MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 8 maggio 2012 | Architetto.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 8 maggio 2012

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 8 maggio 2012 - Criteri ambientali minimi per l'acquisizione dei veicoli adibiti al trasporto su strada. (12A06333) - (GU n. 129 del 5-6-2012 )

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 8 maggio 2012

Criteri ambientali minimi per l’acquisizione dei veicoli adibiti al
trasporto su strada. (12A06333)

IL MINISTRO
DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Visto l’art. 1, comma 1126, della legge 27 dicembre 2006, n. 296
che prevede la predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare, con il concerto dei Ministri
dell’economia e delle finanze e dello sviluppo economico, e con
l’intesa delle Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano,
del «Piano d’azione per la sostenibilita’ ambientale dei consumi
della pubblica amministrazione» (di seguito PAN GPP);
Visti i commi 1126 e 1127 dell’art. 1 della citata legge n.
296/2006 che stabiliscono che detto Piano adotti le misure volte
all’integrazione delle esigenze di sostenibilita’ ambientale nelle
procedure d’acquisto pubblico in determinate categorie merceologiche
oggetto di procedure di acquisti pubblici;
Visto il decreto interministeriale dell’11 aprile 2008 del Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto
con i Ministri dello sviluppo economico e dell’economia e delle
finanze che, ai sensi del citato art. 1, comma 1126, della citata
legge n. 296/2006, ha adottato il PAN GPP individuando, ai sensi
dell’art. 1, comma 1127, della legge n. 296/2006, 11 categorie di
prodotti e servizi da affrontare prioritariamente ai fini del
raggiungimento di obiettivi di sostenibilita’ ambientale;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare GAB/DEC/185/2007 del 18 ottobre 2007 e le
successive modifiche ed integrazioni, che secondo quanto indicato al
punto 6 del citato PAN GPP, ha istituito un comitato
interministeriale (denominato Comitato di gestione) per la gestione
del PAN GPP che vede, la presenza di funzionari del Ministero
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dei
Ministeri dello sviluppo economico e dell’economia e finanze, nonche’
di funzionari di enti ricerca e rappresentanti delle regioni;
Visto il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 24, «Attuazione della
direttiva 2009/33/CE relativa alla promozione di veicoli a ridotto
impatto ambientale e a basso consumo energetico nel trasporto su
strada» ed in particolare dove si stabilisce:
all’art. 1: «l’obbligo per le amministrazioni aggiudicatrici, per
gli enti aggiudicatori e per gli operatori di cui all’art. 2, comma
1, di tener conto, al momento dell’acquisizione di veicoli adibiti al
trasporto su strada, di cui all’art. 3, comma 1, lettera c),
dell’impatto energetico e dell’impatto ambientale, tra cui il consumo
energetico e le emissioni di CO2 e di talune sostanze inquinanti,
nell’intero arco della loro la vita»;
all’art. 4, comma 2: «Le amministrazioni aggiudicatrici, gli enti
aggiudicatori e gli operatori di cui all’art. 2, comma 1, devono
tenere conto, al momento dell’acquisizione di veicoli adibiti al
trasporto su strada, anche degli ulteriori impatti ambientali
definiti ai sensi dell’art. 2 del decreto del Ministro dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare in data 11 aprile 2008»;
Visto quanto indicato dall’art. 2 del citato decreto
interministeriale dell’11 aprile 2008 dove si prevede l’emanazione di
«criteri ambientali minimi» per le diverse categorie merceologiche
indicate al punto 3.6 PAN GPP tramite decreto del Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti i
Ministri dello sviluppo economico e dell’economia e delle finanze;
Preso atto che, in ottemperanza a quanto disposto dal citato art. 2
del decreto interministeriale dell’11 aprile 2008, con note del 20
gennaio 2012, prot. DVA-2012-0001471 e del 20 gennaio 2012, prot.
DVA-2012-0001472 e’ stato chiesto ai Ministeri sviluppo economico e
dell’economia e delle finanze di formulare eventuali osservazioni sui
documenti relativi ai citati criteri per i prodotti/servizi:
«Acquisizione dei veicoli adibiti al trasporto su strada»;
Tenuto conto delle osservazioni trasmesse con nota prot. 2626 del
24 febbraio 2012 da parte del Ministero dell’economia e delle
finanze;
Considerato che entro il termine di «trenta giorni dalla ricezione
della presente nota» cosi’ come indicato nelle citate note non sono
pervenute osservazioni dal Ministero dello sviluppo economico;
Visto il documento tecnico, allegato al presente decreto, relativo
ai «Criteri ambientali minimi per l’acquisizione dei veicoli adibiti
al trasporto su strada» elaborato nell’ambito del citato Comitato di
gestione con il contributo delle parti interessate attraverso le
procedure di confronto previste dal Piano stesso;
Ritenuto necessario procedere all’adozione dei «Criteri ambientali
minimi per l’acquisizione dei veicoli adibiti al trasporto su
strada»;

Decreta:

Art. 1

Criteri ambientali minimi

Ai sensi dell’art. 2 del decreto interministeriale dell’11 aprile
2008, citato in premessa, dove si prevede l’emanazione di «criteri
ambientali minimi» per la categoria merceologica «Trasporti»,
indicata al punto 3.6 PAN GPP, sono adottati i criteri ambientali di
cui all’allegato tecnico del presente decreto, facente parte
integrante del decreto stesso: «Acquisizione dei veicoli adibiti al
trasporto su strada».

Art. 2

Modifiche

I criteri verranno aggiornati alla luce dell’evoluzione tecnologica
del mercato e delle indicazioni della Commissione europea, con
cadenza biennale.
Il presente decreto unitamente all’allegato e’ pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 8 maggio 2012

Il Ministro: Clini

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 8 maggio 2012

Architetto.info