ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 aprile 2010 | Architetto.info

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 aprile 2010

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 aprile 2010 - Disposizioni urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare la grave situazione di emergenza determinatasi a seguito dei gravi dissesti idrogeologici che hanno interessato il territorio della provincia di Messina nei giorni dall'11 al 17 febbraio 2010 nonche' per le eccezionali avversita' atmosferiche verificatesi il 1° ottobre 2009 nel territorio della medesima provincia. (Ordinanza n. 3865). (10A04931) (GU n. 99 del 29-4-2010 )

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 aprile 2010

Disposizioni urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare la
grave situazione di emergenza determinatasi a seguito dei gravi
dissesti idrogeologici che hanno interessato il territorio della
provincia di Messina nei giorni dall’11 al 17 febbraio 2010 nonche’
per le eccezionali avversita’ atmosferiche verificatesi il 1° ottobre
2009 nel territorio della medesima provincia. (Ordinanza n. 3865).
(10A04931)

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 30 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19
febbraio 2010, con il quale e’ stato dichiarato, fino al 28 febbraio
2011, lo stato di emergenza in ordine ai gravi dissesti idrogeologici
che hanno interessato il territorio della provincia di Messina nei
giorni dall’11 al 17 febbraio 2010;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2
ottobre 2009, con il quale e’ stato dichiarato, fino al 30 ottobre
2010, lo stato di emergenza in relazione alla grave situazione
determinatasi a seguito delle eccezionali avversita’ atmosferiche
verificatesi il 1° ottobre 2009 nel territorio della provincia di
Messina e le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3815 del 10 ottobre 2009 e n. 3825 del 27 novembre 2009;
Ravvisata la necessita’ di procedere alla realizzazione, in termini
di somma urgenza, di tutte le iniziative di carattere straordinario
finalizzate al ritorno alle normali condizioni di vita nel territorio
interessato dagli eventi in rassegna, nonche’ di integrare le
precedenti ordinanze adottate per fronteggiare gli eventi calamitosi
del 1° ottobre 2009;
Vista la nota del 25 febbraio 2010 del commissario delegato –
presidente della Regione siciliana;
Vista la nota del 10 marzo 2010 del Ministero dello sviluppo
economico;
Acquisita l’intesa della Regione siciliana con nota pervenuta in
data 8 aprile 2010;
Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Dispone:

