MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 11 settembre 2008 | Architetto.info

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 11 settembre 2008

MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 11 settembre 2008 - Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'interno 24 maggio 2002, recante norme di prevenzione degli incendi e di progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione. (GU n. 232 del 3-10-2008 )

MINISTERO DELL’INTERNO

DECRETO 11 settembre 2008

Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell’interno
24 maggio 2002, recante norme di prevenzione degli incendi e di
progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di
distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione.

IL MINISTRO DELL’INTERNO

Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante
«Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell’art. 11 della
legge 29 luglio 2003, n. “229», ed in particolare l’art. 36;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 24 maggio 2002,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 131
del 6 giugno 2002, recante «Norme di prevenzione incendi per la
progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di
distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione»;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 28 giugno 2002,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 161
dell’11 luglio 2002, che ha sostituito l’allegato al decreto del
Ministro dell’interno 24 maggio 2002;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 27 gennaio 2006,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 32
dell’8 febbraio 2006, concernente i requisiti degli apparecchi,
sistemi di protezione e dispositivi utilizzati in atmosfera
potenzialmente esplosiva, ai sensi della direttiva n. 94/9/CE,
presenti nelle attivita’ soggette ai controlli antincendio;
Ritenuto di dover modificare ed aggiornare le vigenti disposizioni
in materia di sicurezza antincendio degli impianti di distribuzione
stradale di gas combustibili per autotrazione al fine di consentire
il rifornimento con modalita’ self-service degli autoveicoli
alimentati a gas naturale e disciplinare le modalita’ di erogazione
multiprodotto di carburanti liquidi e gassosi;
Acquisito il parere favorevole del Comitato centrale tecnico
scientifico per la prevenzione incendi di cui all’art. 10 del decreto
del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577 e successive
modificazioni;
Espletata la procedura di informazione ai sensi della direttiva n.
98/34/CE, come modificata dalla direttiva n. 98/48/CE;
Decreta:

Art. 1.
Modifiche ed integrazioni all’allegato del decreto ministeriale
24 maggio 2002

1. Al fine di consentire il rifornimento con modalita’ self-service
degli autoveicoli alimentati a gas naturale e disciplinare le
modalita’ di erogazione multiprodotto di carburanti liquidi e
gassosi, all’allegato al decreto del Ministro dell’interno 24 maggio
2002, come sostituito dal decreto del Ministro dell’interno 28 giugno
2002, sono apportate le modifiche e le integrazioni indicate
nell’allegato 1 che fa parte integrante del presente decreto.

Art. 2.
Commercializzazione CE

1. All’art. 5 del decreto del Ministero dell’interno 24 maggio
2002, dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:
«1-bis. Le disposizioni di cui al primo periodo del precedente
comma si applicano anche ai prodotti provenienti dalla Turchia,
ovvero da uno degli Stati aderenti all’Associazione europea di libero
scambio (EFTA), firmatari dell’accordo SEE.».
Il presente decreto entra in vigore il quindicesimo giorno
successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 11 settembre 2008
Il Ministro: Maroni

