MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 11 novembre 2010, n. 234 - Regolamento modificativo del decreto ministeriale 27 marzo 2008, n.87, sulla istituzione di un regime di aiuto a favore delle attivita' di ricerca, sviluppo e innovazione, ai sensi dell'articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (10G0253) (GU n. 4 del 7-1-2011 | Architetto.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 11 novembre 2010, n. 234 – Regolamento modificativo del decreto ministeriale 27 marzo 2008, n.87, sulla istituzione di un regime di aiuto a favore delle attivita’ di ricerca, sviluppo e innovazione, ai sensi dell’articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (10G0253) (GU n. 4 del 7-1-2011

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 11 novembre 2010, n. 234 - Regolamento modificativo del decreto ministeriale 27 marzo 2008, n.87, sulla istituzione di un regime di aiuto a favore delle attivita' di ricerca, sviluppo e innovazione, ai sensi dell'articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (10G0253) (GU n. 4 del 7-1-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 22/01/2011

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 11 novembre 2010 , n. 234

Regolamento modificativo del decreto ministeriale 27 marzo 2008,
n.87, sulla istituzione di un regime di aiuto a favore delle
attivita’ di ricerca, sviluppo e innovazione, ai sensi dell’articolo
1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (10G0253)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico, con
proprio decreto, istituisca appositi regimi di aiuto in conformita’
alla normativa comunitaria;
Vista la Disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a
favore di ricerca, sviluppo e innovazione 2006/C323/01, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea C 323 del 30 dicembre
2006;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante
disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno
pubblico alle imprese;
Vista la decisione della Commissione europea C (2007) 6461 del 12
dicembre 2007 – Aiuto di Stato n. 302/2007, con la quale e’ stato
autorizzato il regime di aiuto per la concessione di agevolazioni in
favore di programmi di ricerca, di sviluppo ed innovazione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 27 marzo
2008, n. 87, recante «Regolamento di istituzione di un regime di
aiuto a favore delle attivita’ di ricerca, sviluppo e innovazione ai
sensi dell’articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n.
296»;
Ravvisata la necessita’ di apportare modificazioni al citato
regolamento, al fine di ampliare le forme agevolative ivi previste,
contemplando anche la forma del finanziamento agevolato, in coerenza
con quanto previsto nella citata decisione della Commissione europea
autorizzativa del regime di aiuto;
Visto l’articolo 17, commi 3 e 4 della legge 23 agosto 1988, n.
400;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nell’adunanza del 20 settembre
2010;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai
sensi dell’articolo 17, comma 3 della legge 23 agosto 1988, n. 400,
effettuata con nota del 3 novembre 2010;

A d o t t a

il seguente regolamento:

Art. 1

1. All’articolo 5 del decreto del Ministro dello sviluppo economico
del 27 marzo 2008, n. 87, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, dopo la lettera c), e’ aggiunta la seguente
lettera: «d) finanziamenti agevolati;»;
b) al comma 2 e’ aggiunto infine il seguente periodo: «Per i
contributi in conto interessi di cui al comma 1, lettera c) e per i
finanziamenti agevolati di cui al comma 1, lettera d), la misura del
contributo interessi e del tasso agevolato e’ fissata, con i decreti
di cui all’articolo 8, come percentuale del tasso di riferimento di
cui al comma 3».
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e farlo
osservare.
Roma, 11 novembre 2010

Il Ministro: Romani

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 20 dicembre 2010
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 5, foglio n. 41

