MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 21 dicembre 2009 | Architetto.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 21 dicembre 2009

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 21 dicembre 2009 - Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione per il programma transnazionale «Central Europe» dell'obiettivo Cooperazione territoriale europea, programmazione 2007-2013, annualita' 2009. (Decreto n. 52/2009). (10A01891) (GU n. 40 del 18-2-2010 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 21 dicembre 2009

Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione per il
programma transnazionale «Central Europe» dell’obiettivo Cooperazione
territoriale europea, programmazione 2007-2013, annualita’ 2009.
(Decreto n. 52/2009). (10A01891)

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
per i rapporti finanziari con l’Unione europea

Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568 e successive integrazioni e modificazioni, recante il
regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del
Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987, ed in
particolare il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 2
aprile 2007, concernente la modifica delle procedure di pagamento;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee (legge comunitaria 1994);
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto
il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’
attribuiti al CIPE, alle amministrazioni competenti per materia;
Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, concernente il
riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce al Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica la
determinazione, d’intesa con le amministrazioni competenti, della
quota nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative
cofinanziate dall’Unione europea;
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’attribuzione
delle quote di cofinanziamento nazionale a carico della legge n.
183/1987 per gli interventi di politica comunitaria che ha istituito
un apposito gruppo di lavoro presso il Dipartimento della ragioneria
generale dello Stato – I.G.R.U.E.;
Visti i regolamenti (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, recante
disposizioni generali sui Fondi strutturali, n. 1080/2006 del
Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di
sviluppo regionale (FESR), nonche’ il regolamento (CE) n. 1828/2006
della Commissione, che stabilisce modalita’ di applicazione dei
citati regolamenti (CE) n. 1083/2006 e n. 1080/2006;
Visto il Quadro strategico nazionale per la politica regionale di
sviluppo 2007-2013, approvato con delibera CIPE 22 dicembre 2006, n.
174;
Vista la delibera CIPE 15 giugno 2007, n. 36, concernente la
definizione dei criteri di cofinanziamento pubblico nazionale degli
interventi socio-strutturali comunitari per il periodo di
programmazione 2007-2013;
Vista la delibera CIPE 21 dicembre 2007, n. 158 concernente
attuazione del Quadro Strategico Nazionale (QSN) 2007-2013, obiettivo
di Cooperazione territoriale europea;
Vista la decisione della Commissione europea C(2007) 5817 del 3
dicembre 2007, con la quale e’ stato adottato il programma operativo
transnazionale «Central Europe» per l’intervento strutturale
comunitario del Fondo europeo di sviluppo regionale nel quadro
dell’obiettivo di «cooperazione territoriale europea»;
Vista la nota prot. n. 12732 del 9 giugno 2008 del Ministero dello
sviluppo economico con la quale e’ stato trasmesso il piano
finanziario della parte italiana del predetto programma, in cui, a
fronte di una quota FESR pari ad euro 32.946.071, la quota nazionale
pubblica risulta pari ad euro 6.756.404 comprese le risorse di
assistenza tecnica, mentre per l’annualita’ 2009 ammonta ad euro
909.426;
Viste le risultanze del gruppo di lavoro presso il Dipartimento
della ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E., di cui al citato
decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, nella riunione
svoltasi in data 21 dicembre 2009 con la partecipazione delle
amministrazioni interessate;

Decreta:

1. Il cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione ex
lege n. 183/1987 per l’annualita’ 2009 del programma transnazionale
«Central Europe» dell’obiettivo cooperazione territoriale europea
2007/2013, di cui in premessa, e’ pari ad euro 909.426, comprese le
risorse di assistenza tecnica.
2. Il Fondo di rotazione e’ autorizzato ad erogare il predetto
importo secondo le seguenti modalita’:
a) le quote relative all’assistenza tecnica sono erogate in
favore dell’Autorita’ di gestione del programma, sulla base delle
richieste inoltrate dal Ministero dello sviluppo economico;
b) le quote relative ai progetti sono erogate in favore di
ciascun beneficiario italiano, sulla base delle richieste inoltrate
dal Ministero dello sviluppo economico, a seguito dell’acquisizione,
da parte del beneficiario medesimo, della corrispondente quota
comunitaria.
3. Ciascun beneficiario individua il controllore preposto alla
validazione della spesa di cui all’art.16 del regolamento CE n.
1080/2006, secondo le modalita’ previste dal sistema nazionale di
controllo dei programmi dell’obiettivo cooperazione territoriale
europea 2007/2013.
4. In caso di restituzione, a qualunque titolo, di risorse FESR
alla Commissione europea, le corrispondenti quote di cofinanziamento
nazionale gia’ erogate sono restituite al Fondo di rotazione.
5. I dati relativi all’attuazione finanziaria, fisica e procedurale
dei progetti sono trasmessi al Sistema informativo della Ragioneria
generale dello Stato (S.I.R.G.S.), soggetto responsabile della banca
dati unitaria della politica regionale, nazionale e comunitaria,
della programmazione 2007/2013.
6. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 21 dicembre 2009

L’ispettore generale capo: Amadori
Il ragioniere generale dello Stato: Canzio

Registrato alla Corte dei conti il 26 gennaio 2010
Ufficio controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n. 1
Economia e finanze, foglio n. 84

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 21 dicembre 2009

Architetto.info