Allegato 1

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALL’ALLEGATO AL DECRETO DEL MINISTRO
DELL’INTERNO 24 MAGGIO 2002

All’allegato al decreto del Ministro dell’interno 24 maggio 2002
sono apportate le seguenti modificazioni:
1. Al punto 2.7.5 – Apparecchi di distribuzione automatici –
l’ultimo capoverso e’ soppresso e sono aggiunti infine i seguenti
capoversi:
«Gli apparecchi di distribuzione automatici del tipo
self-service devono essere dotati di pistola di erogazione conforme a
quanto specificato dal regolamento ECE-ONU R110 e dalla prEN 13638 e
adatta all’alloggiamento del connettore di carica di qualsiasi
veicolo alimentato a gas naturale, che sia conforme agli standard ISO
15501-1:2000 e ISO 15501-2:2000. La pistola deve garantire
l’erogazione solo ad accoppiamento avvenuto ed il suo impiego deve
risultare agevole.
In prossimita’ dell’apparecchio di distribuzione deve essere
installato un dispositivo che comanda l’erogazione del gas mediante
l’azione manuale sul dispositivo stesso. Il rilascio del dispositivo
determina l’immediato blocco dell’erogazione che puo’ riprendere solo
previo consenso da parte del personale addetto all’impianto.
In prossimita’ dell’apparecchio di distribuzione deve essere
posizionato un sistema di comunicazione che permetta all’utente di
ricevere assistenza da parte del personale addetto.
Deve essere installato almeno un punto di controllo a distanza
dell’apparecchio di distribuzione dal quale il personale addetto
possa comandare l’interruzione dell’erogazione.
Sull’apparecchio di distribuzione automatico devono essere
previsti dispositivi di segnalazione all’utente ed al personale
addetto del corretto riposizionamento della pistola di erogazione
nell’apposito alloggiamento.
L’erogazione di carburanti liquidi e gassosi mediante apparecchi
di distribuzione multiprodotto e’ consentita a condizione che
l’erogazione contemporanea dei carburanti, dal medesimo apparecchio
multiprodotto, avvenga esclusivamente secondo le seguenti modalita’:
a) benzina o gasolio con benzina o gasolio;
b) gas di petrolio liquefatto (G.P.L.) con gas di petrolio
liquefatto (G.P.L.);
c) gas naturale con gas naturale.
A tal fine deve essere automaticamente impedita l’erogazione
contemporanea di carburanti liquidi con G.P.L. o gas naturale,
nonche’ di G.P.L. con gas naturale, mediante l’installazione di
apposite valvole di intercettazione posizionate lungo le tubazioni di
adduzione dei diversi carburanti all’apparecchio multiprodotto.”
2. Al punto 3.2 – Impianti misti – lettera c) dopo le parole
«sicurezza interna di 8 m» sono aggiunte le seguenti parole «, fatto
salvo quanto previsto al punto 2.7.5 in merito alle modalita’ di
erogazione multiprodotto di carburanti liquidi e gassosi».
3. Il punto 4.1.2 – Rifornimento, e’ sostituito dal seguente:
«4.1.2 – Rifornimento.
Il rifornimento degli autoveicoli deve essere eseguito da
personale addetto all’impianto, salvo nel caso in cui venga
utilizzato un apparecchio di distribuzione automatico, adatto per il
funzionamento in modalita’ self-service”.
4. Al punto 4.5 – Segnaletica di sicurezza, sono aggiunti infine
i seguenti capoversi:
«In prossimita’ dell’apparecchio di distribuzione automatico di
tipo self-service deve essere presente la segnaletica che riporti
chiaramente le seguenti avvertenze e limitazioni:
che il prodotto distribuito e’ gas naturale compresso (metano);
che il rifornimento con modalita’ self-service e’ consentito
solo se il veicolo e’ dotato di connettore di tipo unificato ISO
14469.1 ubicato all’esterno del vano motore in posizione ben visibile
e facilmente accessibile; in mancanza dei suddetti requisiti il
veicolo non puo’ essere rifornito;
che nell’area, nel raggio di 6 metri dal perimetro
dell’apparecchio di distribuzione, e’ vietato:
utilizzare apparati non adeguatamente protetti dal rischio
d’innesco, ivi compresi i telefoni cellulari;
fumare, anche a bordo del veicolo;
accendere o far circolare fiamme libere;
il divieto di riempire recipienti mobili (bombole).
Inoltre l’utente deve essere opportunamente guidato nelle
operazioni di rifornimento da apposita segnaletica collocata in
posizione ben visibile contenente le informazioni di cui al
successivo punto 4.7.1»”.
5. Al titolo IV – Norme di esercizio, sono aggiunti i seguenti
punti:
«4.7. Funzionamento in modalita’ self-service.
E’ consentito il rifornimento in modalita’ self-service, nel
rispetto delle prescrizioni contenute nella presente regola tecnica,
unicamente nell’ambito degli impianti di distribuzione stradale di
gas naturale per autotrazione.
E’ consentito il funzionamento in modalita’ self-service solo se
presso l’impianto e’ presente un addetto in grado di intervenire con
cognizione di causa e tempestivamente in caso di emergenza. A tal
fine l’addetto deve seguire un corso antincendio per attivita’ a
rischio di incendio elevato ai sensi del decreto ministeriale
10 marzo 1998 e acquisire la perfetta conoscenza del piano di
emergenza e delle relative modalita’ di intervento per mettere in
sicurezza l’impianto.
In assenza di tali requisiti, il rifornimento self-service e’
vietato e deve essere materialmente impedito.
L’addetto deve verificare che il veicolo sia in possesso dei
requisiti per l’accesso al servizio self-service, compresi gli
aspetti relativi alla validita’ delle bombole installate.
4.7.1 Istruzioni per gli utenti del distributore self-service.
In prossimita’ degli apparecchi di distribuzione, idonea
cartellonistica deve indicare le seguenti istruzioni ch…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 11 settembre 2008

Architetto.info