MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 24 novembre 2010 | Architetto.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 24 novembre 2010

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 24 novembre 2010 - Modifica ed integrazione delle disposizioni di cui al decreto 28 aprile 2006 in materia di accesso alla rete nazionale dei gasdotti. (10A15431) (GU n. 3 del 5-1-2011 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 24 novembre 2010

Modifica ed integrazione delle disposizioni di cui al decreto 28
aprile 2006 in materia di accesso alla rete nazionale dei gasdotti.
(10A15431)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164 (di seguito: il
decreto legislativo n. 164/2000);
Visto l’art. 30 della legge 12 dicembre 2002, n. 273;
Vista la direttiva 2003/55/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, che all’art. 22 stabilisce che nuove, importanti
infrastrutture del sistema del gas, ossia infrastrutture di
interconnessione tra le reti nazionali di trasporto di gas degli
Stati membri dell’Unione europea, terminali di rigassificazione di
gas naturale liquefatto e impianti di stoccaggio possono essere
oggetto, su richiesta, di una deroga alle disposizioni degli articoli
18, 19 e 20, nonche’ dell’art. 25, paragrafi 2, 3 e 4 a determinate
condizioni, specificate nella stessa direttiva;
Vista la direttiva 2009/73/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio relativa a norme comuni per il mercato interno del gas
naturale, in corso di recepimento, che abroga la direttiva
2003/55/CE;
Visto l’art. 1, comma 17, della legge 23 agosto 2004, n. 239 (di
seguito: la legge n. 239/2004), che stabilisce che i soggetti che
investono, direttamente o indirettamente, nella realizzazione di
nuove infrastrutture di interconnessione tra le reti nazionali di
trasporto di gas degli Stati membri dell’Unione europea e la rete di
trasporto italiana (di seguito: gli interconnettori), nella
realizzazione in Italia di nuovi terminali di rigassificazione di gas
naturale liquefatto e di nuovi stoccaggi in sotterraneo di gas
naturale, o in significativi potenziamenti delle capacita’ delle
infrastrutture esistenti sopra citate, tali da permettere lo sviluppo
della concorrenza e di nuove fonti di approvvigionamento di gas
naturale, possono richiedere, per la capacita’ di nuova
realizzazione, un’esenzione dalla disciplina che prevede il diritto
di accesso dei terzi;
Visto che lo stesso art. 1, comma 17, stabilisce che:
a) l’esenzione e’ accordata, caso per caso, per un periodo di
almeno venti anni e per una quota di almeno l’80% della nuova
capacita’, dal Ministero delle attivita’ produttive (di seguito: il
Ministero), previo parere dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas (di seguito: l’Autorita’), nonche’, in caso di realizzazione di
nuovi interconnettori, previa consultazione delle autorita’
competenti dello Stato membro interessato;
b) con decreto del Ministro delle attivita’ produttive sono
definiti i principi e le modalita’ per il rilascio delle esenzioni di
cui sopra, nel rispetto di quanto previsto dalle disposizioni
comunitarie in materia;
c) con decreto del Ministro delle attivita’ produttive sono
definiti i principi e le modalita’ per l’accesso alla rete nazionale
dei gasdotti nei casi di cui alle premesse sopra indicate, nel
rispetto di quanto previsto dalle disposizioni comunitarie in
materia;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 11 aprile
2006, che stabilisce le procedure, ai sensi dell’art. 1, comma 17,
della legge n. 239/2004 e nel rispetto di quanto previsto dalle
disposizioni comunitarie in materia, per il rilascio dell’esenzione,
per la capacita’ di nuova realizzazione, dalla disciplina che prevede
il diritto di accesso dei terzi alle infrastrutture, ai soggetti che
investono, direttamente o indirettamente, nella realizzazione di
nuovi interconnettori o nella realizzazione in Italia di nuovi
terminali di rigassificazione di gas naturale liquefatto, di una
quota delle capacita’ di trasporto pari ad almeno l’80% delle nuove
capacita’ di importazione realizzate all’estero, per un periodo di
almeno venti anni;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive in data 28
aprile 2006 relativo alla definizione sia delle modalita’ di accesso
alla rete nazionale dei gasdotti conseguente all’esenzione di cui
all’art. 1, comma 17, della legge n. 239/2004 relativamente alla
realizzazione di nuovi interconnettori, di nuovi terminali di
rigassificazione di gas naturale liquefatto, sia delle modalita’ di
accesso alla rete nazionale dei gasdotti conseguente al
riconoscimento del diritto all’allocazione prioritaria nel
conferimento di capacita’ di trasporto ai sensi dell’art. 1, comma
18, della stessa legge, relativamente alla realizzazione di
infrastrutture di interconnessione con Stati non appartenenti
all’Unione europea, sia dei criteri di efficienza, economicita’ e
sicurezza del sistema, ai sensi dell’art. 1, comma 20, della legge n.
239/2004, in base ai quali l’Autorita’ definisce le procedure per
l’assegnazione della residua quota delle capacita’ relative alle
infrastrutture sopra citate;
Vista la deliberazione n. 91/02 dell’Autorita’ recante «Disciplina
del diritto di allocazione di cui all’art. 27, comma 2, della legge
12 dicembre 2002, n. 273, nei casi di realizzazione di nuovi
terminali di gas naturale liquefatto e di potenziamento di terminali
esistenti» e le successive modifiche e integrazioni;
Ritenuto opportuno aggiornare e integrare le disposizioni di cui al
decreto del Ministro delle attivita’ produttive 28 aprile 2006;

