione, il richiedente deve presentare
al RAI la L.E.S.R. in suo possesso.

Gli accertamenti sono condotti a
terra e, se ritenuto necessario dal funzionario RAI, anche in
volo.
E’ cura del richiedente la visita predisporre
l’aeromobile e quant’altro occorre per consentire al RAI
di effettuare tutti gli accertamenti previsti.

Gli accertamenti
sull’efficienza e la regolarità di funzionamento
dell’impianto di radio comunicazione e dei relativi apparati
fanno riferimento ai risultati delle prove funzionali (functional
tests) previste nel programma di manutenzione dell’aeromobile,
opportunamente integrato secondo l’Appendice 3 alla Circolare
RAI n.26A.

Il contenuto delle prove funzionali deve essere dedotto
dalle specifiche tecniche del costruttore e dalle norme tecniche di
cui al D.M. 19 novembre 1977, riportato in copia in Appendice
4.

L’Appendice 5 dettaglia il contenuto minimo, ritenuto
accettabile dal RAI, delle prove funzionali da effettuare.

Le prove
devono essere effettuate, a cura del richiedente la visita, da imprese
certificate dal RAI o approvate secondo il regolamento JAR 145 ed
abilitate all’esecuzione di prove sugli impianti e gli apparati
di radiocomunicazione e registrate sul libretto dell’aeromobile
o su altra documentazione ritenuta accettabile dal RAI. Copia del
rapporto delle prove deve essere acquisito agli atti
dall’esercente e deve essere presentata al funzionario RAI nel
corso della visita.

Nel caso di aeromobili sottoposti a primo
collaudo da parte del RAI, l’effettuazione di tali prove, a cura
del costruttore dell’aeromobile o di impresa certificata ed
abilitata, dovrà risultare dalla documentazione consegnata al RAI in
quella sede.

A tal fine sono ritenute accettabili anche attestazioni
rilasciate dal costruttore dell’aeromobile o dalle autorità
competenti del paese di provenienza.

Ai fini della visita di
ispezione per il rinnovo della L.E.S.R., sono accettabili dal RAI
prove funzionali relative alla specifica configurazione (tipi di
apparati e loro numeri di costruzione) installata a bordo
all’atto della visita ed effettuate con esito favorevole entro i
limiti degli intervalli previsti dal programma di manutenzione
approvato o riconosciuto per l’aeromobile.

Qualora siano
intercorse variazioni nella configurazione dopo l’effettuazione
delle prove più recenti, dovrà essere fornita evidenza che le
caratteristiche tecniche degli apparati installati e la loro
rispondenza alle norme tecniche del Ministero delle poste e delle
telecomunicazioni siano state ugualmente verificate con esito
favorevole (sono accettabili rapporti di prova al banco, certificati
di approvazione o altre documentazioni riconosciute dal RAI idonee a
tale scopo).

Il funzionario del RAI ha comunque facoltà di richiedere
la ripetizione delle prove in tutto o in parte qualora, a suo
giudizio, dal collaudo/ispezione emergono irregolarità di
funzi…

[Continua nel file zip allegato]

Licenza di esercizio della stazione radio

Architetto.info