Art. 1

1. Il presidente della Regione siciliana e’ nominato commissario
delegato per il superamento dello stato di emergenza di cui alla
presente ordinanza.
2. Il commissario delegato puo’ avvalersi di soggetti attuatori,
nel limite massimo di tre unita’, cui affidare specifici settori
d’intervento sulla base di direttive di volta in volta impartite dal
commissario medesimo.
3. Gli interventi di cui alla presente ordinanza sono dichiarati
indifferibili, urgenti e di pubblica utilita’.
4. Per le finalita’ di cui al comma 1, il commissario delegato
provvede:
a) al rimborso delle spese sostenute dai comuni per i primi
interventi di soccorso ed assistenza alla popolazione, debitamente
documentate;
b) all’accertamento dei danni, alla rimozione delle situazioni di
pericolo;
c) alla predisposizione di un piano degli interventi relativi al
ripristino degli edifici e dei beni mobili privati distrutti o
danneggiati dalla catastrofe nonche’ alla complessiva risistemazione
dell’area coinvolta dagli eventi, con relativo crono programma ovvero
alla modifica ed integrazione del piano gia’ adottato ai sensi
dell’art. 1, comma 1, lettera c), dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3815 del 10 ottobre 2009;
d) all’individuazione di comuni interessati dai gravi dissesti
idrogeologici;
e) all’espletamento di tutte le altre attivita’ strettamente
connesse al superamento del contesto emergenziale.
5. Ai fini della predisposizione del piano di cui alla lettera c)
del comma 4 relativo agli edifici privati, il commissario delegato
definisce:
a) le condizioni per il ripristino e/o ricostruzione ovvero la
delocalizzazione degli immobili in base alle prescrizioni normative
vigenti, all’economicita’ dell’intervento da porre in essere ed alle
esigenze derivanti dal mantenimento della coerenza edilizia
complessiva dell’area colpita dagli eventi, purche’ in regola con la
vigente normativa edilizia;
b) il fabbisogno delle risorse finanziarie occorrenti per la
concessione di contributi in favore della popolazione le cui unita’
immobiliari siano state distrutte o danneggiate dagli eventi.
6. Gli interventi previsti dal piano devono comprendere anche le
opere necessarie a rimuovere i rischi ed a prevenire il ripetersi di
danni per la popolazione e le infrastrutture, in concomitanza di
eventi analoghi a quelli verificatisi, nonche’ le piu’ urgenti
indagini e attivita’ progettuali per avviare il riassetto
idrogeologico delle aree interessate.
7. Il commissario delegato, per le attivita’ di cui alla presente
ordinanza si avvale degli uffici regionali, nonche’ della
collaborazione degli enti pubblici anche locali e delle
amministrazioni periferiche dello Stato nonche’ del supporto del
Dipartimento della protezione civile ai sensi dell’art. 8
dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3825 del
27 novembre 2009.
8. Il commissario delegato assicura, altresi’, la gestione unitaria
delle iniziative previste dalla presente ordinanza con quelle di cui
all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3815 del
10 ottobre 2009 e successive modificazioni ed integrazioni, anche
rimodulando la pianificazione degli interventi.
9. Per l’attuazione degli interventi di cui alla presente
ordinanza, il commissario delegato provvede con i poteri di cui agli
articoli 2, 5, 8 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3815 del 10 ottobre 2009 e successive modificazioni ed
integrazioni e di cui agli articoli 1 e 3 dell’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009.
10. Al fine di porre in essere i necessari interventi di ripristino
e messa in sicurezza della viabilita’ di competenza dell’ANAS, il
commissario delegato puo’ nominare il predetto ente soggetto
attuatore che provvede con i poteri di cui alla presente ordinanza.
L’ANAS S.p.A. provvede anche pianificando interventi prioritari ed
urgenti nell’ambito della pianificazione triennale di competenza.

Art. 2

1. Per garantire il necessario supporto tecnico-amministrativo alle
attivita’ che il commissario delegato dovra’ svolgere per il
superamento dell’emergenza, il medesimo e’ autorizzato ad avvalersi
del personale gia’ individuato ai sensi dell’art. 4, commi 6, 10 e
11, dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3825
del 27 novembre 2009. Al personale utilizzato dal commissario
delegato si applicano gli istituti contrattuali vigenti
nell’amministrazione di provenienza. Restano a carico della gestione
del commissario delegato le indennita’ accessorie e variabili nella
misura prevista dal Contratto collettivo regionale di lavoro per i
dipendenti della amministrazione Regionale siciliana.
2. Il trattamento economico complessivo dei dipendenti militari e
civili appartenenti alla pubblica amministrazione posto in posizione
di comando o di distacco ai sensi dell’art. 4, comma 6,
dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3825 del
27 novembre 2009, resta a carico delle amministrazioni di
provenienza, fermo restando l’obbligo del commissario delegato di
rimborsare per il personale dirigenziale, la retribuzione di
posizione e la retribuzione di risultato determinata in sede di
stipula del contratto individuale con il commissario stesso e
comunicati alla competente amministrazione.
3. Il commissario delegato provvede ad effettuare i rimborsi dovuti
alle organizzazioni di volontariato di protezione civile impiegate in
occasione degli eventi citati in premessa, nonche’ al rimborso degli
oneri sostenuti dai datori di lavoro dei volontari ed ai volontari
stessi che svolgono lavoro autonomo. Il rimborso e’ effettuato ai
sensi del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 2001, n.
194, sulla base di un riscontro dei costi effettivamente sostenuti.
4. Il commissario delegato, sulla base delle risorse disponibili,
puo’ rimborsare le spese sostenute dal Corpo nazionale dei Vigili del
fuoco per i servizi di soccorso tecnico urgente svolti nel territorio
della provincia di Messina, debitamente documentate.

