MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 18 febbraio 2002: Modalita' di contribuzione nel settore dell'edilizia. (GU n. 78 del 3-4-2002 | Architetto.info

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 18 febbraio 2002: Modalita’ di contribuzione nel settore dell’edilizia. (GU n. 78 del 3-4-2002

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 18 febbraio 2002: Modalita' di contribuzione nel settore dell'edilizia. (GU n. 78 del 3-4-2002

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

DECRETO 18 febbraio 2002

Modalita’ di contribuzione nel settore dell’edilizia.

IL MINISTRO DEL LAVORO
E DELLE POLITICHE SOCIALI
di concerto con
IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE
Visto l’art. 29, comma 1, del decreto legge 23 giugno 1995, n. 244,
convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1995, n. 341, che
stabilisce che i datori di lavoro esercenti attivita’ edile sono
tenuti a versare la contribuzione previdenziale ed assistenziale
sull’imponibile determinato dalle ore previste dai contratti
collettivi nazionali, con esclusione delle assenze indicate dallo
stesso comma 1;
Visto il successivo comma 2 che stabilisce che sull’ammontare di
dette contribuzioni, diverse da quelle di pertinenza del Fondo
pensioni lavoratori dipendenti, dovute all’Istituto nazionale della
previdenza sociale ed all’Istituto nazionale per l’assicurazione
contro gli infortuni sul lavoro per gli operai con orario di lavoro
di 40 ore settimanali, si applica fino al 31 dicembre 1996 una
riduzione del 9,50 per cento;
Visto il comma 5 dell’art. 29, cosi’ come modificato dall’art. 45,
comma 18, della legge 17 maggio 1999, n. 144, che prevede che sino al
31 dicembre 2001 il Governo proceda ad una verifica degli effetti
delle disposizioni di cui al predetto comma 2, al fine di valutare la
possibilita’ che con decreto del Ministro del lavoro e delle
politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle
finanze, sia confermata o rideterminata per l’anno di riferimento la
riduzione contributiva medesima;
Visto il decreto ministeriale 13 febbraio 1997, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 42 del 20 febbraio
1997, con il quale la riduzione prevista dal comma 2 dell’art. 29
della legge 8 agosto 1995, n. 341, e’ stata confermata ed elevata
alla misura dell’11,50 per cento per il periodo 1 gennaio 1997-
31 dicembre 1998;
Visto il decreto ministeriale 17 agosto 2000, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 208 del 6 settembre
2000, con il quale la predetta riduzione e’ stata confermata, per
l’anno 2000, nella misura dell’11,50 per cento;
Tenuto conto della rilevazione elaborata sull’andamento delle
contribuzioni nel settore edile nel periodo di applicazione della
disposizione di cui all’art. 29 della legge 8 agosto 1995, n. 341,
dalla cui analisi dei dati si rileva, rispetto al periodo precedente,
un aumento pro-capite del numero medio di giornate retribuite, con un
conseguente incremento del gettito contributivo, tale da compensare
la riduzione contributiva nella misura dell’11,50 per cento;
Ritenuto pertanto di confermare la riduzione di cui al comma 2
dell’art. 29 della legge 8 agosto 1995, n. 341, nella misura
dell’11,50 per cento gia’ stabilita dal citato decreto ministeriale
17 agosto 2000;
Decreta:
La riduzione prevista dall’art. 29, comma 2, del decreto-legge
23 giugno 1995, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla legge
8 agosto 1995, n. 341, e’ confermata, per l’anno 2001, nella misura
dell’11,50 per cento.
Il presente decreto sara’ pubblicato, per estratto, nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 18 febbraio 2002

Il Ministro del lavoro
e delle politiche sociali
Maroni
Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti
Registrato alla Corte dei conti il 22 marzo 2002
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 1 Lavoro, foglio n. 205

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 18 febbraio 2002: Modalita’ di contribuzione nel settore dell’edilizia. (GU n. 78 del 3-4-2002

Architetto.info