MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 12 febbraio 2002: Graduatorie regionali ordinarie e speciali e graduatorie relative ai "grandi progetti" di cui all'art. 6, comma 3 del decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995 | Architetto.info

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 12 febbraio 2002: Graduatorie regionali ordinarie e speciali e graduatorie relative ai “grandi progetti” di cui all’art. 6, comma 3 del decreto del Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 12 febbraio 2002: Graduatorie regionali ordinarie e speciali e graduatorie relative ai "grandi progetti" di cui all'art. 6, comma 3 del decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995 e successive modifiche e integrazioni, concernenti le iniziative ammissibili relative alle domande di agevolazione presentate ai sensi del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, per il bando del 2001 del "settore industria" (attivita' estrattive, manifatturiere, di servizi, delle costruzioni e dell'energia) - 11o bando di attuazione. (GU n. 65 del 18-3-2002- Suppl. Ordinario n.47)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 12 febbraio 2002

Graduatorie regionali ordinarie e speciali e graduatorie relative
ai “grandi progetti” di cui all’art. 6, comma 3 del decreto del
Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato n. 527 del
20 ottobre 1995 e successive modifiche e integrazioni, concernenti le
iniziative ammissibili relative alle domande di agevolazione
presentate ai sensi del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415,
convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488,
per il bando del 2001 del “settore industria” (attivita’ estrattive,
manifatturiere, di servizi, delle costruzioni e dell’energia) – 11o
bando di attuazione.

IL DIRETTORE GENERALE
PER IL COORDINAMENTO DEGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

Visto l.art. 1, comma 2 del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415,
convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488,
concernente i criteri per la concessione delle agevolazioni alle
attivita’ produttive nelle aree depresse del Paese;
Visto l.art. 5, comma 1 del decreto legislativo 3 aprile 1993, n.
96;
Visto il decreto ministeriale 3 luglio 2000, concernente il testo
unico delle direttive per la conces- sione e l.erogazione delle
agevolazioni alle attivita’ produttive nelle aree depresse ai sensi
della predetta legge n. 488/1992 che, in particolare, al punto 5.c4,
prevede, per l.assegnazione delle risorse, la forma- zione di
graduatorie regionali ordinarie e speciali, nonche’ di due
graduatorie multiregionali relative ai “grandi progetti”;
Visto il decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 e le
successive modifiche e integrazioni, di seguito denominato
.regolamento., concernente le modalita’ e le procedure per la
concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle
attivita’ produttive nelle aree depresse del Paese;
Visto, in particolare, l.art. 6, comma 3 del citato D.M. n. 527/95
e successive modifiche e integrazioni che attribuisce al Ministero
dell.Industria, del Commercio e dell.Artigianato, ora Ministero delle
attivita’ produttive, la competenza di formare, sulla base delle
risultanze degli accertamenti istruttori delle banche concessionarie,
le suddette graduatorie delle iniziative ammissibili alle
agevolazioni e di provvedere alla loro pubblicazione;
Viste le circolari esplicative del Ministero dell.Industria, del
Commercio e dell.Artigianato n. 900315 del 14 luglio 2000, n. 900405
del 16 ottobre 2000, n. 1054119 del 25 ottobre 2000, n. 900476 del 21
novembre 2000, n. 930035 del 5 febbraio 2001, n. 900119 del 23
febbraio 2001 e n. 900012 del 14 gennaio 2002;
Visto il decreto ministeriale del 21 dicembre 2000 con il quale
sono stati fissati i termini per la presentazione delle domande
relative al bando del .settore industria. del 2001;
Visti i decreti ministeriali del 14 luglio 2000, del 9 novembre
2000, del 13 novembre 2000 e del 7 agosto 2001 con i quali sono state
fissate le misure massime consentite relative alle agevolazioni di
cui alla citata legge n. 488/1992 a partire dal 2000 e sono stati
pubblicati gli elenchi delle aree ammissibili delle regioni e
province autonome del centro-nord;
Vista la delibera del CIPE del 6 agosto 1999 concernente
l.approvazione del piano finanziario programmatico del Programma di
sviluppo del Mezzogiorno per il periodo 2000-2006;
Visto il Programma Operativo Nazionale (P.O.N.) .Sviluppo
imprenditoriale locale. che, per il periodo 2000-2006, stanzia
3.218,878 milioni di euro per gli interventi riferiti alla Misura
1-Legge 488/92 .Industria. nelle regioni Calabria, Campania,
Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia;
Considerato che, dei predetti 3.218,878 milioni di euro, 31,200
sono riservati per gli interventi di Tutoraggio (sottomisura 1.2),
309,874 sono riservati per l.attuazione di una graduatoria specifica
finalizzata al raggiungimento di obiettivi di sviluppo sostenibile e
2.189,579 sono stati gia’ impegnati con il bando del settore
.industria. del 2000 (8o bando) e che, pertanto, per il bando in
argomento, residuano 688,225 milioni di euro (1.332,5900 miliardi di
lire);
Vista la delibera del CIPE del 21 dicembre 2001, concernente il
riparto su base regionale delle risorse destinate alle aree depresse
per il periodo 2001-2003 dalla legge finanziaria del 2001, che
destina una quota di 3.500 miliardi di lire (1.807,599 milioni di
euro) di risorse nazionali al finanziamento dei bandi della legge n.
488/92, di cui 2.975,0 miliardi (1.536,459 milioni di euro) per le
regioni dell.obiettivo 1 e 525,0 miliardi (271,140 milioni di euro)
per le regioni e province autonome del centro-nord;
Visto il decreto del Ministro dell.industria, del commercio e
dell.artigianato del 30 marzo 2001 che, dei suddetti 3.500,0 miliardi
di lire (1.807,599 milioni di euro), ha assegnato, in via
programmatica, al bando del .settore industria. del 2001, 1.871,7000
miliardi di lire (966,652 milioni di euro), di cui 1.590,9450
miliardi (821,655 milioni di euro) alle regioni dell.obiettivo 1 e
280,7550 miliardi (144,998 milioni di euro) alle regioni e province
autonome del centro-nord, destinando alle graduatorie dei .grandi
progetti. il 13% delle risorse complessivamente disponibili
(nazionali e cofinanziate), da imputare, ai soli fini contabili, alle
risorse nazionali;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive del 10
gennaio 2002 con il quale sono stati assegnati al bando del settore
.industria. del 2001, in aggiunta alle risorse gia’ individuate con
il predetto decreto del 30 marzo 2001, 1.000,0 miliardi di lire
(516,457 milioni di euro), derivanti dalle economie di spesa riferite
agli interventi di cui alle leggi n. 64/1996 e n. 488/1992, per la
formazione delle graduatorie del bando in argomento, di cui 850,0
miliardi (438,988 milioni di euro) alle regioni dell.obiettivo 1 e
150,0 miliardi (77,469 milioni di euro) alle regioni e province
autonome del centro-nord;
Considerato che, sulla base di quanto precede e tenuto conto dei
criteri di riparto tra le regioni e le province autonome fissati dal
CIPE con la richiamata delibera del 21 dicembre 2000, le risorse
risultano cosi’ ripartite (in miliardi di lire):

—-> Vedere tabella a pag. 6 della G.U. Vedere tabella
a pag. 7 della G.U. Vedere tabella a pag. 8 della G.U.

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 12 febbraio 2002: Graduatorie regionali ordinarie e speciali e graduatorie relative ai “grandi progetti” di cui all’art. 6, comma 3 del decreto del Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995

Architetto.info