MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 19 novembre 2008 | Architetto.info

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 19 novembre 2008

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 19 novembre 2008 - Tipologie di benefici, requisiti e modalita' di accesso al Fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro. (GU n. 26 del 2-2-2009 )

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

DECRETO 19 novembre 2008

Tipologie di benefici, requisiti e modalita’ di accesso al Fondo di
sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro.

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE
E DELLE POLITICHE SOCIALI

Visto l’art. 1, comma 1187, della legge 27 dicembre 2006, n. 296,
che, al fine di assicurare un adeguato e tempestivo sostegno ai
familiari delle vittime di gravi incidenti sul lavoro, anche per i
casi in cui le vittime medesime risultino prive della copertura
assicurativa obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, ha
istituito il Fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi
infortuni sul lavoro, di seguito denominato Fondo;
Visto che il medesimo art. 1, comma 1187, ha previsto che con
decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche
sociali siano definite le tipologie dei benefici concessi nonche’ i
requisiti e le modalita’ di accesso agli stessi;
Visto che il medesimo art. 1, comma 1187, ha conferito al Fondo la
somma di 2,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2007, 2008 e
2009;
Visto il decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale
2 luglio 2007 con il quale sono stati individuate le tipologie dei
benefici concessi e i requisiti e le modalita’ di accesso agli stessi
ai sensi dell’art. 1, comma 1187, della legge 27 dicembre 2006, n.
296;
Visto l’art. 2, comma 534, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, il
quale ha incrementato la dotazione del Fondo di cui sopra «di 2,5
milioni di euro per ciascuno degli anni 2008 e 2009 e di 10 milioni
di euro a decorrere dall’anno 2010»;

Visto l’art. 9, comma 4, lettera d), del decreto legislativo 9
aprile 2008, n. 81, il quale dispone che l’INAIL «eroga, previo
trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del
lavoro della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del
Fondo di cui all’art. 1, comma 1187, della legge 27 dicembre 2006, n.
296» e che «in sede di prima applicazione, le relative prestazioni
sono fornite con riferimento agli infortuni verificatisi a far data
dal 1° gennaio 2007»;

Visto l’art. 9, comma 7, lettera e), del decreto legislativo 9
aprile 2008, n. 81, il quale dispone che l’IPSEMA «eroga, previo
trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del
lavoro della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del
Fondo di cui all’art. 1, comma 1187, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, con riferimento agli infortuni del settore marittimo» e che «in
sede di prima applicazione, le relative prestazioni sono fornite con
riferimento agli infortuni verificatisi a far data dal 1° gennaio
2007»;

Vista la legge n. 493 del 3 dicembre 1999 recante «Norme per la
tutela della salute nelle abitazioni e istituzione dell’assicurazione
contro gli infortuni domestici» ed, in particolare, l’art. 7, comma
5, e successive disposizioni attuative di cui al decreto ministeriale
del 31 gennaio 2006, in merito alla «Estensione dell’assicurazione
contro gli infortuni in ambito domestico ai casi di infortunio
mortale»;

Vista la nota dell’8 settembre 2008 con la quale l’INAIL, in
raccordo con l’IPSEMA, ha comunicato la stima della spesa per
l’esercizio finanziario 2008 per l’erogazione della prestazione di
cui all’articolo 1, comma 1187, della legge 27 dicembre 2006, n. 296;
Ritenuto che, in fase di prima applicazione della normativa, le
prestazioni erogate dal Fondo debbano essere destinate ai soli
familiari dei lavoratori deceduti a causa di infortuni sul lavoro e
consistere in una prestazione una tantum in favore dei predetti
familiari;
Ritenuto, altresi’, che occorre provvedere alla modifica del
decreto 2 luglio 2007 in relazione alle disposizioni di cui
all’articolo 9, comma 4, lettera d) e comma 7, lettera e), del
decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
Decreta:

Art. 1.