Art. 3

1. Nell’ambito delle iniziative da porre in essere nell’area del
territorio Nebroideo ad elevato rischio sismico ed idrogeologico,
finalizzate ad assicurare un supporto logistico da destinare alle
attivita’ di soccorso alla popolazione e per la prevenzione dei
rischi, il sindaco del comune di Tortorici in provincia di Messina,
provvede, d’intesa con il commissario delegato e con il Dipartimento
della protezione civile, alla realizzazione, nel medesimo comune in
contrada Sciara, di un elisuperficie abilitata al volo notturno.
2. Agli oneri derivanti dal comma 1 quantificati in euro 170.000,00
si provvede a valere sulle risorse stanziate dall’art. 4.

Art. 4

1. Per fronteggiare gli interventi derivanti dagli articoli 1, 2 e
3 e’ stanziata la somma di 15.000.000 euro a carico del Fondo della
protezione civile.
2. Il commissario delegato e’ altresi’ autorizzato ad utilizzare le
eventuali risorse finanziarie di competenza regionale, fondi
comunitari, nazionali, regionali e locali, comunque assegnati o
destinati per le finalita’ di cui alla presente ordinanza.
3. Per l’utilizzo delle risorse di cui alla presente ordinanza e’
autorizzata l’apertura di una apposita contabilita’ speciale
intestata al commissario delegato.
4. Il commissario delegato e’ tenuto a rendicontare le entrate e le
spese sostenute ai sensi dell’art. 5, comma 5-bis, della legge 24
febbraio 1992, n. 225.

Art. 5

1. Dopo il comma 4 dell’art. 2 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3815 del 10 ottobre 2009 sono aggiunti i
seguenti commi:
«5. Fermo restando quanto disposto dal comma 6, l’approvazione dei
progetti da parte del soggetto attuatore per la gestione
organizzativa-funzionale, sostituisce, ad ogni effetto, visti,
pareri, autorizzazioni e concessioni di competenza di organi statali,
regionali, provinciali e comunali. Costituisce, ove occorra, variante
allo strumento urbanistico generale, nonche’ ai piani ed ai programmi
di settore. Costituisce vincolo per l’esproprio e comporta
dichiarazione di pubblica utilita’, urgenza ed indifferibilita’ dei
lavori, in deroga all’art. 98, comma 2, del decreto legislativo 12
aprile 2006, n. 163, salva l’applicazione dell’art. 11 del decreto
del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 e successive
modifiche ed integrazioni. Cio’ anche prima dell’espletamento delle
procedure espropriative che si svolgeranno con i termini di legge
ridotti della meta’.
6. Per i progetti relativi ad interventi e opere per i quali e’
prevista dalla normativa vigente la procedura di Valutazione di
impatto ambientale (VIA) statale o regionale, ovvero per progetti
relativi ad opere incidenti su beni sottoposti a tutela ai sensi del
decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, la procedura medesima
deve essere conclusa entro il termine di trenta giorni
dall’attivazione. In caso di mancata espressione del parere o di
motivato dissenso espresso, alla valutazione stessa si procede in
un’apposita Conferenza dei servizi da concludersi entro quindici
giorni dalla convocazione. Nei casi di mancata espressione del parere
o di motivato dissenso espresso dalle amministrazioni preposte alla
tutela ambientale, paesaggistico-territoriale o del patrimonio
storico-artistico, in ordine a progetti di interventi ed opere di
competenza statale in sede di Conferenza dei servizi, la decisione e’
rimessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, in deroga alla
