MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 10 marzo 2010 | Architetto.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 10 marzo 2010

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 10 marzo 2010 - Base imponibile forfetaria per la determinazione dell'imposta sugli intrattenimenti e sui tributi ad essa eventualmente connessi per l'anno 2010, derivanti dall'utilizzazione degli apparecchi meccanici od elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento. (10A03899) (GU n. 71 del 26-3-2010 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 10 marzo 2010

Base imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e sui tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2010, derivanti dall’utilizzazione degli apparecchi meccanici
od elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento. (10A03899)

IL DIRETTORE GENERALE
dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Vista la legge 3 agosto 1998, n. 288, con cui il Governo e’ stato
delegato alla revisione della disciplina concernente l’imposta sugli
spettacoli e l’imposta unica di cui alla legge 22 dicembre 1951, n.
1379;
Visto il decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 60, istitutivo
dell’imposta sugli intrattenimenti;
Visto l’art. 22 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 e successive
modificazioni ed integrazioni, concernente le misure per il contrasto
sia dell’uso illegale di apparecchi e congegni da divertimento ed
intrattenimento, sia dell’evasione fiscale connessa all’utilizzo di
tali apparecchi e congegni;
Visto l’art. 14-bis, comma 5, del decreto del Presidente della
Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni ed
integrazioni, che prevede, tra l’altro, la facolta’ del Ministero
dell’economia e delle finanze di stabilire annualmente, con apposito
decreto, la misura forfetaria della base imponibile per gli
apparecchi meccanici o elettromeccanici, in relazione alle
caratteristiche tecniche dei medesimi;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 18
luglio 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 172 del 26 luglio
2003, concernente la riscossione delle entrate di competenza
dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato;
Visto il decreto direttoriale 7 agosto 2003, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 209 del 9 settembre 2003, concernente la
determinazione forfetaria della base imponibile per l’applicazione
dell’imposta sugli intrattenimenti e dei tributi ad essa
eventualmente connessi, derivanti dall’utilizzazione degli apparecchi
meccanici od elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento;
Visto il decreto direttoriale 22 marzo 2004, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 78 del 2 aprile 2004, concernente la base
imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e dei tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2004;
Visto il decreto direttoriale 28 gennaio 2005, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 55 dell’8 marzo 2005, concernente la base
imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e dei tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2005;
Visto il decreto direttoriale 30 gennaio 2006, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 44 del 22 febbraio 2006, concernente la base
imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e dei tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2006;
Visto il decreto direttoriale 18 gennaio 2007, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 31 del 7 febbraio 2007, concernente la base
imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e dei tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2007;
Visto il decreto direttoriale 21 febbraio 2008, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 62 del 13 marzo 2008, concernente la base
imponibile forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli
intrattenimenti e dei tributi ad essa eventualmente connessi per
l’anno 2008;
Visto il decreto direttoriale 2 febbraio 2009, pubblicato Gazzetta
Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2009, concernente la base imponibile
forfetaria per la determinazione dell’imposta sugli intrattenimenti e
dei tributi ad essa eventualmente connessi per l’anno 2009;
Considerata la necessita’ di determinare, per l’anno 2010 e per gli
anni successivi, la base imponibile forfetaria necessaria per il
calcolo dell’imposta sugli intrattenimenti cui sono assoggettati gli
apparecchi meccanici o elettromeccanici di cui all’art. 14-bis, comma
5, del predetto Decreto del Presidente della Repubblica;

Decreta:

Art. 1

Ambito di applicazione del decreto

1. A far data dall’anno 2010, le categorie di appartenenza e i
relativi imponibili forfetari dell’imposta sugli intrattenimenti
concernenti l’utilizzazione degli apparecchi meccanici o
elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento sono quelli
determinati dal decreto direttoriale 2 febbraio 2009, pubblicato
Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2009.
2. I soggetti passivi d’imposta sono quelli gia’ definiti nell’art.
1, comma 2, del decreto direttoriale 22 marzo 2004.

Art. 2

Modalita’ di assolvimento dell’imposta

1. Il pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti connessa agli
apparecchi meccanici o elettromeccanici e’ effettuato dal soggetto
passivo d’imposta in unica soluzione, secondo le modalita’ previste
dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 18 luglio
2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 172 del 26 luglio 2003,
entro il giorno 16 del mese di marzo di ogni anno, ovvero entro il
giorno 16 del mese successivo a quello di prima istallazione in
ragione della frazione di anno residua.
2. Le modalita’ di assolvimento degli oneri tributari, cosi’ come
le procedure connesse alla dichiarazione della liquidazione d’imposta
relativa agli apparecchi di cui all’art. 1, sono quelle indicate nel
decreto direttoriale 7 agosto 2003, da effettuarsi mediante gli
allegati A e B al presente decreto che ne costituiscono parte
integrante.
3. Valgono anche per il 2010 e per gli anni successivi le
disposizioni di cui all’art. 2, commi 2 e 3, e all’art. 4 del decreto
direttoriale 7 agosto 2003.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 10 marzo 2010

Il direttore generale: Ferrara
Registrato alla Corte dei conti il 16 marzo 2010
Ufficio controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 1,
Economia e finanze, foglio n. 262

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 10 marzo 2010

Architetto.info