MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI- DECRETO 4 marzo 2002 | Architetto.info

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI- DECRETO 4 marzo 2002

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI- DECRETO 4 marzo 2002 Individuazione delle voci di spesa per l'acquisizione in economia di beni e servizi, ai sensi dell'art. 2, comma 1 del decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384. (GU n. 69 del 22-3-2002)

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

DECRETO 4 marzo 2002

Individuazione delle voci di spesa per l’acquisizione in economia di
beni e servizi, ai sensi dell’art. 2, comma 1 del decreto del
Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384.

IL SEGRETARIO GENERALE

Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive
modificazioni;
Visto il regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, e successive
modificazioni;
Vista la legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n.
367, e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 7 agosto 1997, n. 279;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999,
n. 554, e successive modificazioni;
Visto l’art. 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n.
384;
Considerata la necessita’ di individuare con provvedimento, ai
sensi di quanto disposto dall’art. 2, comma 1, del decreto del
Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384, le voci di spesa,
con riguardo alle specifiche esigenze del Ministero delle
comunicazioni, relative ai beni e servizi, con i relativi limiti di
importo, da eseguirsi in economia da parte degli uffici centrali e
periferici di questa amministrazione;

Decreta:

Art. 1.

Oggetto del provvedimento

Il presente provvedimento, in attuazione del decreto del Presidente
della repubblica 20 agosto 2001, n. 384, individua le singole voci di
spesa per l’acquisizione dei beni e servizi in economia, di seguito
per brevita’ unitariamente intesi sotto il termine interventi.
L’acquisizione in economia degli interventi puo’ essere effettuata
esclusivamente nei casi in cui non sia vigente alcuna convenzione
quadro stipulata ai sensi dell’art. 26 della legge 23 dicembre 1999,
n. 488, e successive modificazioni.

Art. 2.

