MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI | Architetto.info

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI - DECRETO 30 maggio 2002: Disposizioni in tema dei soggetti, criteri e modalita' di erogazione dei contributi a titolo di concorso per le spese di vigilanza e sicurezza in occasione di pubblici spettacoli. (GU n. 156 del 5-7-2002)

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

DECRETO 30 maggio 2002

Disposizioni in tema dei soggetti, criteri e modalita’ di erogazione
dei contributi a titolo di concorso per le spese di vigilanza e
sicurezza in occasione di pubblici spettacoli.

IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

Visti gli articoli 1 e 2 della legge 26 luglio 1985, n. 966;
Visti gli articoli 4, comma 3, lettera a) e 8 del decreto del
Ministero dell’interno 22 febbraio 1996, n. 261;
Visto l’art. 5 della legge 23 febbraio 2001, n. 29;
Udito il parere del Comitato per i problemi dello spettacolo nella
seduta del 20 febbraio 2002;
Vista la nota 14 maggio 2002, prot. n. DCPST/262 del Dipartimento
dei Vigili del fuoco;

Decreta:

Art. 1.

Ambito di applicazione

1. Concorrono alla agevolazione prevista dal comma 5 dell’art. 5
della legge 23 febbraio 2001, n. 29, i teatri, cinema-teatri, teatri
tenda, circhi adibiti a pubblico spettacolo in possesso di agibilita’
definitiva e con capienza superiore ai 500 posti o con la capienza
che verra’ successivamente individuata con provvedimento autonomo del
Ministero dell’interno o che risultino beneficiari, sia in forma
singola che associata, dell’intervento finanziario del Ministero per
i beni e le attivita’ culturali ai sensi delle normative vigenti o
relativamente ad attivita’ di ospitalita’ oggetto dell’intervento
medesimo.

Art. 2.

Elenco dei soggetti ammessi

1. Ai fini dell’individuazione e revisione dei soggetti beneficiari
del contributo di cui alla legge 23 febbraio 2001, n. 29, il
Ministero per i beni e le attivita’ culturali – Direzione generale
per lo spettacolo dal vivo, predispone ed invia all’inizio di ogni
anno al Ministero dell’interno – Dipartimento dei Vigili del fuoco,
del soccorso pubblico e della difesa civile, due distinti elenchi
relativamente di teatri, i cinema-teatri, sia in forma singola che
associata, teatri tenda, circhi beneficiari dell’intervento
finanziario dello Stato, nonche’ degli enti, organismi ed imprese di
produzione e promozione utilizzatori di sale di pubblico spettacolo
ammessi al medesimo intervento.
2. In fase di prima applicazione i predetti elenchi sono trasmessi
entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente
decreto.

Art. 3.
Attestazione di ammissibilita’

1. Al fine di concorrere alla riduzione, nella misura annualmente
fissata dal Ministero dell’interno – Dipartimento dei Vigili del
fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, sentito il parere
del Ministero per i beni e le attivita’ culturali, della tariffa
ordinaria del servizio di vigilanza del Corpo dei Vigili del fuoco, i
gestori dei teatri sono tenuti ad autocertificare, all’atto del
pagamento alla Tesoreria provinciale dello Stato, l’appartenenza
della sala o dell’attivita’ da essi ospitata negli elenchi di cui
all’art. 2.
2. In tema di autocertificazione valgono le vigenti disposizioni in
tema di responsabilita’ civile o penale in caso di dichiarazione non
veritiera.
Roma, 30 maggio 2002
Il Ministro: Urbani

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

Architetto.info