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operante il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
Note alle premesse:
– Si riporta il testo del comma 845 dell’art. 1 della
legge 27 dicembre 2006, n. 296 recante Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge finanziaria 2007):
«845. Il Ministro dello sviluppo economico, con proprio
decreto, istituisce appositi regimi di aiuto in conformita’
alla normativa comunitaria. Lo stesso Ministro riferisce
annualmente al Parlamento e alla Conferenza permanente per
i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome
di Trento e di Bolzano sui criteri utilizzati per
l’individuazione dei progetti e delle azioni, sullo stato
degli interventi finanziati e sul grado di raggiungimento
degli obiettivi, allegando il prospetto inerente le spese
sostenute per la gestione, che sono poste a carico dei
singoli progetti nel limite massimo del 5 per cento di
ciascuno stanziamento».
– Il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante
disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di
sostegno pubblico alle imprese e’ pubblicato nella Gazz.
Uff. 30 aprile 1998, n. 99.
– La decisione della Commissione europea C(2007) 6461
del 12 dicembre 2007 – aiuto di Stato n. 302/2007, con la
quale e’ stato autorizzato il regime di aiuto per la
concessione di agevolazioni in favore di programmi di
ricerca, di sviluppo ed innovazione e’ pubblicato il
22.01.2008 nell’Official Journal: JOCE C/15/2008.
– Il decreto del Ministro dello sviluppo economico 27
marzo 2008 n. 87 recante Regolamento di istituzione di un
regime di aiuto a favore delle attivita’ di ricerca,
sviluppo e innovazione, ai sensi dell’art. 1, comma 845,
della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e’ pubblicato nella
Gazz. Uff. 20 maggio 2008, n. 117.
– Si riporta il testo dei commi 3 e 4 dell’art. 17
della legge 23 agosto 1988, n. 400 recante Disciplina
dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri:
«3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del ministro o di
autorita’ sottordinate al ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei ministri prima della loro emanazione.
4. I regolamenti di cui al comma 1 ed i regolamenti
ministeriali ed interministeriali, che devono recare la
denominazione di «regolamento», sono adottati previo parere
del Consiglio di Stato, sottoposti al visto ed alla
registrazione della Corte dei conti e pubblicati nella
Gazzetta Ufficiale».
Note all’art. 1:
– Si riporta il testo dei commi 1 e 2 dell’art. 5 del
decreto del Ministro dello sviluppo economico del 27 marzo
2007, n. 87, come modificato dal presente decreto:
«Art. 5 (Forma e intensita’ delle agevolazioni). – 1.
Le agevolazioni di cui al presente regolamento, nei limiti
delle intensita’ e degli importi massimi previsti per le
diverse tipologie di aiuto dalla disciplina comunitaria in
materia di aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e
innovazione, possono essere concesse nelle seguenti forme:
a) contributi diretti alla spesa, in conto capitale e
in conto impianti, in caso di spese ammissibili relative a
immobilizzazioni come definite dagli articoli 2423 e
seguenti del codice civile;
b) contributi in conto interessi;
c) anticipi rimborsabili.
d) finanziamenti agevolati;
2. I contributi di cui al comma 1, lettera a), possono
essere erogati anche nella forma di crediti di imposta; le
agevolazioni di cui al comma 1, lettera c), possono essere
concesse solo a fronte di progetti di ricerca e sviluppo e
per un importo non superiore al 60% o al 40% dei costi
ammissibili, rispettivamente per la fase della ricerca
industriale o per la fase di sviluppo sperimentale, a cui
possono essere aggiunte le maggiorazioni previste al comma
4; in caso di esito positivo del progetto, l’anticipo e’
restituito ad un tasso pari almeno al tasso di riferimento
di cui al comma 3, mentre in caso di insuccesso e’ prevista
la restituzione parziale o anche la non restituzione totale
dell’anticipo. Con le disposizioni attuative di cui
all’art. 8 sono stabilite le condizioni di esito positivo e
di insuccesso, in relazione alla tipologia di beneficiari,
caratteristiche tecniche dei progetti e relativi gradi di
rischio specifico, nonche’ la fissazione di specifici
criteri per la restituzione graduale ovvero parziale
dell’anticipo concesso. Per i contributi in conto interessi
di cui al comma 1, lettera c) e per i finanziamenti
agevolati di cui al comma 1 lettera d), la misura del
contributo interessi e del tasso agevolato e’ fissata, con
i decreti di cui all’art. 8, come percentuale del tasso di
riferimento di cui al comma 3.

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 11 novembre 2010, n. 234 – Regolamento modificativo del decreto ministeriale 27 marzo 2008, n.87, sulla istituzione di un regime di aiuto a favore delle attivita’ di ricerca, sviluppo e innovazione, ai sensi dell’articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (10G0253) (GU n. 4 del 7-1-2011

Architetto.info