MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 4 marzo 2002: Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987 | Architetto.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 4 marzo 2002: Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 4 marzo 2002: Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987 per i programmi di azioni innovative 2000-2006 nelle regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Puglia, Toscana e nelle province autonome di Trento e Bolzano. (GU n. 77 del 2-4-2002)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 4 marzo 2002

Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n.
183/1987 per i programmi di azioni innovative 2000-2006 nelle regioni
Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Puglia, Toscana e
nelle province autonome di Trento e Bolzano.

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
per i rapporti finanziari con l’Unione europea
I.G.R.U.E.
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568, e successive integrazioni e modificazioni, recante il
regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del
Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee (legge comunitaria 1994);
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto
il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’
attribuiti al CIPE, alle amministrazioni competenti per materia;
Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, concernente il
riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce al Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica, d’intesa con
le amministrazioni competenti, la determinazione della quota
nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative
cofinanziati dall’Unione europea;
Visto il regolamento CE n. 1260/99 del Consiglio riguardante le
disposizioni generali sui Fondi strutturali ed in particolare l’art.
22, nonche’ il regolamento CE n. 1783/99 del Parlamento europeo e del
Consiglio, riguardante le disposizioni specifiche relative al FESR;
Vista la comunicazione della Commissione europea “Le regioni nella
nuova economia” C(2001) n. 60 del 31 gennaio 2001 diretta agli Stati
membri concernente gli orientamenti relativi alle azioni innovative
del FESR nel periodo 2000-2006;
Viste le decisioni della Commissione europea di approvazione di un
contributo FESR a favore dei programmi regionali di azioni innovative
da attuarsi nelle regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia
Giulia, Puglia, Toscana e nelle province autonome di Trento e Bolzano
i cui estremi sono indicati nell’allegata tabella A;
Vista la presa d’atto del CIPE nella seduta del 4 aprile 2001,
punto A)10 del relativo ordine del giorno, in cui si autorizza la
partecipazione del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987 al
cofinanziamento dei programmi delle azioni innovative FESR 2000/2006
in misura pari al 70 per cento della quota nazionale pubblica;
Considerato che per i programmi di azioni innovative sopracitati e’
prevista una quota nazionale pubblica complessiva pari a euro
15.416.284 e che, in base alla indicata presa d’atto del CIPE,
10.791.399 euro sono a carico del Fondo di rotazione e 4.624.885 euro
a carico delle regioni e delle province autonome interessate;
Considerata la necessita’ di applicare anche alla quota statale la
procedura dell’impegno unico, nonche’ le procedure di pagamento
previste dall’art. 4 degli accordi di finanziamento allegati alle
decisioni di approvazione dei programmi che prevedono l’erogazione di
un acconto pari al 40 per cento in seguito all’impegno unico, una
seconda quota in base alle spese effettivamente sostenute, sempre nei
limiti del 40 per cento ed un saldo finale sulla base delle spese
effettivamente sostenute e attestate dall’organismo di pagamento;
Viste le risultanze del gruppo di lavoro presso il Dipartimento
della ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E., di cui al citato
decreto del Ministro del tesoro, nella riunione svoltasi in data
15 febbraio 2002 con la partecipazione delle amministrazioni
interessate;
Decreta:
1. A valere sulle disponibilita’ del Fondo di rotazione di cui
all’art. 5 della legge n. 183/1987 e’ assegnata alle regioni e alle
province autonome, citate in premessa, titolari dei programmi di
azioni innovative, la somma complessiva di 10.791.399 euro, come
risulta dall’allegata tabella A, che costituisce parte integrante del
presente decreto, quale quota statale a carico del Fondo medesimo,
secondo la procedura dell’impegno unico.
2. Il Fondo di rotazione e’ autorizzato ad erogare le quote di
propria competenza secondo la normativa vigente e analogamente a
quanto previsto per le quote di spettanza comunitaria, tenendo conto,
quindi, delle modalita’ di impegno e pagamento di cui all’accordo di
finanziamento allegato a ciascuna decisione della Commissione
europea.
3. Le regioni e le province autonome interessate adottano tutte le
iniziative ed i provvedimenti necessari per l’integrale utilizzo,
entro le scadenze previste, delle risorse assegnate ed effettuano i
controlli di competenza.
4. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 4 marzo 2002
L’ispettore generale capo: Amadori
Registrato alla Corte dei conti il 18 marzo 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
2 Economia e finanze, foglio n. 23

Tabella A
Cofinanziamento statale a carico del
Fondo di rotazione EX LEGE n. 183/1987
dei programmi regionali azioni innovative 2000-2006

=====================================================================
Regioni | Decisioni |Legge n. 183/1987
=====================================================================
| | Euro
———————————————————————
| C(2001)3615 del 03/12/01 2001 IT |
Calabria | 16 0 PP 205 | 525.000
———————————————————————
| C(2001)4125 del 19/12/01 2001 IT |
Emilia-Romagna | 16 0 PP 184 | 1.807.599
———————————————————————
| C(2001)4105 del 19/12/01 2001 IT |
Friuli-V. Giulia| 16 0 PP 180 | 2.100.000
———————————————————————
| C(2001)4104 del 19/12/01 2001 IT |
P.A. Bolzano | 16 0 PP 195 | 1.757.000
———————————————————————
| C(2001)4130 del 18/12/01 2001 IT |
P.A. Trento | 16 0 PP 185 | 2.100.000
———————————————————————
| C(2001)3619 del 03/12/01 2001 IT |
Puglia | 16 0 PP 172 | 1.015.000
———————————————————————
| C(2001)4131 del 19/12/01 2001 IT |
Toscana | 16 0 PP 199 | 1.486.800
———————————————————————
| Totale | 10.791.399

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 4 marzo 2002: Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987

Architetto.info