MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE | Architetto.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 7 dicembre 2001: Assegnazione ed erogazione dell'acconto del sette per cento del cofinanziamento nazionale dei programmi di sviluppo rurale dell'iniziativa comunitaria Leader +, relativi alle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto e delle province autonome di Bolzano e Trento, di cui al regolamento CE n. 1260/99, ai sensi della legge n. 183/1987. (GU n. 26 del 31-1-2002)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 7 dicembre 2001

Assegnazione ed erogazione dell’acconto del sette per cento del
cofinanziamento nazionale dei programmi di sviluppo rurale
dell’iniziativa comunitaria Leader +, relativi alle regioni
Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia,
Piemonte, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e delle province autonome di
Bolzano e Trento, di cui al regolamento CE n. 1260/99, ai sensi della
legge n. 183/1987.

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
dell’I.G.R.U.E.
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568, e successive modificazioni ed integrazioni, recante il
regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del
Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987 ed in
particolare il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 21 ottobre 2000, concernente la modifica
delle procedure di pagamento;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee (legge comunitaria 1994);
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto
il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’
attribuiti al CIPE, alle amministrazioni competenti per materia;
Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, concernente il
riordino delle competenze del CIPE, che devolve al Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica – d’intesa con
le amministrazioni competenti – la determinazione della quota
nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative
cofinanziate dall’Unione europea;
Visto il regolamento CE del Consiglio dell’Unione europea n.
1260/99, recante disposizioni generali sui Fondi strutturali, che
all’art. 20, paragrafo 1, lettera c), istituisce un iniziativa
comunitaria concernente lo sviluppo rurale, denominata
successivamente Leader +;
Vista la comunicazione agli Stati membri n. 2000/C 139/05 del
14 aprile 2000, che reca gli orientamenti che definiscono gli
obiettivi, il campo di applicazione e le modalita’ di attuazione
della suddetta iniziativa comunitaria e che prevede un tasso di
partecipazione comunitaria fino ad un massimo del settantacinque per
cento del costo totale ammissibile nelle regioni interessate
dall’obiettivo uno e del cinquanta per cento per le altre regioni;
Vista la decisione C(2000) 1220 del 12 maggio 2000, che fissa una
ripartizione indicativa per Stato membro degli stanziamenti del
FEOGA, sezione orientamento, per le misure di sviluppo rurale nel
quadro dell’iniziativa comunitaria Leader +, relativamente al periodo
2000-2006;
Vista la delibera CIPE n. 67/2000 del 22 giugno 2000, con la quale
si prevede che il cofinanziamento nazionale avvenga per il settanta
per cento a valere sul Fondo di rotazione, ai sensi della legge n.
183/1987, mentre la restante quota del trenta per cento sara’
assicurata dai bilanci delle regioni e delle provincie autonome;
Vista la stessa delibera CIPE n. 67/2000 del 22 giugno 2000, che
prevede anche l’assegnazione di una riserva alla regione Abruzzo pari
a 12 meuro;
Viste le decisioni della commissione dell’Unione europea – incluse
nell’allegato B, che costituisce parte integrante del presente
decreto – con le quali sono state approvati i programmi delle regioni
Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia,
Piemonte, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e delle province autonome di
Bolzano e Trento;
Considerato che devono essere ancora approvati dalla commissione
dell’Unione europea i programmi relativi alle altre regioni ed il
programma nazionale per la costituzione di una rete tra territori
rurali;
Visto, in particolare, l’art. 32 del regolamento CE n. 1260/99 che,
al paragrafo 2, dispone che la commissione all’atto del primo impegno
versa un acconto pari al 7% della complessiva partecipazione dei
fondi, in linea di principio frazionato su due esercizi;
Considerata la necessita’ di assicurare la contestuale erogazione
dell’acconto del 7% del cofinanziamento nazionale pubblico,
ricorrendo alle disponibilita’ del Fondo di rotazione di cui alla
legge n. 183/1987;
Decreta:
1. A valere sulle disponibilita’ del Fondo di rotazione di cui
all’art. 5 della legge n. 183/1987 e’ assegnata, in favore dei
programmi regionali approvati relativi all’iniziativa comunitaria
Leader + – periodo 2000/2006 – la somma di lire 8.321.681.845
(4.297.790 euro), come risulta dall’allegata tabella A che
costituisce parte integrante del presente decreto, a titolo di
acconto del sette per cento della quota a carico del medesimo fondo.
2. Il predetto Fondo di rotazione e’ autorizzato ad erogare
l’importo complessivo di lire 8.321.681.845, relativo alle due
tranches dovute per gli anni 2000 e 2001, in un unica soluzione alle
singole regioni e province autonome secondo la ripartizione indicata
nella succitata tabella A.
3. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 7 dicembre 2001
L’ispettore generale capo: Amadori
Registrato alla Corte dei conti il 20 dicembre 2001
Ufficio controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n. 2
Economia e finanze, foglio n. 362

Allegato A
PROGRAMMAZIONE 2000 – 2006
ANTICIPO DEL 7% DELLA QUOTA A CARICO DEL FONDO
DI ROTAZIONE – LEGGE n. 183/1987 – PER L’ATTUAZIONE
DEI PROGRAMMI A TITOLO DI INIZIATIVA COMUNITARIA LEADER +.

====================================================================
ANTICIPO del 7%
=====================================================================
PROGRAMMI REGIONALI | Euro | Lire
=====================================================================
Bolzano | 379.750,00 | 735.298.533
Emilia-Romagna | 479.220,00 | 927.899.309
Friuli-Venezia Giulia | 276.850,00 | 536.056.350
Lazio | 663.950,00 | 1.285.586.467
Liguria | 259.700,00 | 502.849.319
Lombardia | 353.780,00 | 685.013.601
Piemonte | 554.680,00 | 1.074.010.244
Trento | 180.810,00 | 350.096.979
Umbria | 370.930,00 | 718.220.631
Valle D’Aosta | 104.860,00 | 203.037.272
Veneto | 673.260,00 | 1.303.613.140
Totale … | 4.297.790,00 | 8.321.681.845

Valore Euro = L. 1.936,27

Allegato B
PROGRAMMAZIONE 2000 – 2006
DECISIONI DI APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI
LEADER + REGIONALI E PROVINCIALI

=====================================================================
PROGRAMMI | DECISIONI
=====================================================================
Bolzano | C(2001) 2743 del 25/09/2001
Emilia-Romagna | C(2001) 3561 del 19/11/2001
Friuli-Venezia Giulia | C(2001) 3563 del 19/11/2001
Lazio | C(2001) 3626 del 26/11/2001
Liguria | C(2001) 3559 del 19/11/2001
Lombardia | C(2001) 3560 del 19/11/2001
Piemonte | C(2001) 3558 del 19/11/2001
Trento | C(2001) 3490 del 07/11/2001
Umbria | C(2001) 3489 del 07/11/2001
Valle D’Aosta | C(2001) 2744 del 25/09/2001
Veneto | C(2001) 3564 del 19/11/2001

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Architetto.info