MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 1 marzo 2011 | Architetto.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 1 marzo 2011

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 1 marzo 2011 - Ripartizione tra i diversi sistemi di pesca della quota tonno rosso per la campagna di pesca 2011. (11A05647) - (GU n. 105 del 7-5-2011 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 1 marzo 2011

Ripartizione tra i diversi sistemi di pesca della quota tonno rosso
per la campagna di pesca 2011. (11A05647)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, come modificata dal decreto
legislativo 26 maggio 2004, n. 153, recante la disciplina della pesca
marittima;
Visto il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154, recante la
modernizzazione del settore pesca e dell’acquacoltura, a norma
dell’art. 1, comma 2, della legge 7 marzo 2003, n. 38;
Visto il decreto ministeriale 27 luglio 2000, recante la
determinazione dei criteri di ripartizione delle quote di pesca del
tonno rosso;
Visto il regolamento (CE) n. 302/2009 del Consiglio del 6 aprile
2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 96 del
15 aprile 2009, concernente un piano pluriennale di ricostituzione
del tonno rosso nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo che
modifica il regolamento (CE) n. 43/2009 e che abroga il regolamento
(CE) n. 1559/2007;
Visto il piano di gestione della capacita’ di pesca del tonno
rosso, redatto, per il triennio 2010-2013, ai sensi dell’art. 5 del
predetto regolamento (CE) n. 302/2009 e trasmesso alla Commissione
europea in data 3 febbraio 2010;
Vista la circolare n. 10751 del 28 maggio 2010, con la quale, in
esecuzione del predetto piano, e’ stato stabilito che, per
l’annualita’ 2011, sarebbero state autorizzate alla pesca del tonno
rosso con il sistema «circuizione (PS)» n. 9 imbarcazioni e che la
quota individuale minima sarebbe stata di 130 tonnellate, al fine di
rafforzare il processo di concentrazione delle quote spettanti
all’Italia su un numero piu’ ristretto di unita’ armate con il
predetto sistema;
Visto il decreto ministeriale 26 novembre 2010, con il quale sono
state impartite disposizioni per la pesca del tonno rosso con il
sistema «circuizione (PS)» nella campagna di pesca 2011, nonche’
stabilita in 84,825% la percentuale del contingente spettante
all’Italia, in base alla normativa comunitaria, da assegnare al
sistema «circuizione (PS)» per la campagna medesima;
Vista la raccomandazione n. 10-04 adottata dalla Commissione
Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico (ICCAT) nel
meeting annuale del 2010, che ha stabilito nuovi obblighi in materia
di diminuzione della capacita’ di pesca, determinando, tra l’altro,
un’ulteriore riduzione del contingente di cattura e provvedendo alla
ripartizione del totale ammissibile di cattura (TAC) tra le parti
contraenti;
Visto il regolamento (CE) n. 57/2011 del Consiglio del 18 gennaio
2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 24/1
del 27 gennaio 2011 con il quale e’ stato ripartito, tra le flotte
degli Stati membri, il totale ammissibile di cattura (TAC) del tonno
rosso assegnato all’Unione europea, per l’annualita’ 2011, dalla
predetta raccomandazione n. 10-04, attribuendo alla flotta italiana
il massimale di 1.787,91 tonnellate ed un numero di 9 imbarcazioni
autorizzate per la pesca con il sistema «circuizione (PS)»,
incrementabile a condizione che vegano rispettati gli obblighi
internazionali dell’Unione europea;