Beni e servizi in economia

Nel rispetto dei limiti, degli obblighi e delle procedure stabiliti
dal decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384,
e’ ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i
seguenti beni e servizi:
a) la partecipazione e l’organizzazione di convegni, congressi,
conferenze, riunioni, mostre ed altre manifestazioni culturali e
scientifiche nell’interesse del Ministero, ivi comprese le spese
necessarie per ospitare i relatori, per un importo di fino a 130.000
euro;
b) i servizi di consulenza, studi, ricerca, indagini e
rilevazioni, per un importo fino a 130.000 euro;
c) fornitura di materiale didattico e stampa di libri, guide e
dispense per lo svolgimento di attivita’ di istruzione professionale,
fino ad un importo di 26.000 euro;
d) spese per corsi di preparazione, formazione e perfezionamento
del personale, partecipazione alle spese per corsi indetti da enti,
istituti ed amministrazioni varie, per un importo fino a 52.000 euro;
e) spese per il versamento di quote associative di iscrizione ad
enti ed associazioni nazionali ed internazionali che operano nei
settori postale, delle telecomunicazioni e della tecnologia
dell’informazione, fino ad un importo di 26.000 euro;
f) divulgazione di bandi di concorso o avvisi a mezzo stampa od
altri mezzi di informazione, per un importo fino a 50.000 euro;
g) acquisto di libri, giornali, pubblicazioni, manuali di
servizio, riviste interessanti i servizi ed abbonamenti a periodici,
su supporto cartaceo, informatico o fotografico, abbonamenti ad
agenzie di informazione, per un importo fino a 50.000 euro;
h) rilegatura di libri e pubblicazioni, per un importo fino a
50.000 euro;
i) lavori di dattilografia, rilegatura, traduzione di testi ed
interpretariato, da liquidarsi comunque su presentazione di fatture,
qualora l’amministrazione non possa provvedervi con proprio personale
ed eccezionalmente lavori di copia, da liquidarsi dietro
presentazione di apposita fattura e da affidare unicamente ad imprese
commerciali nei casi in cui l’amministrazione non possa provvedervi
con proprio personale, per un importo fino a 50.000 euro;
j) lavori di stampa, tipografia, litografia o realizzati per
mezzo di tecnologia audiovisiva per un importo fino a 50.000 euro;
k) spedizioni, imballaggi, magazzinaggio e facchinaggio, per un
importo fino a 130.000 euro;
l) acquisti di coppe, medaglie, diplomi ed altri oggetti per
premi, per un importo fino a 50.000 euro;
m) spese di rappresentanza, per un importo fino a 130.000 euro;
n) spese di cancelleria, riparazione mobili, macchine ed altre
attrezzature d’ufficio, per un importo fino a 130.000 euro;
o) spese per l’acquisto e la manutenzione di terminali, personal
computers, accessori di vario genere, stampanti, programmi
applicativi e servizi informatici e telematici, per un importo fino a
130.000 euro;
p) fornitura di mobili, fotocopiatrici, climatizzatori ed
attrezzature varie e relativi servizi di manutenzione e riparazione
per un importo fino a 130.000 euro;
q) fornitura di gruppi elettrogeni e di gruppi statici di
continuita’ di piccola e media potenza, di complessi autonomi di
alimentazione elettrica di emergenza, per un importo fino a 130.000
euro;
r) fornitura di apparecchiature per gli impianti di automazione,
meccanizzazione e tecnologie dell’informazione, per un importo fino a
130.000 euro;
s) fornitura di attrezzature, apparecchiature e strumentazione di
misura, controllo dei servizi radioelettrici, monitoraggio di servizi
e di impianti di telecomunicazioni e relativi servizi di manutenzione
e riparazione per un importo fino a 130.000 euro;
t) fornitura di materiali per il settore di cui al punto s),
nonche’ per gli impianti elettrici, di meccanizzazione, automazione e
di tecnologie dell’informazione, per un importo fino a 25.000 euro;
u) fornitura di stazioni mobili da destinare al controllo delle
emissioni radioelettriche per un importo fino a 130.000 euro;
v) fornitura di materiali occorrenti per la realizzazione e la
sicurezza degli impianti e per l’adeguamento alle norme
antinfortunistiche degli impianti medesimi, per un importo fino a
130.000 euro;
w) fornitura, manutenzione e riparazione di apparecchiature
accessorie audio e video, per un importo fino a 9.000 euro;
y) servizi di vigilanza e sorveglianza per gli uffici destinati
al Centro nazionale di controllo emissioni radioelettriche di Roma,
nonche’ per quelli degli ispettorati territoriali di questo
Ministero, per un importo fino a 130.000 euro;
z) servizio di manutenzione e riparazione degli impianti
tecnologici per un importo fino a 104.000 euro;
aa) servizio di manutenzione e riparazione degli impianti di
telecomunicazioni in genere, per un importo fino a 104.000 euro;
bb) servizio di manutenzione e riparazione di sistemi e di
apparecchiature scientifiche, per un importo fino a 104.000 euro;
cc) forniture e servizi connessi agli incrementi di esercizio del
museo postale delle telecomunicazioni, per un importo fino a 52.000
euro;
dd) beni e servizi di qualsiasi natura per i quali siano stati
esperiti infruttuosamente i pubblici incanti o le licitazioni o le
trattative private e non possa esserne differita l’esecuzione, per un
importo fino a 104.000 euro;
ee) polizze di assicurazione, per un importo fino a 130.000 euro;
ff) acquisizione di beni e servizi nell’ipotesi di risoluzione di
un precedente rapporto contrattuale e quando cio’ sia ritenuto
necessario o conveniente per assicurare la prestazione nel termine
previsto dal contratto, per un importo fino a 130.000 euro;
gg) acquisizione di beni e servizi nell’ipotesi di completamento
delle prestazioni non previste dal contratto in corso, qualora non
sia possibile imporne l’esecuzione nell’ambito dell’oggetto
principale del contratto medesimo, per un importo fino a 104.000
euro;
hh) acquisizione di beni e servizi nella misura strettamente
necessaria, nel caso di contratti scaduti, nelle more delle ordinarie
procedure di scelta contraente, per un importo fino a 130.000 euro;
ii) acquisizione di beni e servizi nella misura strettamente
necessaria, nelle more di svolgimento delle ordinarie procedure di
scelta del contraente, nonche’ di esecuzione del contratto, per un
importo fino a 130.000 euro;
jj) acquisizione di beni e servizi nei casi di eventi
oggettivamente imprevedibili ed urgenti, al fine di scongiurare
situazioni di pericolo a persone, animali o cose, nonche’ a danno
dell’igiene e salute pubblica o del patrimonio storico, artistico e
culturale, per un importo fino a 130.000 euro;
kk) pulizia, derattizzazione, disinfestazione, smaltimento
rifiuti speciali e servizi analoghi, per un importo fino a 130.000
euro;
ll) acquisto, noleggio, riparazioni e manutenzioni di
autoveicoli, di materiale di ricambio, combustibili e lubrificanti,
per un importo fino a 130.000 euro.
Gli importi indicati sono da intendersi con esclusione di I.V.A.

Art. 3.

Responsabile del Servizio

L’esecuzione degli interventi in economia viene disposta,
nell’ambito degli obiettivi e del “budget”, dal responsabile del
servizio interessato, individuato presso ciascun centro di
responsabilita’, che puo’ delegarla al responsabile del procedimento
sensi dell’art. 4 della …

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI- DECRETO 4 marzo 2002

Architetto.info