Decreta:

Art. 1

Richiesta di accesso alla rete di trasporto

1. Il comma 3 dell’art. 2 del decreto 28 aprile 2006 citato in
premessa e’ modificato come segue: «Copia della richiesta e’ inviata
al Ministero e all’Autorita’, completa della relativa documentazione.
Qualora la richiesta sia formulata da un soggetto importatore e sia
relativa a un punto di entrata della rete nazionale dei gasdotti da
collegare a un interconnettore o a un gasdotto di interconnessione
con Stati non appartenenti all’Unione europea, o a significativi
potenziamenti degli stessi, per i quali sia stata gia’ rilasciata dal
Ministero l’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio per la
parte ricadente nella giurisdizione italiana:
nel caso in cui l’accesso alla rete sia richiesto entro due anni
dalla data della richiesta stessa, la richiesta di capacita’ deve
essere corredata dall’autorizzazione all’importazione rilasciata dal
Ministero o dalla dichiarazione attestante lo Stato membro
dell’Unione europea dove il gas e’ prodotto;
nel caso nel caso in cui l’accesso alla rete sia richiesto oltre
due anni dalla data delle richiesta stessa, l’autorizzazione
all’importazione rilasciata dal Ministero o la dichiarazione
attestante lo Stato membro dell’Unione europea dove il gas e’
prodotto, possono essere presentati non oltre il 50% del periodo
intercorrente tra la data di sottoscrizione del contratto di
trasporto e la data di messa a disposizione della capacita’ come
indicata dall’impresa maggiore di trasporto ai sensi dell’art. 3,
comma 5, lettera c).
Nel caso in cui l’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio
per la parte di infrastruttura ricadente nella giurisdizione italiana
non sia ancora stata rilasciata dal Ministero, la richiesta di
capacita’ deve essere corredata dall’autorizzazione all’importazione
rilasciata dal Ministero o dalla dichiarazione attestante lo Stato
membro dell’Unione europea dove il gas e’ prodotto.».

Art. 2

Disposizioni transitorie e finali

1. Nel caso di terminali di rigassificazione per i quali il
Ministero alla data del presente decreto ha rilasciato l’esenzione di
cui all’art. 1, comma 17, della legge n. 239/2004, e per i quali sono
gia’ stati sottoscritti contratti di allacciamento alla rete di
trasporto, trovano applicazione le disposizioni di cui all’art. 8 del
decreto 28 aprile 2006 secondo le modalita’ stabilite nel codice di
rete dell’impresa maggiore di trasporto in base alla deliberazione
dell’Autorita’ 31 luglio 2006, n. 168/06.
Il presente decreto e’ comunicato all’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas e all’impresa maggiore di trasporto per gli
adempimenti di competenza, e’ pubblicato nella Gazzetta ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet del Ministero, ed entra
in vigore a decorrere dalla data di pubblicazione.

Roma, 24 novembre 2010

Il Ministro: Romani

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 24 novembre 2010

Architetto.info