Ritenuto opportuno evidenziare che la quota individuale minima di
130 tonnellate, stabilita nella predetta circolare n. 10751 del 28
maggio 2010, e’ stata determinata sulla base delle quote di cattura
individualmente assegnate alle unita’ autorizzate alla pesca del
tonno rosso con il sistema «circuizione (PS)» nella campagna di pesca
2009, come modificate a seguito delle operazioni di trasferimento;
Considerato che, sulla base delle comunicazioni presentate secondo
le modalita’ e nei termini fissati dal paragrafo 2 dell’articolo
unico del predetto decreto ministeriale 26 novembre 2010, la predetta
quota individuale minima di 130 tonnellate e’ stata raggiunta da n.
12 imbarcazioni armate con il sistema «circuizione (PS)»;
Ritenuto opportuno assicurare, alla luce dell’ulteriore riduzione
del totale ammissibile di cattura (TAC) attribuito all’Italia con il
predetto regolamento (CE) n. 57/2011, adeguati livelli di
sostenibilita’ economica e di redditivita’ a tutte le imprese
autorizzate all’esercizio della pesca del tonno rosso con i sistemi
«circuizione (PS)», «palangaro (LL)» e «tonnara fissa (TRAP)»;
Ritenuto opportuno, pertanto, procedere ad un’adeguata ripartizione
del predetto totale ammissibile di cattura tra i diversi sistemi di
pesca come sopra precisati, tenendo conto del numero di unita’
autorizzate per ciascuno di essi al fine di conseguire adeguati
livelli di sostenibilita’ economica e di redditivita’;
Ritenuto, per i motivi sopra esposti, di dover modificare la
percentuale del contingente da assegnare, per l’annualita’ 2011, al
sistema «circuizione (PS)», riducendola dal 84,825% al 75,961%, e,
per effetto, aumentare il contingente da assegnare rispettivamente al
sistema «palangaro (LL)», al sistema «tonnara fissa (TRAP)» e al
sistema «Pesca sportiva/ricreativa (SPOR)»;
Ritenuto che, alla luce della predetta percentuale, e’ possibile
autorizzare alla pesca del tonno rosso con il sistema «circuizione
(PS)» per l’annualita’ 2011, le predette 12 unita’, garantendo
adeguati livelli di sostenibilita’ economica e di redditivita’ alle
imprese interessate;
Considerato che l’aumento da 9 unita’ a 12 unita’, per la campagna
di pesca 2011, con il sistema «circuizione (PS)», atteso il disposto
del sopraindicato regolamento (CE) n. 57/2011 del Consiglio del 18
gennaio 2011, resta subordinato all’approvazione della Commissione
europea;
Ritenuto che il numero delle tonnare fisse deve essere stabilito in
conformita’ alle determinazioni adottate dalla Commissione europea
nell’ambito della procedura di approvazione del piano annuale di
pesca per la campagna 2011;
Ritenuto, di conseguenza, che occorre stabilire i criteri che
consentano di effettuare, ove necessaria, una selezione delle tonnare
fisse autorizzate per la campagna di pesca 2011, e che tali criteri
debbano tener conto della pregressa attivita’ degli impianti
interessati;
Considerata la necessita’ di incrementare il numero dei porti
designati ai sensi dell’art. 17 del predetto regolamento (CE) n.
302/2009, al fine di garantire un adeguato livello di sicurezza della
navigazione negli spostamenti tra le aree abituali di pesca ed i
medesimi punti di sbarco;
Considerata l’opportunita’ di valorizzare la continuita’
dell’esercizio dell’attivita’ di pesca del tonno rosso, in quanto
strettamente connesso al principio di tradizionalita’ alla base del
sistema di contingentamento;
Sentita la Commissione consultiva centrale per la pesca marittima e
l’acquacoltura che, nella riunione del 18 febbraio 2011, ha espresso
parere favorevole;

