MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 19 giugno 2009 | Architetto.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 19 giugno 2009

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 19 giugno 2009 - Elenco delle Zone di protezione speciale (ZPS) classificate ai sensi della direttiva 79/409/CEE. (09A07896) (GU n. 157 del 9-7-2009 )

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 19 giugno 2009

Elenco delle Zone di protezione speciale (ZPS) classificate ai
sensi della direttiva 79/409/CEE. (09A07896)

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE
E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
E DEL MARE

Vista la direttiva 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979
concernente la conservazione degli uccelli selvatici;
Vista la direttiva 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992,
relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali,
nonche’ della flora e della fauna selvatiche;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997,
n. 357 «Regolamento recante l’attuazione della direttiva n. 92/43/CEE
relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali
nonche’ della flora e della fauna selvatiche»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 marzo 2003, n.
120, «Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del
Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, concernente
attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione
degli habitat naturali e seminaturali, nonche’ della flora e fauna
selvatiche»;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare 5 luglio 2007 recante «Elenco delle Zone di
Protezione Speciale (ZPS) classificate ai sensi della direttiva
79/409/CEE»;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare 17 ottobre 2007 recante «Criteri minimi
uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a
Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e a Zone di Protezione Speciale
(ZPS)»;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare 22 gennaio 2009 recante modifica del decreto 17
ottobre 2007, concernente i criteri minimi uniformi per la
definizione di misure di conservazione relative a Zone Speciali di
Conservazione (ZSC) e a Zone di Protezione Speciale (ZPS);
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Basilicata n.
267 del 28 febbraio 2007 avente ad oggetto: «Integrazione alla
deliberazione della Giunta regionale n. 590 del 14 marzo 2005:
individuazione e richiesta di designazione di nuove zone a protezione
speciale – ZPS»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Basilicata n.
389 del 21 marzo 2007 avente ad oggetto: «DGR 267/2007 – Integrazione
alla deliberazione della Giunta regionale n. 590 del 14 marzo 2005:
individuazione e richiesta di designazione di nuove zone a protezione
speciale – ZPS – sostituzione allegati»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Friuli-Venezia
Giulia n. 79 del 19 gennaio 2007 concernente l’ampliamento delle ZPS
riferite alle IBA 041 «Carso Triestino» e 036 «Area tra Val Visdende
e Canale San Pietro»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Friuli-Venezia
Giulia n. 217 dell’8 febbraio 2007 che conferma la designazione delle
summenzionate ZPS e determina con maggiore precisione i confini;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia n.
3624 del 28 novembre 2006 avente ad oggetto «Individuazione di aree
ai fini della loro classificazione quali ZPS – Zone di Protezione
Speciale ai sensi della direttiva 79/409/CEE»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia n.
VIII/4197 del 28 febbraio 2007 «Individuazione di aree ai fini della
loro classificazione quali ZPS (Zone di Protezione Speciale) ai sensi
dell’art. 4 della direttiva 79/409/CEE – Integrazione deliberazione
della Giunta regionale n. 3624/2006»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Molise n. 230 del
6 marzo 2007 avente ad oggetto «Direttiva “Uccelli” n.
79/409/CEE – deliberazione della Giunta regionale n. 347 del 4 aprile
2005 – Provvedimenti»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Piemonte n. 3 –
5405 del 28 febbraio 2007 avente ad oggetto «Procedura d’infrazione
1993/2165 ex art. 228 del Trattato. Sentenza della Corte di giustizia
nella causa C-378/01. Sistema delle Zone di Protezione Speciale ZPS
della regione Piemonte in attuazione della direttiva 79/409/CEE
“Uccelli selvatici”. Integrazione della deliberazione
