MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 23 dicembre 2009 | Architetto.info

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 23 dicembre 2009

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 23 dicembre 2009 - Ammissione di progetti al Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (Decreto n.1028/Ric.) (10A13022) (GU n. 254 del 29-10-2010 )

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 23 dicembre 2009

Ammissione di progetti al Fondo per le agevolazioni alla ricerca.
(Decreto n.1028/Ric.) (10A13022)

IL DIRETTORE GENERALE
per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca

Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85 recante: «Disposizioni
urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo in applicazione
dell’art. 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244»,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 114 del 16 maggio 2008,
convertito con modificazioni nella legge 14 luglio 2008, n. 121
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 164 del 15 luglio 2008;
Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: «Riordino
della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della
ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle
tecnologie, per la mobilita’ dei ricercatori», e in particolare gli
articoli 5 e 7 che prevedono l’istituzione di un Comitato, per gli
adempimenti ivi previsti, e l’istituzione del Fondo agevolazioni alla
ricerca;
Visto il decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593, recante:
«Modalita’ procedurali per la concessione delle agevolazioni previste
dal decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297» e, in
particolare, le domande presentate ai sensi dell’art. 13 che
disciplina la presentazione e selezione di progetti di ricerca;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze n.
90402 del 10 ottobre 2003 d’intesa con il Ministro dell’universita’ e
della ricerca «Criteri e modalita’ di concessione delle agevolazioni
previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla
Ricerca (F.A.R.)», registrato alla Corte dei conti il 30 ottobre 2003
e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 novembre 2003, n. 274;
Vista la deliberazione Cipe n. 17/2003 che in via programmatica ha
assegnato 140 milioni di euro per il finanziamento di iniziative di
ricerca nel mezzogiorno in partenariato tra il Ministro
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca e le regioni;
Vista la deliberazione Cipe n. 81/2004 che ha assegnato
definitivamente il predetto importo di 140 milioni di euro, per la
realizzazione di azioni ed iniziative finalizzate all’attivazione di
distretti tecnologici nelle regioni del Mezzogiorno attraverso
Accordi di Programma, di cui, in particolare, 6,2 milioni di euro per
il Distretto sulle tecnologie per la tutela dai rischi idrogeologici,
sismici, climatologici da realizzare nella regione Basilicata;
Visto l’Accordo di Programma Quadro in materia di ricerca
scientifica ed innovazione tecnologica stipulato tra il Ministero
dell’economia e delle finanze, Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca e la Regione Basilicata in data 22
dicembre 2005 con il quale e’ stato previsto di destinare al MIUR
l’importo di € 6,2 milioni di euro per il finanziamento di progetti
di ricerca nell’abito del Distretto;
Visto il D.D. n. 1590/Ric del 27 luglio 2006 con il quale e’ stato
ammesso a finanziamento il primo progetto presentato dal Consorzio
«Tecnologie per le osservazione della Terra e i rischi naturali
(TeRN)» DM28424, con un’agevolazione pari a € 3.350.000,00;
Viste le deliberazioni Cipe n. 179/2006 e n. 50/2007 che hanno
disimpegnato una quota delle risorse assegnate dalla delibera n.
81/2004, fra cui rientravano anche le economie registrate per il
Distretto della Basilicata pari a € 2.880.000,00;
Vista la nota n. 170/Segr. Ric. del 14 dicembre 2007, con cui il
Ministero ha richiesto una rimodulazione delle risorse assegnate al
Ministero dell’universita’ e della ricerca con delibera n. 35/2005,
al fine di consentire il completamento di importanti interventi
attivati con delibera n. 81/2005;
Vista la deliberazione Cipe n. 160/2007 che ha riassegnato le
risorse richieste con la predetta nota n. 170 al fine di consentire
il completamento dei suddetti programmi relativi a Distretti
tecnologici fissando al 31 dicembre 2009, il termine ultimo per
l’assunzione di obbligazioni giuridiche rilevanti;
Visto il progetto di ricerca DM45969 presentato dal Consorzio
«Tecnologie per le osservazione della Terra e i rischi naturali
(TeRN)», ai sensi dell’art. 13 del decreto ministeriale 8 agosto
2000, n. 593 e i relativi esiti istruttori;
Viste le relazioni dell’esperto tecnico-scientifico e dell’Istituto
Convenzionato;
Acquisito il parere del Comitato in ordine alla finanziabilita’ del
progetto, espresso nella riunione del 16 dicembre 2009 e riportata
nel relativo stralcio di verbale;
Visto il D.D. n. 560/Ric del 2 ottobre 2009 di ripartizione delle
risorse del Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca per l’anno
2007-2008;
Considerato che per il progetto proposto per il finanziamento
esiste o e’ in corso di acquisizione la certificazione di cui al
decreto del Presidente della Repubblica del 3 giugno 1998, n. 252;
Visto il decreto legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 recante
«Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
Amministrazioni Pubbliche» e successive modifiche e integrazioni;
Ritenuta la necessita’ di adottare, per i suddetti progetti
ammissibili al finanziamento e nei limiti delle disponibilita’
finanziarie, il relativo provvedimento ministeriale stabilendo per
ciascuno forme, misure, modalita’ e condizioni del finanziamento;

Decreta:

Art. 1

1. Il progetto di ricerca DM45969 dal titolo «Tecnologie per le
Osservazioni della Terra e i Rischi Naturali – Seconda fase»
presentato dal Consorzio TERN in data 22 novembre 2007, ai sensi
dell’art. 13 del decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593, e’
ammesso all’intervento previsto dalle normative citate in premessa,
nella forma, misura, modalita’ e condizioni indicate nella scheda
allegata al presente decreto di cui costituisce parte integrante.

Art. 2

1. L’intervento di cui al precedente art. 1 e’ subordinato
all’acquisizione della certificazione antimafia di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n. 252.
2. Ai sensi del comma 35 dell’art. 5 del decreto ministeriale 8
agosto 2000, n. 593 e’ data facolta’ al soggetto proponente di
richiedere una anticipazione per un importo pari al 30%
dell’intervento concesso. Ove detta anticipazione sia concessa a
soggetti privati la stessa dovra’ essere garantita da fidejussione
bancaria o polizza assicurativa di pari importo.
3. Nello svolgimento delle attivita’ progettuali i costi di ciascun
progetto, di cui al presente decreto, sostenuti fuori dall’ob. 1, non
potranno superare il 25% del costo totale del progetto.
4. La durata del progetto potra’ essere maggiorata fino a 12 mesi
per compensare eventuali slittamenti temporali nell’esecuzione delle
attivita’ poste in essere dal contratto, fermo restando quanto
stabilito al comma 5.

Art. 3

Le risorse necessarie per l’intervento di cui all’art. 1 del
presente decreto sono determinate complessivamente in euro
2.879.998,50 nella forma di contributo nella spesa e graveranno sulle
disponibilita’ del Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca per l’anno
2007-2008 destinate alle aree depresse.
Il presente decreto viene trasmesso agli organi competenti per le
necessarie attivita’ di controllo.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 23 dicembre 2009

Il direttore generale: Agostini

Registrato alla Corte dei conti il 12 luglio 2010
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 12, foglio n. 70.

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 23 dicembre 2009

Architetto.info