MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 12 luglio 2012 | Architetto.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 12 luglio 2012

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 12 luglio 2012 - Disposizioni per l'attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalita' di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio in ordine alle modalita' di applicazione relative al vino biologico. (12A08465) - (GU n. 177 del 31-7-2012 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 12 luglio 2012

Disposizioni per l’attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n.
203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n.
889/2008 recante modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n.
834/2007 del Consiglio in ordine alle modalita’ di applicazione
relative al vino biologico. (12A08465)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2012
n. 41, “Regolamento recante riorganizzazione del Ministero delle
politiche agricole alimentari e forestali”;
Visto il Reg. (CE) n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007 e
successive modifiche, relativo alla produzione biologica e
all’etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il Reg. (CEE)
n. 2092/91;
Visto il Reg. (CE) n. 889/2008 della Commissione del 5 settembre
2008 e successive modifiche, recante modalita’ di applicazione del
Reg. (CE) n. 834/2007 del Consiglio relativo alla produzione
biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici, per quanto
riguarda la produzione biologica, l’etichettatura e i controlli;
Visto il Reg. (CE) n. 1235/2008 della Commissione dell’8 dicembre
2008, recante modalita’ di applicazione del Reg. (CE) n. 834/2007 del
Consiglio per quanto riguarda il regime di importazione di prodotti
biologici dai paesi terzi;
Visto il Reg. (CE) n. 203/2012 della Commissione dell’8 marzo 2012
che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalita’ di
applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio in ordine
alle modalita’ di applicazione relative al vino biologico;
Visto il Reg. (CE) n. 606/2009 della Commissione del 10 luglio 2009
recante alcune modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n.
479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le categorie di prodotti
vitivinicoli, le pratiche enologiche e le relative restrizioni;
Visto il Reg. (CE) n. 607/2009 della Commissione del 14 luglio 2009
recante modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008
del Consiglio per quanto riguarda le denominazioni di origine
protette e le indicazioni geografiche protette, le menzioni
tradizionali, l’etichettatura e la presentazione di determinati
prodotti vitivinicoli;
Visto il Reg. (CE) n. 436/2009 della Commissione del 26 maggio 2009
recante modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008
del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni
obbligatorie e alle informazioni per il controllo del mercato, ai
documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei
registri nel settore vitivinicolo.
Visto il Reg. (CE) n. 555/2008 della Commissione del 27 giugno 2008
recante modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008
del Consiglio relativo all’organizzazione comune del mercato
vitivinicolo, in ordine ai programmi di sostegno, agli scambi con i
paesi terzi, al potenziale produttivo e ai controlli nel settore
vitivinicolo;
Visto il decreto legislativo del 17 marzo 1995 n. 220 di attuazione
degli articoli 8 e 9 del Reg. (CEE) n. 2092/1991 in materia di
produzione agricola ed agro-alimentare con metodo biologico;
Visto il decreto ministeriale del 27 novembre 2009 n. 18354,
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 31 dell’8 febbraio 2010,
recante disposizioni per l’attuazione dei regolamenti (CE) n.
834/2007, n. 889/2008, n. 1235/2008 e successive modifiche
riguardanti la produzione biologica e l’etichettatura dei prodotti
biologici;
Visto il decreto ministeriale del 3 maggio 2012 n. 10071,
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 140
del 18 giugno 2012, recante “Misure urgenti per il miglioramento del
sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del
Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione”;
Considerato necessario garantire l’applicazione omogenea sul
territorio nazionale delle disposizioni di cui al Reg. (UE) 203/2012;
Sentito il Comitato Consultivo per l’Agricoltura Biologica e
Ecocompatibile nella riunione del 23 maggio 2012;
Acquisito il parere favorevole del Comitato tecnico permanente di
coordinamento in materia di agricoltura della Conferenza Permanente
per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie autonome di
Trento e Bolzano nel corso della seduta del 14 giugno 2012;
Considerata l’urgenza di procedere all’emanazione del presente
provvedimento, fatta salva l’acquisizione dell’intesa della
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le
Provincie autonome di Trento e Bolzano;

Decreta:

Art. 1

Premesse ed obiettivi

1. Il presente Decreto contiene le disposizioni per l’attuazione
delle modalita’ di applicazione relative al vino biologico di cui al
Regolamento (CE) n. 889/2008.
2. Ai sensi dell’art. 29-ter, par.2, del Regolamento CE n. 889/2008
si applicano le disposizioni previste dai regolamenti della
Commissione (CE) n. 606/2009 e (CE) n. 607/2009 e le relative
disposizioni nazionali.

Art. 2

Uso di taluni prodotti e sostanze

1. Al fine di verificare la disponibilita’ dei prodotti ottenuti da
materie prime biologiche elencati nell’Allegato VIII bis del Reg.
(CE) n. 889/2008 l’operatore si attiene alla procedura descritta
nell’Allegato al presente Decreto.

