MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 20 maggio 2009 | Architetto.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 20 maggio 2009

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 20 maggio 2009 - Approvazione del programma promozionale ICE 2009, ed il relativo piano di attivita' annuale. (09A09863) (GU n. 190 del 18-8-2009 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 20 maggio 2009

Approvazione del programma promozionale ICE 2009, ed il relativo
piano di attivita’ annuale. (09A09863)

IL DIRETTORE GENERALE
per le politiche di internazionalizzazione
e la promozione degli scambi

Vista la legge 16 marzo 1976, n. 71, recante «modifiche delle
procedure amministrative e contabili in materia di attivita’
promozionale delle esportazioni italiane»;
Visto l’art. 7 della legge 25 marzo 1997, n. 68, recante «riforma
dell’Istituto nazionale per il commercio estero», che affida all’ente
l’elaborazione del piano annuale delle attivita’ promozionali, da
sottoporre all’approvazione ministeriale;
Visto l’art. 4 comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2002, n.
165, recante «norme in materia di indirizzo politico-amministrativo,
funzioni e responsabilita’»;
Visti il decreto ministeriale 21 giugno 2007 (pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale del 2 agosto 2007, n. 178) e il decreto
ministeriale 14 gennaio 2009 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del
2 aprile 2009, n. 77) con cui sono state emanate, rispettivamente, le
linee direttrici in materia di attivita’ promozionale 2008-2010 e il
loro aggiornamento per l’anno 2009;
Vista la proposta di programma promozionale 2009, di cui alla
delibera del Consiglio di amministrazione dell’ICE n. 1/2009 del 13
gennaio scorso, per un valore complessivo di € 78 milioni a fronte di
uno stanziamento pubblico di € 53,783 milioni;
Viste le note 11459 del 10 febbraio 2009 e 17196 del 3 marzo scorso
con cui lo scrivente formulava alcune osservazioni di merito sul
piano proposto – con particolare riferimento all’eccessiva
sovrapreventivazione – e esprimeva l’impossibilita’ di approvare il
documento in assenza di certezza di adeguate risorse;
Vista la delibera n. 89/2009 del 30 marzo 2009 con cui il Consiglio
di amministrazione dell’ICE ha approvato, tra l’altro, l’integrazione
dell’assegnazione finanziaria del piano promozionale 2009 per un
importo di € 24.388.078,00 tramite lo storno di economie relative ad
anni precedenti;
Visti gli allegati a tale delibera con cui l’Istituto ha
riscontrato le predette osservazioni dello scrivente;
Vista la delibera n. 123/2009 del 15 aprile 2009, approvata con
decreto dirigenziale del 22 aprile 2009 in corso di registrazione
alla Corte dei conti con cui, in base alle indicazioni fornite dallo
scrivente, l’Istituto ha rettificato la delibera 89/09 per la parte
relativa alle modalita’ di copertura finanziaria;
Considerato che i costi del programma proposto risultano
interamente coperti, per € 53.783.000 dallo stanziamento del capitolo
2531 dello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico
per l’anno 2009 e per il rimanente dalle predette economie di
gestione;
Preso atto del parere favorevole espresso dal Comitato consultivo
il 12 gennaio 2009 in merito all’impianto progettuale proposto
dall’Istituto per l’attivita’ 2009;
Ritenuto necessario contenere l’immobilizzo di fondi pubblici, sia
pure con finalita’ cautelative, in una misura inferiore a quella
attualmente praticata, mediamente superiore al 20% dell’ammontare
complessivo del piano delle attivita’;
Ritenute insufficienti le motivazioni di cui all’allegato 4 della
predetta delibera n. 89/2009, addotte dall’ICE in materia di
sovrapreventivazione dei costi del piano promozionale;
Verificata la coerenza del programma in questione con le linee
direttrici di cui sopra;

Decreta:

Art. 1.