procedura prevista dall’art. 14-quater della legge 7 agosto 1990, n.
241 e successive modificazioni ed integrazioni, i cui termini sono
ridotti della meta’. Qualora la mancata espressione del parere,
ovvero il dissenso, siano riferiti a progetti di interventi od opera
di competenza regionale, la decisione e’ rimessa alla giunta della
regione Sicilia, che si esprime inderogabilmente entro trenta giorni
dalla richiesta del commissario delegato».
2. All’art. 1, comma 1, lettera a), dell’ordinanza del Presidente
del Consiglio dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009 le parole:
«Il contributo e’ erogato fino alla sistemazione dell’attivita’ in
altri locali e in ogni caso per non oltre 12 mesi» sono sostituite
con le seguenti parole: «Il contributo e’ erogato fino al ritorno
alle normali condizioni di vita delle comunita’ e in ogni caso per
non oltre 12 mesi».
3. Dopo il comma 4 dell’art. 2 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009 sono aggiunti i
seguenti commi:
«5. Il commissario delegato e’ autorizzato a rimborsare le spese
sostenute dai familiari delle vittime, nel limite massimo di euro
1600, a seguito dell’evento calamitoso per le esequie dei propri
congiunti che non hanno fruito dei funerali di Stato.
6. Al fine di soddisfare le maggiori esigenze derivanti dalla
situazione emergenziale di cui alla presente ordinanza e per
consentire il necessario supporto al soggetto attuatore, nei limiti
di vigenza della stessa, il commissario delegato e’ autorizzato a
stipulare un contratto di consulenza per lo svolgimento di attivita’
specialistica e supporto tecnico-giuridico-contabile avvalendosi
delle deroghe previste dall’ordinanza.
7. Per consentire con la massima urgenza la rimozione e lo
smaltimento dei veicoli distrutti in conseguenza degli eventi
calamitosi del 1° ottobre 2009, gia’ censiti dall’Automobile club di
Messina, il commissario delegato e’ autorizzato a stipulare
un’apposita convenzione con il medesimo ente, con oneri posti a
carico dell’art. 4 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3815 del 10 ottobre 2009 e successive modificazioni ed
integrazioni che preveda:
a) che i veicoli censiti, per i quali non e’ stata rilasciata dai
proprietari, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione della
presente ordinanza, espressa volonta’ al rientro in possesso, saranno
considerati “veicoli abbandonati” ai sensi e per gli effetti del
regolamento del Ministero dell’interno del 22 ottobre 1999, n. 460;
b) che all’Automobile club di Messina e’ attribuita per i veicoli
censiti anche se mancanti di parte o tutta la documentazione, come
targhe, carta di circolazione e certificato di proprieta’, la
competenza per la presentazione della formalita’ di richiesta di
radiazione ai pubblici registri – Ufficio PRA e Motorizzazione civile
– sulla base di un elenco analitico predisposto a seguito del
censimento;
c) che l’annotazione della radiazione avra’ efficacia dal 1°
ottobre 2009;
d) che nell’ambito della convenzione di cui al presente articolo,
il soggetto attuatore provvede alla rimozione ed allo smaltimento dei
veicoli di cui alla lettera a), nonche’ al rimborso delle spese gia’
sostenute dai soggetti che hanno provveduto autonomamente alla
rimozione, allo smaltimento ed alla radiazione dei veicoli di
proprieta’ distrutti in conseguenza degli eventi calamitosi, nel
limite massimo di 250 euro».