Benefici erogati dal Fondo

1. Il Fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi
infortuni sul lavoro, di cui all’art. 1, comma 1187, della legge 27
dicembre 2006, n. 296, come modificato dall’art. 2, comma 534, della
legge 24 dicembre 2007, n. 244, eroga una prestazione una tantum al
nucleo dei familiari superstiti dei lavoratori deceduti a causa di
infortunio sul lavoro. La prestazione erogata dal Fondo non e’
soggetta a rivalsa e non limita l’ammontare del risarcimento del
danno in favore dei familiari del lavoratore.
2. L’importo della prestazione di cui al comma 1 e’ parametrato al
numero dei familiari superstiti del lavoratore, ed e’ annualmente
determinato in relazione alle risorse disponibili.
3. Per gli eventi verificatesi tra il 1° gennaio 2007 e il 31
dicembre 2008 l’importo della prestazione di cui al comma 1 e’
determinato secondo le seguenti quattro tipologie:

=====================================================================
Tipologia | N. superstiti | Importo per nucleo superstiti (euro)
=====================================================================
A | 1 | 1.500
B | 2 | 1.900
C | 3 | 2.200
D | Piu’ di 3 | 2.500

4. La prestazione una tantum a carico del Fondo viene erogata anche
ai superstiti dei lavoratori privi di copertura assicurativa
obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, di seguito
denominato Testo Unico.
5. Con riferimento agli infortuni mortali in ambito domestico la
prestazione una tantum a carico del Fondo e’ erogata ai familiari
superstiti degli assicurati di cui all’art. 7 della legge 3 dicembre
1999, n. 493.
6. Il beneficio di cui al comma 1, non soggetto a tassazione in
relazione alla natura e finalita’ dell’erogazione in analogia a
quanto previsto dall’art. 34, comma 3, del decreto del Presidente
della Repubblica n. 601/1973 e successive modificazioni e
integrazioni, e’ cumulabile con altre misure di sostegno in favore
dei familiari delle vittime di infortuni sul lavoro.
7. Nei casi di erogazione della prestazione una tantum da parte del
Fondo, l’INAIL o l’IPSEMA liquidano un’anticipazione della rendita ai
superstiti, di cui all’art. 85 del Testo Unico, dei soggetti
assicurati.
8. Ferme restando le misure e le condizioni previste dall’art. 85
del Testo Unico, l’importo dell’anticipazione di cui al comma 7 e’
pari a 3/12 della rendita annua calcolata sulla retribuzione valida
ai fini della determinazione del minimale di legge per la
liquidazione delle rendite di cui all’art. 116, comma 3, del Testo
Unico.

Art. 2.

Familiari superstiti aventi diritto ai benefici
a carico del Fondo

1. Ferme restando le condizioni previste dall’art. 85 del Testo
Unico, il beneficio di cui all’art. 1, nell’importo complessivo ivi
stabilito, spetta:
a) ai familiari superstiti del lavoratore deceduto, indicati
all’art. 85, comma 1, punti 1) e 2), del Testo Unico;
b) in mancanza dei familiari superstiti di cui alla lettera a), a
quelli indicati nei punti 3) e 4), del medesimo art. 85.
2. In caso di concorso di piu’ aventi diritto, le quote sono divise
tra i medesimi in parti uguali.
3. Nei confronti di coloro i quali abbiano presentato domanda di
concessione del beneficio ai sensi del decreto 2 luglio 2007 indicato
in premessa, i beneficiari sono individuati con riferimento alle
previsioni di cui all’art. 2 del medesimo decreto.

Art. 3.

