MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 15 marzo 2002 | Architetto.info

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 15 marzo 2002

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 15 marzo 2002 Fissazione dei termini di presentazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni di cui al Programma operativo nazionale (P.O.N.) "Sviluppo imprenditoriale locale", misura 2.1.b., Pacchetto integrato di agevolazioni (P.I.A.) - Formazione. (GU n. 72 del 26-3-2002)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 15 marzo 2002

Fissazione dei termini di presentazione delle domande per l’accesso
alle agevolazioni di cui al Programma operativo nazionale (P.O.N.)
“Sviluppo imprenditoriale locale”, misura 2.1.b., Pacchetto integrato
di agevolazioni (P.I.A.) – Formazione.

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Visto il Programma operativo nazionale (P.O.N.) “Sviluppo
imprenditoriale locale”, approvato dalla Commissione della Unione
europea con decisione C (2000) 2342 dell’8 agosto 2000, ed in
particolare la Misura 2, Pacchetto integrato di agevolazioni –
P.I.A., che ha previsto un nuovo sistema agevolativo che, utilizzando
regimi di aiuto esistenti e nel rispetto dei relativi inquadramenti
comunitari, unifica, integra e semplifica le procedure di accesso e
di concessione delle agevolazioni;
Visto il complemento di programmazione del citato P.O.N., approvato
dal comitato di sorveglianza del P.O.N. medesimo nella riunione del
10 luglio 2001, relativo alla seconda modalita’ operativa della
suddetta Misura 2, denominata P.I.A. Formazione, finalizzata alla
concessione di agevolazioni finanziarie alle imprese che intendono
realizzare un’iniziativa consistente in un programma di investimento
agevolabile dalla legge n. 488/1992 del settore “industria”, che
preveda un considerevole incremento occupazionale, ed in un correlato
programma di formazione ammissibile agli “incentivi alla formazione”;
Vista la circolare n. 1167510 del 28 novembre 2001 del Ministero
delle attivita’ produttive, che ha fissato le modalita’ di attuazione
di tale specifica misura denominata PIA Formazione;
Visti i punti 1.2 e 1.3 della detta circolare con i quali si
stabilisce che il sistema agevolativo P.I.A. Formazione e’ applicato
utilizzando i bandi della legge n. 488/1992, settore “industria” e
che le relative risorse finanziarie disponibili per ciascun bando
sono stabilite con decreto del Ministro delle attivita’ produttive;
Visto il punto 12 della predetta circolare che prevede in prima
applicazione particolari modalita’ per l’accesso alle agevolazioni e,
in particolare, il punto 12.3 – che rende disponibili per tale prima
applicazione risorse cofinanziate FSE pari a venticinque milioni di
euro per i programmi agevolati dalla legge n. 488/1992 con le
graduatorie pubblicate nel supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 121 del 26 maggio 2001 e pari
a otto milioni di euro per i programmi agevolati con le graduatorie
relative al bando i cui termini di presentazione delle domande si
sono chiusi il 30 giugno 2001 – ed il punto 12.5, che chiarisce che i
termini e le modalita’ di presentazione delle domande di agevolazione
sono fissati con decreto del Ministro delle attivita’ produttive;
Visto il proprio decreto del 6 novembre 2001, relativo ai termini
del bando del 2002 del settore “industria” della legge n. 488/1992;
Considerato che il P.O.N. “Sviluppo imprenditoriale locale” ha
complessivamente destinato alla Misura 2 Pacchetto integrato di
agevolazioni risorse cofinanziate FESR pari a 571,6 milioni di euro e
risorse cofinanziate FSE pari a 96,429 milioni di euro;
Decreta:
Articolo unico
1. I termini di presentazione delle domande per l’accesso alle
agevolazioni di cui alla Misura 2.1.b Pacchetto integrato di
agevolazioni – P.I.A. Formazione di cui alle premesse, le cui
modalita’ applicative sono state stabilite con circolare n. 1167510
del 28 novembre 2001, sono i medesimi del bando attualmente in corso
del settore “industria” del 2002 (quattordicesimo bando) della legge
n. 488/1992, il cui termine finale sara’ fissato con successivo
decreto. Tali domande sono presentate alle banche concessionarie di
cui alla circolare n. 900940 del 1 ottobre 2001.
2. I termini di presentazione delle domande per l’accesso ai soli
incentivi alla formazione da parte delle imprese che hanno gia’
beneficiato delle agevolazioni per un programma di investimenti fissi
ai sensi della legge n. 488/1992, secondo quanto indicato al punto 12
della richiamata circolare n. 1167510 del 28 novembre 2001, relativo
alla prima applicazione della predetta misura P.I.A. Formazione, sono
fissati dal giorno della pubblicazione del presente decreto nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e fino al trentesimo
giorno successivo ovvero, limitatamente alle domande presentate entro
il 30 giugno 2001 ed agevolate nel bando del 2001, e qualora
successivo, fino al trentesimo giorno dalla pubblicazione delle
relative graduatorie. Tali domande sono presentate alla medesima
banca concessionaria presso la quale e’ stata presentata la domanda
gia’ agevolata ai sensi della legge n. 488/1992.
3. Per le domande di cui al precedente comma 2, le banche
concessionarie trasmettono al Ministero delle attivita’ produttive le
risultanze istruttorie entro i trenta giorni successivi al termine
finale di cui allo stesso comma 2 ed entro i successivi trenta giorni
il Ministero delle attivita’ produttive provvede a individuare, tra
le domande istruite positivamente dalle banche concessionarie, quelle
a cui concedere, nel limite delle risorse disponibili, gli incentivi
alla formazione, secondo l’ordine delle posizioni occupate dai
relativi programmi agevolati ai sensi della legge n. 488/1992 nelle
pertinenti graduatorie. Il Ministero pubblica nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana l’elenco delle domande agevolate,
con l’indicazione dell’importo delle agevolazioni concesse, e
contestualmente emana i relativi decreti di concessione. La prima
quota di agevolazione e’ resa disponibile presso la banca
concessionaria il trentunesimo giorno successivo alla pubblicazione
del detto elenco.
4. Per l’agevolazione delle domande di cui al comma 1, sono
assegnati quaranta milioni di euro cofinanziati dal FSE per le spese
di formazione e 225,1 milioni di euro cofinanziati dal FESR per i
correlati investimenti ammissibili ai sensi della legge n. 488/1992.
Per l’agevolazione delle domande di cui al comma 2, le risorse sono
quelle indicate al punto 12.3 della richiamata circolare n. 1167510
del 28 novembre 2001.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 15 marzo 2002
Il Ministro: Marzano

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 15 marzo 2002

Architetto.info