Decreta:

Articolo unico

1. Il contingente complessivo, pari a 1.787,91 tonnellate,
assegnato dall’Unione europea all’Italia, per la campagna di pesca
2011, e’ ripartito tra i sistemi di pesca come segue:

SISTEMA % Tonnellate

Circuizione (PS) 75,961 1.358,11
Palangaro (LL) 12,461 222,80
Tonnara fissa (TRAP) 7,830 140,00
Pesca sportiva/ricreativa (SPOR) 2,797 50,00
Quota non divisa (UNCL) 0,951 17,00

2. Le quote individuali assegnate, per la campagna di pesca 2011, a
ciascuna delle unita’ autorizzate alla pesca del tonno rosso con il
sistema «circuizione (PS)», sono indicate nell’allegato A del
presente decreto e sono state calcolate sulla base di quelle
originariamente attribuite nel 2009, modificate a seguito delle
procedure di concentrazione. L’assegnazione delle quote alle unita’
collocate al decimo, undicesimo e dodicesimo posto dell’elenco di cui
al predetto allegato e’ subordinata alla sussistenza dei requisiti
prescritti dal regolamento (CE) n. 57/2011, in premessa citato.
3. Negli allegati B e C del presente decreto, sono rispettivamente
indicate le unita’ autorizzate, per la campagna di pesca 2011, alla
pesca del tonno rosso con il sistema «palangaro (LL)» ed il sistema
«tonnara fissa (TRAP)». Per tali sistemi, il contingente di cattura
rimane indiviso senza attribuzione di quote individuali di cattura.
4. E’ ammesso alla campagna di pesca 2011 un numero di tonnare
fisse corrispondente a quello previsto dal piano annuale di pesca,
relativo all’Italia, cosi’ come comunicato dalla Commissione europea
all’I.C.C.A.T.
Nel caso in cui tale numero risulti inferiore a quello indicato
nell’allegato C del presente decreto, e’ disposta, con provvedimento
della Direzione generale della pesca marittima e dell’acquacoltura,
una graduatoria finalizzata all’individuazione degli impianti
ammessi. Tale graduatoria e’ formulata in ragione dei quantitativi
catturati nell’ultimo triennio (2008-2010).
5. Il mantenimento dell’iscrizione negli elenchi di cui ai
precedenti paragrafi 2 e 3, e’ subordinato al rispetto delle vigenti
disposizioni internazionali, comunitarie e nazionali in materia di
pesca del tonno rosso.
6. E’ fatto divieto di sbarcare o trasbordare tonno rosso in porti
diversi da quelli designati, indicati nell’allegato D del presente
decreto.
Il presente decreto e’ sottoposto alla registrazione dei competenti
organi di controllo ed e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana.

Roma, 1° marzo 2011

Il Ministro: Galan

Registrato alla Corte dei conti il 4 aprile 2011
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 1, foglio n. 393

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato C

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato D

TONNO ROSSO – CAMPAGNA DI PESCA 2011

ELENCO PORTI DESIGNATI

ACCIAROLI
AGROPOLI
ALASSIO
ALGHERO
ANCONA
AUGUSTA
BARI
BISCEGLIE
BRINDISI
CAGLIARI
CALA GONONE
CALASETTA
CARLOFORTE
CASTELLAMMARE DEL GOLFO
CASTELLAMMARE DI STABIA
CASTELSARDO
CATANIA
CESENATICO
CETRARO
CIVITANOVA MARCHE
CIVITAVECCHIA
CORIGLIANO CALABRO
CROTONE
FANO
FAVIGNANA
GAETA
GALLIPOLI
GELA
GENOVA
GIOIA TAURO
GIULIANOVA
GOLFO ARANCI
IMPERIA
LA CALETTA DI SINISCOLA
LA SPEZIA
LA MADDALENA
LAMPEDUSA
LICATA
LIVORNO
LOANO
MANFREDONIA
MARINA DI CAMEROTA
MARSALA
MILAZZO
MOLA DI BARI
MOLFETTA
MONOPOLI
NAPOLI
OLBIA
ORISTANO
ORTONA
PALERMO
PANTELLERIA
PESARO
PESCARA
PONZA
PORTICELLO
PORTO CESAREO
PORTO S. GIORGIO
PORTO SANTO STEFANO
PORTOFERRAIO
PORTOI EMPEDOCLE
PORTOPALO DI CAPO PASSERO
PORTOSCUSO
PORTO TORRES
POZZUOLI
PROCIDA
RAVENNA
REGGIO CALABRIA
RIMINI
RIPOSTO
S. BENEDETTO DEL TRONTO
S. TERESA DI GALLURA
S. VITO LO CAPO
SALERNO
SANREMO
SANT’ ANTIOCO
SANTA MARIA LA SCALA
SAPRI
SAVONA
SCHIAVONEA
SCIACCA
TARANTO
TERMINI IMERESE
TERMOLI
TORRE ANNUNZIATA
TORRE DEL GRECO
TRANI
TRAPANI
VASTO
VIAREGGIO
VIBO VALENTIA MARINA
VIESTE

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 1 marzo 2011

Architetto.info