MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 19 maggio 2009 | Architetto.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 19 maggio 2009

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 19 maggio 2009 - Disciplina delle modalita' di attuazione dell'articolo 9, comma 3-bis, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, concernente la certificazione di crediti, da parte delle regioni e degli enti locali debitori, relativi alla somministrazione di forniture o di servizi. (09A07729) (GU n. 157 del 9-7-2009 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 19 maggio 2009

Disciplina delle modalita’ di attuazione dell’articolo 9, comma
3-bis, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, concernente la
certificazione di crediti, da parte delle regioni e degli enti locali
debitori, relativi alla somministrazione di forniture o di servizi.
(09A07729)

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Visto il decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, recante «Misure
urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e
per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico
nazionale», (di seguito decreto-legge n. 185/2008);
Visto, in particolare, l’art. 9, comma 3-bis, del citato
decreto-legge n. 185/2008, che prevede quanto segue: «Per l’anno
2009, su istanza del creditore di somme dovute per somministrazioni,
forniture e appalti, le regioni e gli enti locali, nel rispetto dei
limiti di cui agli articoli 77-bis e 77-ter del decreto-legge 25
giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6
agosto 2008, n. 133, possono certificare, entro il termine di venti
giorni dalla data di ricezione dell’istanza, se il relativo credito
sia certo, liquido ed esigibile, al fine di consentire al creditore
la cessione pro soluto a favore di banche o intermediari finanziari
riconosciuti dalla legislazione vigente. Tale cessione ha effetto nei
confronti del debitore ceduto, a far data dalla predetta
certificazione, che puo’ essere a tal fine rilasciata anche nel caso
in cui il contratto di fornitura o di servizio in essere alla data di
entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto
esclusa [escluda] la cedibilita’ del credito medesimo. Con decreto
del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro trenta
giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del
presente decreto, sono disciplinate le modalita’ di attuazione del
presente comma»;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni,
recante nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di
diritto di accesso ai documenti amministrativi;
Visto il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla
legge 6 agosto 2008, n. 133, recante «Disposizioni urgenti per lo
sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita’, la
stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria»,
ed in particolare gli arti 77-bis e 77-ter concernenti il Patto di
stabilita’ interno per enti locali e regioni;
Visto il decreto legislativo 28 marzo 2000, n. 76, recante
«Principi fondamentali e norme di coordinamento in materia di
bilancio e di contabilita’ delle regioni, in attuazione dell’art. 1,
comma 4, della legge 25 giugno 1999, n. 208, ed in particolare gli
artt. 18 e 19 concernenti, rispettivamente, gli impegni di spesa e il
pagamento delle spese delle Regioni;
Visto il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, recante Testo
Unico degli Enti locali e, in particolare:
gli articoli 182-185 che individuano e disciplinano le fasi di
gestione della spesa degli enti locali;
l’art. 191, concernente regole per l’assunzione di impegni e
l’effettuazione di spese che prevede, tra l’altro, che «gli enti
locali possono effettuare spese solo se sussiste l’impegno contabile
registrato sul competente intervento o capitolo del bilancio di
previsione e l’attestazione della copertura finanziaria»;
Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante
disposizioni sull’amministrazione del patrimonio e sulla contabilita’
generale dello Stato e, in particolare, gli artt. 69 e 70 in materia
di cessione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione;
Visto il regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, concernente il
regolamento per l’amministrazione del patrimonio e per la
contabilita’ generale dello Stato;
Vista la legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni ed
integrazioni concernente la riforma di alcune norme di contabilita’
generale dello Stato in materia di bilancio;
Visto il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 ed, in
particolare, l’art. 117 concernente la cessione dei crediti derivanti
da contratti di servizi, forniture e lavori;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre
2000, n. 445 con il quale e’ stato emanato il testo unico delle
disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (testo A);
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973,
n. 602, recante le disposizioni sulla riscossione delle imposte sul
reddito e, in particolare, l’art. 48-bis, concernente «Disposizioni
su pagamenti delle pubbliche amministrazioni»;
Considerato che ai fini della definizione di credito certificabile
occorre fare riferimento:
all’impegno di spesa che, sorto a seguito di obbligazione
giuridicamente perfezionata, determina la somma da pagare, il
soggetto creditore, la ragione del credito e costituisce vincolo
sulle previsioni di bilancio, nell’ambito della disponibilita’ del
pertinente capitolo di spesa;
alla liquidazione che costituisce la successiva fase del
procedimento di spesa attraverso la quale in base ai documenti ed ai
titoli atti a comprovare il diritto acquisito del creditore, si
determina la somma certa e liquida da pagare nei limiti
dell’ammontare dell’impegno definitivo assunto;
Dovendosi procedere alla disciplina delle modalita’ di attuazione
del citato art. 9, comma 3-bis, del decreto-legge 29 novembre 2008,
n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,
n. 2, in modo da assicurare liquidita’ alle imprese che risultano
titolari di crediti riconosciuti o certificati dalle amministrazioni
pubbliche debitrici;
Decreta:

Art. 1.

1. I titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed
esigibili, maturati nei confronti delle regioni e degli enti locali
per somministrazioni, forniture e appalti, possono presentare, entro
il 31 dicembre 2009, all’amministrazione debitrice istanza di
certificazione del credito, redatta utilizzando il modello «Allegato
1» al presente decreto, ai fini della cessione del medesimo credito
pro soluto a banche o intermediari finanziari autorizzati ai sensi
del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive
modificazioni ed integrazioni.
2. Il responsabile dell’Ufficio di Ragioneria dell’amministrazione
debitrice, nel termine di 20 giorni dalla ricezione dell’istanza,
riscontrati gli atti d’ufficio, puo’ certificare, utilizzando il
modello «Allegato 2» al presente decreto, che il credito e’ certo,
liquido ed esigibile, ovvero puo’ rilevare 1’insussistenza o
l’inesigibilita’ dei crediti, dandone tempestiva comunicazione
all’interessato. Le regioni e gli enti locali assoggettati al patto
di stabilita’ interno devono indicare nella certificazione il periodo
temporale entro il quale procederanno al pagamento in favore delle
banche e degli intermediari finanziari dell’importo certificato e le
relative modalita’, nel rispetto dei limiti consentiti dagli articoli
77-bis e 77-ter del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito,
con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.
3. Prima di rilasciare la certificazione, per i crediti di importo
superiore a diecimila euro, il responsabile dell’Ufficio di
Ragioneria dell’amministrazione debitrice procede alla verifica
prescritta dall’art. 48-bis del decreto del Presidente della
Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, secondo le modalita’
disciplinate dal regolamento di attuazione adottato con decreto del
Ministro dell’Economia e delle Finanze 18 gennaio 2008, n. 40. Nel
caso di accertata inadempienza all’obbligo di versamento derivante
dalla notifica di una o piu’ cartelle di pagamento, la certificazione
potra’ essere resa al netto delle somme ancora dovute.
4. Nel caso di esposizione debitoria del creditore nei confronti
dell’amministrazione debitrice, il credito puo’ essere certificato, e
conseguentemente ceduto, al netto della compensazione tra debiti e
crediti del privato, opponibile esclusivamente da parte
dell’amministrazione debitrice.
5. La certificazione del credito costituisce idoneo titolo
giuridico ai fini della cessione dei crediti, ai sensi dell’art. 70,
comma 3, del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440.
6. La cessione del credito avviene nel rispetto delle forme
previste dall’art. 117 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.
163.
Il presente decreto sara’ inviato ai competenti Organi di controllo
e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Roma, 19 maggio 2009

Il Ministro : Tremonti

Registrato alla Corte dei conti il 5 giugno 2009 Ufficio controllo
atti Ministeri economico-finanziari, registro n. 3 Economia e
finanze, foglio n. 221

Allegato 1
1

—-> Vedere Allegato da pag. 13 a pag. 15 <---- Allegato 2 1 ----> Vedere Allegato da pag. 16 a pag. 17 <----

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 19 maggio 2009

Architetto.info