Modalita’ di accesso ai benefici ed erogazioni

1. Fermo restando il disposto di cui all’art. 5, il beneficio di
cui all’art. 1, e’ erogato, previa istanza, entro trenta giorni
dall’accertamento sommario dal quale risulti che il decesso sia
riconducibile ad infortunio sul lavoro.
2. L’istanza deve essere presentata, o inviata a mezzo raccomandata
con avviso di ricevimento, entro 40 giorni dalla data del decesso, da
uno solo degli aventi diritto alle sedi competenti per territorio
dell’Istituto presso cui il lavoratore deceduto era assicurato.
3. Nel caso di lavoratori non assicurati, le istanze devono essere
inviate all’IPSEMA, per i superstiti dei lavoratori occupati nel
settore marittimo e aereo, o all’INAIL.
4. Unicamente per gli infortuni verificatisi antecedentemente alla
data di pubblicazione del presente decreto e per i quali non sia
stata gia’ trasmessa la relativa istanza, la medesima dovra’ essere
presentata, con le stesse modalita’ di cui al comma 1, entro 40
giorni dalla predetta data.
5. L’istanza deve essere formulata utilizzando la modulistica
allegata al presente decreto.

Art. 4.

Accertamento sommario

1. L’accertamento di cui all’art. 3, comma 1, e’ effettuato con
apposita ispezione congiunta dalla Direzione provinciale del lavoro –
Servizio ispezione del lavoro, o dai corrispondenti uffici della
regione Sicilia e delle province autonome di Trento e Bolzano, e dal
Servizio ispettivo dell’INAIL, territorialmente competenti, i quali
redigono una relazione e la inviano all’INAIL.
2. Con riferimento agli infortuni nel settore marittimo e aereo, il
relativo accertamento e’ effettuato dai competenti uffici dell’IPSEMA
in raccordo con gli altri organismi di vigilanza di settore.
3. All’esito dell’accertamento sommario, dal quale risulti che il
decesso sia riconducibile ad infortunio sul lavoro, l’INAIL e
l’IPSEMA provvedono alla erogazione dei benefici di cui all’art. 1.

Art. 5.

Procedura ordinaria di accertamento

1. Ove, a seguito dell’accertamento sommario, non sia stata
riconosciuta la prestazione una tantum e all’esito della procedura
ordinaria di accertamento si riscontri che il decesso sia
riconducibile a infortunio sul lavoro, l’INAIL e l’IPSEMA provvedono
anche all’erogazione della prestazione una tantum.
2. All’esito delle procedure ordinarie di accertamento, l’INAIL e
l’IPSEMA provvedono al recupero dei benefici indebitamente
corrisposti, ai sensi dell’art. 2033 del Codice civile.

Art. 6.

Ripartizione e rendicontazione

1. Le prestazioni di cui all’art.1, sono erogate dall’INAIL e
dall’IPSEMA, previo trasferimento delle risorse necessarie da parte
del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, e
ripartite proporzionalmente tra gli Istituti assicuratori sulla base
del numero degli eventi mortali stimati.
2. Al fine di monitorare l’andamento del fenomeno infortunistico
nonche’ l’utilizzo delle risorse a tal fine trasferite, entro 30
giorni dall’approvazione dei relativi bilanci l’INAIL e l’IPSEMA sono
tenute a presentare al Ministero del lavoro, della salute e delle
politiche sociali il rendiconto annuale della relativa gestione.
3. In sede di prima applicazione, tenuto conto delle modalita’ di
accesso ai benefici di cui all’art. 3, la presentazione dei
rendiconti di cui al comma 2 e’ fissata all’approvazione dei bilanci
per l’esercizio finanziario 2009.
4. Eventuali economie di gestione sono versate all’entrata del
bilancio dello Stato.

Art. 7.

Contenzioso giudiziario

1. Il contenzioso giudiziario avverso il diniego della prestazione
derivante dall’esito negativo dell’accertamento sommario e’ posto a
carico dell’INAIL e dell’IPSEMA.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per il
visto e per la registrazione ed entra in vigore decorsi 15 giorni
dalla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 19 novembre 2008
Il Ministro : Sacconi
Registrato alla Corte dei conti il 3 dicembre 2008
Ufficio controllo atti servizi alla persona e beni culturali,
registro n. 6, foglio n. 147

Allegato

—-> Vedere allegato da pag. 18 a pag. 21 <----

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 19 novembre 2008

Architetto.info