Approvazione

Il programma dell’attivita’ promozionale per l’anno 2009, di cui
alla delibera n. 1/2009 del Consiglio di amministrazione
dell’Istituto nazionale del commercio estero, e’ approvato
subordinatamente al contenimento della spesa all’ammontare di euro
72.540.000,00, corrispondente all’abbattimento del 10% del valore
complessivo del piano presentato, al netto dello stanziamento per gli
accordi di partenariato, fissato in € 23.400.000.
La minore previsione di spesa di € 5.460.000 deve intendersi
accantonata in vista di futuri utilizzi che il Ministero indichera’
all’Istituto.
Per quanto concerne i contenitori generici di attivita’ ancora da
strutturare, in particolare i seguenti progetti:
001 Fondi di riserva;
002 Programmazione dell’attivita’ promozionale;
036 Azioni di relazioni esterne;
038 Portale Italtrade;
060 Italian festival;
063 Sistema di gestione per la qualita’;
069 Accordi;
072 Attivita’ promozionale di supporto ad eventi istituzionali;
gli stessi si devono intendere condivisi nell’impostazione, ma
soggetti a specifica, successiva approvazione del Ministero in
corrispondenza della loro puntuale articolazione.

Art. 2.

Gestione

Entro il 20 di ciascun mese l’Istituto aggiorna la scrivente
Direzione generale del Ministero sulle iniziative che avranno luogo
nel mese successivo, sia in Italia che all’estero, in funzione di una
costante informativa sull’andamento della gestione e della
programmazione delle attivita’ di vigilanza di competenza
ministeriale.

Art. 3.

Monitoraggio

Entro la fine dei mesi di aprile, luglio e ottobre la competente
Direzione generale, sulla base di brevi relazioni predisposte
dall’Istituto sull’attivita’ svolta, effettua il monitoraggio dello
stato di avanzamento del programma e formula le indicazioni per
l’utilizzo delle economie contabilizzate nel trimestre a seguito di
annullamenti o extrapreventivazione.
Nelle predette relazioni l’Istituto si esprime anche
sull’attualita’ delle iniziative ancora da realizzare rispetto alla
congiuntura in atto, sottoponendo al Ministero eventuali proposte di
cancellazioni, integrazioni o modifiche.

Art. 4.

Adeguamenti

Gli adeguamenti al piano annuale – di cui all’art. 4, lettera d)
della legge n. 68/1997 – sono operati dall’Istituto in esito ai
monitoraggi di cui al precedente art. 3 e sono assunti con
delibere/quadro approvate dal Ministero vigilante tramite decreto.
Al di fuori delle predette scadenze non sono adottabili singoli
adeguamenti al programma, salvo casi eccezionali di motivata
necessita’ e urgenza.
Nel caso in cui, fermo restando il budget preventivato, sia
necessario apportare una modifica nella strutturazione della singola
iniziativa – quale, a titolo di esempio: la ripartizione percentuale
delle voci di spesa, l’ampiezza delle area espositiva, la
calendarizzazione dell’evento, la quota della partecipazione privata,
ecc. – non e’ necessario attuare la procedura di adeguamento di cui
al precedente comma 1.
In tali occasioni, in applicazione dei criteri generali di
semplificazione amministrativa, la modifica e’ operata attraverso uno
scambio di note, rispettivamente di comunicazione e di
autorizzazione, tra il direttore generale dell’Istituto e il
direttore generale per le politiche d’internazionalizzazione e per la
promozione degli scambi.

Art. 5.

Partecipazione di terzi

In coerenza con le strategie indicate nelle linee direttrici,
l’Istituto e’ chiamato a realizzare ogni possibile sinergia tra la
propria attivita’ e quella degli altri soggetti pubblici e privati
del sistema paese: regioni, associazioni di categoria, sistema
camerale, promuovendone la partecipazione, anche finanziaria, ai
progetti promozionali previsti nel piano.

Art. 6.

Pubblicazione

Il presente decreto verra’ trasmesso alla Corte dei conti per il
visto e la registrazione e, successivamente, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 20 maggio 2009

Il direttore generale: Celi

Registrato alla Corte dei conti il 22 luglio 2009
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 3, foglio n. 89

Allegato

—-> Vedere allegato da pag. 3 a pag. 20 <----

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 20 maggio 2009

Architetto.info