della Giunta regionale n. 76-2950 del 22 maggio 2006»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Puglia n. 145
del 26 febbraio 2007 avente ad oggetto «Adeguamento Zone di
Protezione Speciale – Procedura d’infrazione contro la Repubblica
italiana per insufficiente classificazione delle ZPS – Causa
C-378/01»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Sardegna n.
9/17 del 7 marzo 2007 relativa alla classificazione di nuove ZPS;
Vista la nota della Direzione per la Protezione della Natura prot.
DPN – 2007 – 0008545 del 26 marzo 2007 con la quale si chiede
l’adeguamento dei codici indicati per le ZPS «Isola Asinara» e
«Arcipelago della Maddalena» e si segnala la necessita’ di risolvere
alcune incongruenze riscontrate nei dati comunicati dalla Regione per
poter effettuare l’inserimento ufficiale nella banca dati Natura
2000;
Vista la nota del Servizio conservazione della natura e degli
habitat, tutela della fauna selvatica ed esercizio dell’attivita’
venatoria, istituto regionale della fauna e dell’attivita’
fitosanitaria della regione Sardegna, prot. n. 21727 del 26 giugno
2007, con la quale si trasmette a mezzo supporto informatico il
quadro completo di tutti gli areali individuati dalla regione
Sardegna e si precisa di aver introdotto nell’allegato «A» alla
deliberazione di Giunta regionale n. 9/17 del 7 marzo 2007 tutte le
modifiche proposte con la succitata nota della Direzione per la
Protezione della Natura risolvendo tutte le incongruenze segnalate;
Vista la nota della Direzione della Protezione della Natura prot.
n. DPN – 2007 – 0025904 del 28 settembre 2007 con la quale si chiede
alla regione Sardegna di confermare definitivamente l’elenco delle
ZPS ricadenti nel territorio regionale;
Vista la nota prot. n. 41172 del 23 novembre 2007 del Servizio
Tutela della natura della regione Sardegna con la quale si trasmette
la lista definitiva delle ZPS contestualmente alla Determinazione n.
1699 del 19 novembre 2007 che nel relativo allegato recepisce le
modifiche apportate all’elenco delle ZPS ricadenti nel territorio
regionale;
Visto il decreto dell’Assessore per il territorio e l’ambiente
della regione Siciliana n. 120/GAB del 5 maggio 2006 recante
«Approvazione delle cartografie delle aree di interesse naturalistico
SIC e ZPS e delle schede aggiornate dei siti Natura 2000 ricadenti
nel territorio della regione»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Toscana n. 109
del 19 febbraio 2007 avente ad oggetto «Direttiva 79/409/CEE –
Ampliamento delle zone di protezione speciale (ZPS) dell’Arcipelago
Toscano»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Toscana n. 456
del 25 giugno 2007 recante la modifica della deliberazione di Giunta
regionale n. 109 del 19 febbraio 2007 con la sostituzione
dell’allegato A;
Vista la deliberazione della Giunta provinciale di Trento n. 328
del 22 febbraio 2007 avente a oggetto «Integrazione della
deliberazione della Giunta provinciale dell’8 aprile 2005, n. 655,
come rettificata dalla deliberazione n. 2955 del 2005. Estensione ed
individuazione delle protezione speciale (ZPS) in esecuzione della
sentenza della Corte di giustizia delle Comunita’ europea 20 marzo
2003, causa c-378/01, in attuazione della direttiva 79/409/CEE del
Consiglio del 2 aprile 1979»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Valle d’Aosta
n. 4233 del 29 dicembre 2006 concernente l’approvazione
dell’ampliamento della zona di protezione speciale denominata Parco
naturale del Monte Avic;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Veneto n. 441 del
27 febbraio 2007 recante «Rete Natura 2000. Zone di Protezione
Speciale (ZPS). Provvedimento in esecuzione sentenza Corte di
Giustizia alle Comunita’ Europee del 20 marzo 2003, Causa C-378/01.
Nuova definizione delle aree della Laguna di Venezia e del Delta del
Po.»;
Vista la nota prot. DPN – 2007 – 005885 del 2 marzo 2007 con la
quale si trasmettono per il successivo inoltro alla Commissione
europea le nuove aree classificate come ZPS in riferimento alla
procedura d’infrazione 1993/2165;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Veneto n. 1885
del 19 giugno 2007 «Zona di protezione speciale denominata IT3270021
“Vallona di Loreo”: esecuzione della sentenza n. 1625 del
20 aprile 2005 della terza Sezione del TAR Veneto e avvio di uno
studio che verifichi il permanere delle condizioni di coerenza
ecologica della rete ecologica europea Natura 2000 nell’area vasta
ricomprendente il sito ZPS IT3270021 “Vallona di Loreo”»;
