MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE | Architetto.info

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 6 novembre 2001: Modifica al decreto ministeriale 31 maggio 2001, recante i criteri per la concessione delle agevolazioni previste dall'art. 2 del decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1996, n. 421, e modificato dall'art. 9 della legge 5 marzo 2001, n. 57, al consorzio obbligatorio per la realizzazione e gestione del sistema informatico dei mercati agro-alimentari all'ingrosso. (GU n. 2 del 3-1-2002)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 6 novembre 2001

Modifica al decreto ministeriale 31 maggio 2001, recante i criteri
per la concessione delle agevolazioni previste dall’art. 2 del
decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321, convertito, con modificazioni,
dalla legge 8 agosto 1996, n. 421, e modificato dall’art. 9 della
legge 5 marzo 2001, n. 57, al consorzio obbligatorio per la
realizzazione e gestione del sistema informatico dei mercati
agro-alimentari all’ingrosso.

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE
Visto l’art. 11 della legge 28 febbraio 1986, n. 41, che, ai commi
15 e seguenti, che prevede la concessione di contributi in conto
capitale ed in conto interessi alle societa’ promotrici di centri
commerciali all’ingrosso, nonche’ alle societa’ consortili con
partecipazione maggioritaria di capitale pubblico che realizzano
mercati agroalimentari all’ingrosso;
Visto l’art. 2 del decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321,
convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 1996, n. 421, con
il quale viene istituito il consorzio obbligatorio per la
realizzazione e gestione del sistema informatico dei mercati
agro-alimentari all’ingrosso.
Visto in particolare, il comma 6 del suddetto art. 2, che prevede
la concessione al consorzio obbligatorio, per la realizzazione di un
programma di investimenti finalizzato al raggiungimento dei compiti
individuati al comma 1 dello stesso art. 2, le agevolazioni di cui
all’art. 11, comma 16, della legge 28 febbraio 1986, n. 41, nella
misura prevista per le iniziative ubicate nei territori meridionali e
nel limite massimo di 6 miliardi;
Preso atto che il consorzio obbligatorio si e’ costituito in data
10 luglio 1997, con la denominazione Consorzio infomercati, e che con
decreto ministeriale del 22 settembre 1997, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 245 del 20 ottobre 1997, e’ stato approvato il relativo
statuto;
Visto l’art. 9 della legge 5 marzo 2001, n. 57, recante
disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati, che
modifica il comma 6 dell’art. 2 disponendo che le agevolazioni
vengano riconosciute nella forma di un contributo in conto capitale
pari all’80 per cento delle spese ammesse per la realizzazione del
predetto programma di investimenti;
Visto l’art. 5 del decreto 31 maggio 2001 registrato alla Corte dei
conti il 6 luglio 2001, registro n. 1, foglio n. 304, che prevede al
comma 2 la presentazione di fidejussione bancaria rilasciata a favore
del Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato, ora
Ministero delle attivita’ produttive, per ottenere l’erogazione della
prevista anticipazione del contributo in conto capitale concesso al
Consorzio obbligatorio infomercati;
Considerato che a garanzia delle anticipazioni puo’ essere ritenuta
valida anche la presentazione di una garanzia assicurativa;
Decreta:
Art. 1.
1. A parziale modifica dell’art. 5, comma 2, del decreto
ministeriale 31 maggio 2001 citato nelle premesse l’erogazione della
prima quota del Contributo in conto capitale al Consorzio
infomercati, pari al 25%, e’ effettuata come anticipazione del
contributo concesso, previa presentazione di fidejussione bancaria
ovvero polizza assicurativa irrevocabile, incondizionata ed
escutibile a prima richiesta a garanzia delle somme erogate,
rilasciata a favore del Ministero delle attivita’ produttive –
Direzione generale del coordinamento per gli incentivi alle imprese,
di importo pari all’anticipazione richiesta. Tale garanzia che dovra’
essere predisposta sulla base del modello allegato al presente
decreto, potra’ essere svincolata con l’erogazione a saldo del
contributo.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 6 novembre 2001
Il Ministro: Marzano
Registrato alla Corte dei conti il 27 novembre 2001
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 1 Attivita’ produttive, foglio n. 57

