Modifica dei criteri di ripartizione previsti dall'art. 11, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale 21 giugno 1999 | Architetto.info

Modifica dei criteri di ripartizione previsti dall’art. 11, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale 21 giugno 1999

Modifica dei criteri di ripartizione previsti dall'art. 11, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale 21 giugno 1999 relativo alla programmazione del sistema universitario per il triennio 1998-2000

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
TECNOLOGICA
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 1998,
n. 25, recante la discipline dei procedimenti relativi allo
sviluppo ed alla programmazione del sistema universitario;
Visto il decreto ministeriale 6 marzo 1998, che ha determinato gli
obiettivi del sistema universitario per il triennio 1998-2000;
Visto il decreto ministeriale 21 giugno 1999, n. 313, relativo alla
programmazione del sistema universitario per il triennio 1998-2000,
registrato alla Corte dei conti il 15 ottobre 1999, registro 1UR –
foglio 198 (Gazzetta Ufficiale n. 253 del 27 ottobre 1999);
Visto l’art. 11 del predetto decreto il quale destina, al comma 1,
risorse finanziarie per la riduzione degli squilibri tra centro-
nord e sud, disponendo in particolare, alla lettera c), che “il 25
per cento (di tali risorse venga ripartito) tra le università che
hanno attivato le iniziative alle quali si riferiscono gli articoli
8, 9 e 14, commi 1 e 3, del presente decreto, in relazione alle
stesse”;
Considerato che a tale ripartizione si potrà provvedere soltanto
dopo che saranno disponibili i dati relativi alla attivazione delle
predette iniziative, dati che non sono ancora tutti disponibili;
Attesa l’esigenza di poter utilizzare le risorse stesse anche per
la stipulazione, ai sensi dell’art. 5, comma 6, della legge 24
dicembre 1993, n. 537, di accordi di programma con le università
per particolari iniziative ed attività specifiche relative alla
ricerca e alla formazione;
Visto l’art. 24, comma 2, del predetto decreto il quale prevede che
le modifiche alle destinazioni dei fondi previsti negli articoli
dello stesso, che si dovessero rendere necessarie, potranno essere
disposte con decreto ministeriale, nel rispetto di quanto indicato
al punto 2 del decreto ministeriale 6 marzo 1998;
Ritenuto, per le suesposte considerazioni, di dover modificare
l’art. 11, comma 1, del decreto ministeriale 21 giugno 1999, n.
313;
Decreta:
Art. 1.
L’art. 11 (riduzione degli squilibri tra centro-nord e sud) del
decreto ministeriale 21 giugno 1999, n. 313, comma 1, alla lettera
c), è sostituito come segue: “c) il 25 per cento tra le università
che hanno attivato le iniziative alle quali si riferiscono gli
articoli 8, 9 e 14, commi 1 e 3, del presente decreto, in relazione
alle stesse, nonché per la stipulazione, ai sensi dell’art. 5,
comma 6, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, di accordi di
programma con le università per particolari iniziative ed attività
specifiche relative alla ricerca ed alla formazione”.Il presente
decreto sarà trasmesso alla Corte dei conti e pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale.

Modifica dei criteri di ripartizione previsti dall’art. 11, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale 21 giugno 1999

Architetto.info