Visto il parere favorevole espresso dalla Conferenza per i rapporti
tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano
nella seduta del 20 dicembre 2007 sullo schema di decreto trasmesso
con nota prot. GAB/2007/11244/B07 del 5 ottobre 2007;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Campania n.
1625 del 20 settembre 2007 «Rimodulazione della perimetrazione della
Zona di protezione Speciale “Boschi e Sorgenti della
Baronia”»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Veneto n. 4059
dell’11 dicembre 2007 avente ad oggetto «Rete ecologica europea
Natura 2000. Istituzione di nuove Zone di Protezione Speciale,
individuazione di nuovi Siti di Importanza Comunitaria e modifiche ai
siti esistenti in ottemperanza degli obblighi derivanti
dall’applicazione delle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE.
Aggiornamento banca dati»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Calabria n. 350
del 5 maggio 2008 «Revisione del Sistema regionale delle ZPS
(Direttiva 79/409/CEE “Uccelli” recante conservazione
dell’avifauna selvatica e Direttiva 92/43/CEE “Habitat”
relativa alla “conservazione degli habitat naturali e
seminaturali, nonche’ della flora e della fauna selvatiche”) –
Adempimenti»;
Vista la deliberazione della Giunta regionale dell’Emilia Romagna
n. 869 dell’11 giugno 2008 avente ad oggetto «Aggiornamento
dell’elenco e della perimetrazione delle aree SIC e ZPS della regione
Emilia Romagna»;
Vista la nota prot. DPN – 2008 – 19624 dell’8 agosto 2008 con la
quale e’ stata trasmessa alla Rappresentanza permanente d’Italia per
il successivo inoltro alla Commissione europea la documentazione
riguardante l’aggiornamento della banca dati Natura;
Viste le deliberazioni della Giunta regionale del Lazio del 26
settembre 2008 numeri 697 – 698 – 699 – 700 relative alla rettifica
di alcuni errori tecnici delle delimitazioni di alcune ZPS e la
deliberazione del 26 settembre 2008, n. 701, relativa alla
cancellazione di alcune ZPS in quanto gia’ incluse nei territori
delle ZPS «Monti della Laga» e «Parco nazionale d’Abruzzo»;
Vista la nota della Direzione per la Protezione della Natura prot.
n. DPN – 2008 – 0022560 del 29 settembre 2008 avente ad oggetto
«Aggiornamento banca dati Natura 2000» con la quale, tra l’altro, si
rifiutava la proposta di riperimetrazione della ZPS «Boschi e
Sorgenti della Baronia»;
Vista la nota della Direzione per la Protezione della Natura prot.
DPN – 2008 – 0023386 dell’8 ottobre 2008 avente ad oggetto
«Aggiornamento rete Natura 2000 in Emilia Romagna» con la quale a
seguito di istruttoria tecnica si rifiuta le proposte di modifica
delle aree SIC e ZPS in Emilia-Romagna di cui alla gia’ citata
deliberazione di Giunta regionale n. 869 dell’11 giugno 2008;
Vista la nota prot. DPN – 2008 – 29246 del 9 dicembre 2008 con la
quale e’ stata trasmessa alla Rappresentanza permanente d’Italia per
il successivo inoltro alla Commissione europea la documentazione
riguardante l’aggiornamento della banca dati Natura relativamente
alle rettifiche del confine di alcune ZPS del Lazio;
Considerata la necessita’ di rendere pubblico l’elenco delle zone
di protezione speciale individuate dalle regioni e province autonome
di Trento e Bolzano per permetterne la conoscenza, la valorizzazione
e la tutela ai sensi della direttiva 79/409/CEE;
Visto il parere favorevole sul presente decreto espresso dalla
Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 25 marzo 2009;
Decreta:

Art. 1.

1. Le zone di protezione speciale classificate ovvero istituite ai
sensi della direttiva 79/409/CEE sono elencate nell’allegato A che
costituisce parte integrante del presente decreto.
2. Il decreto 5 luglio 2007 citato nelle premesse e’ abrogato.

Art. 2.

1. I formulari standard «Natura 2000» e le cartografie delle zone
di protezione speciale sono depositati e disponibili presso la
Direzione per la Protezione della Natura del Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare e, per la parte dei
competenza, presso le regioni e le province autonome di Trento e
Bolzano.

Art. 3.

1. Eventuali integrazioni e/o variazioni all’elenco riportato
nell’allegato A al presente decreto verranno effettuate con
successivo decreto ministeriale.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 19 giugno 2009

Il Ministro : Prestigiacomo

Allegato A
1

—-> Vedere Allegato da pag. 64 a pag. 77 <----

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 19 giugno 2009

Architetto.info