Allegato
SCHEMA DI GARANZIA FIDEJUSSORIA
Spett.le Ministero delle attivita’
produttive – D.G.C.I.I. – Uff. D 1
– Via Molise, 2 – Roma
Premesso che:
a) la presentazione della domanda, la concessione e la revoca
delle agevolazioni finanziarie previste al Consorzio infomercati
dall’art. 2 del decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321, convertito, con
modificazioni, nella legge 8 agosto 1996, n. 421, e modificato
dall’art. 9 della legge 5 marzo 2001, n. 57, sono disciplinate dal
decreto del Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 31 maggio 2001;
b) l’art. 5, comma 1, del predetto decreto ministeriale prevede
che l’erogazione del contributo in conto capitale avvenga in tre
quote, pari rispettivamente al 25%, al 50% ed al saldo del contributo
concesso;
c) il successivo comma 2 dello stesso art. 5 stabilisce che
l’erogazione della prima quota, pari al 25%, e’ effettuata come
anticipazione del contributo concesso, previa presentazione di
fidejussione bancaria o polizza assicurativa, irrevocabile,
incondizionata ed escutibile a prima richiesta a garanzia delle somme
erogate, rilasciata a favore del Ministero dell’industria, commercio
ed artigianato – direzione generale del coordinamento per gli
incentivi alle imprese, di importo pari all’anticipazione richiesta,
da rilasciare conformemente allo schema tipo predisposto dal
Ministero ed allegato al decreto ministeriale del 31 maggio 2001;
d) la garanzia dovra’ coprire, entro i limiti dell’importo
garantito i casi di revoca previsti dal comma 2 dell’art. 6 del
decreto ministeriale 31 maggio 2001, ovvero i casi in cui:
1. per il medesimo programma di investimenti, siano state
concesse agevolazioni di qualsiasi natura previste da altre norme
statali, regionali o comunitarie o comunque concesse da enti o
istituzioni pubbliche;
2. il soggetto beneficiario si trovi in stato di liquidazione
volontaria, si trovi sottoposto a procedure concorsuali o cessi
l’attivita’ istituzionale prevista dall’art. 2, comma 1 del
decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321, convertito, con modificazioni,
nella legge 8 agosto 1996, n. 421;
3. l’iniziativa non venga ultimata entro i tre anni dalla
data di comunicazione del decreto di ammissione alle agevolazioni o
gli ulteriori due anni di proroga concessi in caso di effettiva e
motivata necessita’;
e) al momento della presentazione di ciascuna domanda di
pagamento, ivi inclusa quella a saldo, la garanzia fidejussoria deve
essere estesa anche agli importi di cui e’ richiesta l’erogazione. La
garanzia dovra’ avere una durata di anni tre, con obbligo di rinnovo
di anno in anno fino al primo anno successivo al pagamento a saldo.
Tale garanzia sara’ svincolata solo sulla base di comunicazione del
Ministero in tal senso, in seguito ad esito positivo
dell’accertamento finale di spesa e dei successivi controlli.
Tutto cio’ premesso che forma parte integrante del presente atto
Il/La sottoscritto/a ….(1) (in seguito indicata per brevita’
“banca” o “societa’”) con sede legale in…. iscritto/a nel registro
delle imprese di ….al n. ……… iscritto/a all’albo/elenco….
(2), a mezzo dei sottoscritti signori:
….nato a …. il ……………….
….nato a …. il ………………. nella loro rispettiva
qualita’ di …., dichiara di costituirsi con il presente atto
fidejussore nell’interesse del contraente Consorzio infomercati ed a
favore del Ministero – Direzione generale coordinamento incentivi
alle imprese, per la restituzione dell’anticipazione/pagamento di cui
in premessa, fino alla concorrenza dell’importo di lire/euro ….
(diconsi lire/euro ….), oltre alla rivalutazione ed
alla maggiorazione specificate al seguente punto, alle seguenti
condizioni:
1. la sottoscritta banca/societa’ si obbliga irrevocabilmente
ed incondizionatamente a rimborsare al Ministero l’importo garantito
con il presente atto, qualora il contraente Consorzio infomercati non
abbia provveduto a restituire, in tutto od in parte, l’importo stesso
entro quindici giorni dalla data di ricezione dell’apposita richiesta
a restituire formulata dal Ministero con l’indicazione
dell’inadempienza riscontrata, sulla base delle disposizioni che
disciplinano la concessione e la revoca delle agevolazioni previste
dal decreto ministeriale 31 maggio 2001 tali da far risultare il
contraente Consorzio infomercati debitore, in tutto o in parte, per
quanto erogato a titolo di anticipazione/pagamento
intermedio/pagamento a saldo. L’ammontare del rimborso sara’
automaticamente rivalutato sulla base dell’indice ISTAT dei prezzi al
consumo per le famiglie di operai e impiegati e maggiorato degli
interessi legali decorrenti nel periodo compreso tra la data
dell’erogazione e quella del rimborso;
2. la banca/societa’ si impegna ad effettuare il rimborso a
prima e semplice richiesta scritta e, comunque, non oltre i quindici
giorni dalla ricezione di detta richiesta, cui peraltro non potra’
opporre alcuna eccezione anche sull’eventualita’ di opposizione
proposta dal contraente Consorzio infomercati o da altri soggetti
comunque interessati ed anche nel caso che il Con…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Architetto.info