Art. 3

Circostanze calamitose

1. Ai sensi dell’art. 47 del Reg. (CE) 889/2008, comma 1, lettera
e) le Regioni e le Province autonome, autorizzano, in determinate
zone del proprio territorio, l’uso di anidride solforosa, fino ad un
tenore massimo fissato conformemente al Reg. (CE) n. 606/2009, per
singola campagna. Le Regioni e province autonome determinano i
criteri che giustificano il ricorso alla deroga ed accertano la
sussistenza delle condizioni meteorologiche. La documentazione
attestante l’accertamento delle condizioni meteorologiche eccezionali
che hanno determinato il deterioramento della situazione sanitaria
delle uve biologiche a causa di gravi attacchi batterici o micotici
viene conservata dalle Regioni e Province Autonome e tenuta
disposizione dell’autorita’ competente nazionale.
2. Gli operatori comunicano all’Organismo di controllo, cui e’
assoggettata la propria attivita’, il ricorso alla deroga e
conservano i documenti contabili dai quali risulta che si sono
avvalsi della deroga, compresa l’autorizzazione regionale di cui al
paragrafo precedente, per cinque anni. Gli Organismi di controllo
comunicano alle Regioni e Province Autonome gli operatori che si sono
avvalsi della deroga.
3. Le Regioni e le Province Autonome, entro dieci giorni dalla data
di concessione dell’autorizzazione di cui a primo paragrafo, ne danno
comunicazione al Ministero. La comunicazione che comprende l’elenco
degli operatori che usufruiscono della deroga e’ trasmessa entro la
fine della campagna.

Art. 4

Misure transitorie

1. Gli operatori che intendono utilizzare il logo comunitario di
produzione biologica ai sensi dell’art. 95, par. 10 bis, lett. a),
del Reg. (CE) n. 889/2008, comunicano all’Organismo di controllo, cui
sono assoggettati, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del
presente Decreto, le giacenze di vini e di altre categorie di
prodotti vitivinicoli, suddivise per tipologie e per anno, ottenuti
in conformita’ al regolamento (CEE) n. 2092/1991 o al regolamento
(CE) n. 834/2007 e detenuti al 31 luglio 2012. Nella comunicazione
l’operatore indica il CUAA e, per ogni categoria, tipologia di
prodotto e anno, le quantita’ detenute e ottenute in conformita’ alle
disposizioni previste al titolo II, capo 3 bis, del Reg. (CE) n.
889/2008.
2. La comunicazione di cui al precedente paragrafo e’ inviata anche
dagli operatori che intendono avvalersi della facolta’ di cui
all’art. 95, par. 10 bis, lett. c), del Reg. (CE) n. 889/2008.
3. L’ Organismo di controllo, cui e’ assoggettato l’operatore,
accerta, entro 30 giorni dal ricevimento delle comunicazioni di cui
ai precedenti paragrafi 1 e 2, le giacenze di vini e di altre
categorie di prodotti vitivinicoli, ottenuti in conformita’ al
regolamento (CEE) n. 2092/1991 o al regolamento (CE) n. 834/2007,
suddivise per categorie e tipologie, detenuti dagli operatori al 31
luglio 2012, e verifica le quantita’ prodotte in conformita’ alle
disposizioni previste al titolo II, capo 3 bis, del Reg. (CE) n.
889/2008 nonche’ le quantita’ prodotte in conformita’ al Reg. (CE) n.
889/2008 ma che non posseggono i requisiti previsti al titolo II,
capo 3 bis del Reg. (CE) n. 889/2008.
4. Il documento contenente le giacenze accertate dall’organismo di
controllo e’ redatto in duplice copia, di cui una e’ rilasciata
all’operatore e l’altra e’ conservata presso la sede dell’Organismo
di controllo. La documentazione e’ tenuta a disposizione delle
autorita’ competenti.
5. Le disposizioni previste al presente articolo si applicano agli
operatori che hanno notificato attivita’ con metodo biologico ai
sensi del Reg. (CE) n. 834 del 2007 e del Reg. (CE) n. 889 del 2008 e
la cui attivita’ e’ assoggettata ad un Organismo di controllo.

Art. 5

Documenti contabili

1. In relazione agli obblighi sulla tenuta dei documenti contabili
di cui all’art. 66 del Reg. (CE) n. 889/2008 gli operatori utilizzano
i documenti ed i registri previsti dal Regolamento (CE) n. 436/09 nel
rispetto delle relative disposizioni nazionali.
2. I prodotti biologici del settore vitivinicolo sono
contraddistinti dal termine biologico.

Art. 6

Abrogazioni

E’ abrogato l’art. 8, paragrafo 1.4, del Decreto Ministeriale n.
18354/2009.
Il presente decreto e’ trasmesso all’Organo di controllo per la
registrazione ed e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana. Fatta salva l’acquisizione dell’intesa della
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le
Provincie autonome di Trento e Bolzano, entra in vigore il giorno
successivo a quello della sua pubblicazione.
Roma, 12 luglio 2012

Il Ministro: Catania

Registrato alla Corte dei conti il 23 luglio 2012
Ufficio di controllo atti MISE – MIPAAF, registro n. 8, foglio n. 186

Allegato

Procedura per l’utilizzo di prodotti e sostanze non biologiche.

L’operatore, per ciascuna campagna, invia una richiesta per la
fornitura dei prodotti e delle sostanze elencate e contrassegnate con
asterisco all’Allegato VIII bis del Reg. (CE) n. 889/2008 ad almeno
tre operatori biologici.
Qualora le richieste abbiano esito negativo l’operatore e’
autorizzato a utilizzare, esclusivamente per quella campagna
vitivinicola, le corrispondenti sostanze di origine non biologica.
L’operatore inoltra le richieste a mezzo fax, posta elettronica,
posta elettronica certificata e conserva, insieme alle relative
risposte, l’intera documentazione rendendola disponibile
all’Autorita’ Competente e agli Organismi di controllo.
Qualora, per una determinata campagna, l’Autorita’ Competente
accerti la non disponibilita’ dei prodotti e delle sostanze elencate,
e contrassegnate con asterisco, all’Allegato VIII bis del Reg. (CE)
n. 889/2008, provvede a diffondere l’informazione con un comunicato
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e sui siti internet del Ministero
(www.politicheagricole.it) e del SINAB (www.sinab.it).

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 12 luglio 2012

Architetto.info