Art. 6

1. Al fine di fronteggiare adeguatamente la grave situazione
determinatasi in conseguenza del movimento franoso attivatosi nel
comune di Caronia nei primi giorni di marzo del 2010, nonche’
l’emergenza correlata alle eccezionali avversita’ atmosferiche
verificatesi il 9 e 10 marzo 2010 nelle frazioni Mili, Santa
Margherita e Santo Stefano del comune di Messina e tenuto conto del
nesso di causalita’ e di continuita’ con i gravi dissesti
idrogeologici che hanno interessato il territorio degli altri comuni
della provincia di Messina nei giorni dall’11 al 17 febbraio 2010, il
presidente della Regione siciliana – commissario delegato provvede al
soccorso delle popolazioni interessate con i poteri di cui alla
presente ordinanza nonche’ con i poteri di cui agli articoli 2, 3, 5,
8 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3815
del 10 ottobre 2009 e successive modificazioni ed integrazioni e di
cui agli articoli 1 e 3 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009.

Art. 7

1. Al comma 1 dell’art. 3 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009 sono soppresse le
parole «distrutte» e «distrutta».
2. Dopo il comma 2 dell’art. 3 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3825 del 27 novembre 2009 e’ aggiunto il
seguente comma:
«3. Ai proprietari di unita’ immobiliare adibita ad abitazione
considerata principale ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre
1992, n. 504, alla data dell’evento calamitoso, distrutta e’
corrisposto un contributo per la ricostruzione o la delocalizzazione,
fino al 70% del valore, determinato tramite perizia giurata, e,
comunque, non superiore ad euro 150.000,00. In caso di acquisto o
ricostruzione nell’ambito del territorio comunale viene riconosciuta
un’ulteriore maggiorazione pari al 30% del contributo riconosciuto.
E’ altresi’ concesso ai proprietari di unita’ immobiliare distrutta
non destinata a prima abitazione, nel limite di una sola unita’
immobiliare, un contributo per la ricostruzione o la
delocalizzazione, fino al 50% del valore determinato tramite perizia
giurata e, comunque, non superiore ad euro 100.000,00. I lavori di
ricostruzione, non possono comportare il mutamento della destinazione
d’uso dell’unita’ immobiliare ne’ modifiche alla configurazione,
all’estetica ed ai parametri edilizi dell’edificio originario. Sono
esclusi dal contributo gli immobili o le porzioni d’immobile
costruiti in violazione delle norme urbanistiche ed edilizie, o di
tutela paesaggistico-ambientale, senza che sia intervenuta sanatoria
ai sensi della legge 28 febbraio 1985, n. 47 e successive
modificazioni ed integrazioni. In caso di delocalizzazione, il
contributo e’ concesso contestualmente alla cessione del diritto di
proprieta’ sull’unita’ abitativa in favore del comune di ubicazione
della stessa».

Art. 8

1. In ragione del grave disagio socio economico derivante dagli
eventi calamitosi che hanno colpito il territorio della provincia di
Messina nei giorni dall’11 al 17 febbraio 2010 e di cui al decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 febbraio 2010, i
datori di lavoro privati, i lavoratori autonomi – artigiani,
commercianti, anche del settore agricolo ed i liberi professionisti e
committenti tenuti al versamento dei contributi alla gestione
separata di cui all’art. 2, comma 26, della legge n. 335/1995, che
alla data dell’evento esercitavano attivita’ di impresa o
professionale in immobili dichiarati inagibili nei comuni di San
Fratello, Caronia, Sant’Angelo di Brolo e Raccuja, possono sospendere
gli adempimenti ed i versamenti dei contributi previdenziali ed
assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli
infortuni e le malattie professionali, ivi compresa la quota a carico
dei lavoratori dipendenti, nonche’ di quelli con contratto di lavoro
collaborazione coordinata e continuativa in scadenza dall’11 febbraio
2010 al 30 settembre 2010.
2. Nei confronti dei soggetti di cui al comma 1 sono altresi’
sospesi i termini di prescrizione, decadenza e quelli perentori,
legali e convenzionali, sostanziali e processuali, anche
previdenziali, comportanti prescrizioni e decadenze da qualsiasi
diritto, azione ed eccezione, nonche’ i termini relativi ai
procedimenti di riscossione coattiva.
3. La riscossione dei contributi previdenziali ed assistenziali e
dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le
malattie professionali, non versate per effetto della sospensione di
cui al comma 1, avviene, senza applicazione di oneri accessori,
mediante 24 rate mensili a decorrere dal mese di ottobre 2010.
4 Non si fa luogo al rimborso di quanto gia’ versato.
5. In ragione del grave disagio socio economico derivante dagli
eventi alluvionali che hanno colpito i soggetti residenti nei comuni
di cui al comma 1, detti eventi costituiscono causa di forza maggiore
a tutti gli effetti contrattuali, in relazione alla possibilita’ di
rinegoziazione dei mutui contratti dalla popolazione con gli istituti
di credito e bancari attesi i gravi ed imprevedibili eventi di forza
maggiore verificatisi nella medesima provincia. In ogni caso
rimangono sospese fino al 31 ottobre 2010 le rate in scadenza entro
la predetta data.

Art. 9

1. Per il proseguimento delle iniziative di somma urgenza da porre
in essere per consentire il ritorno alle condizioni di normalita’ a
seguito delle eccezionali avversita’ atmosferiche verificatesi il 1°
ottobre 2009 nel territorio della provincia di Messina, la Regione
siciliana e’ autorizzata ad utilizzare, in deroga alle procedure per
la realizzazione degli interventi previsti nel PAR-FAS 2007-2013,
approvato con delibera della giunta regionale 12 agosto 2009, n. 315,
e di cui il CIPE ha preso atto con delibera n. 66 del 31 luglio 2009,
euro 45.000.000,00 a valere sulle risorse della linea d’azione 7.2 –
«Altri progetti di interesse regionale».
2. Per le medesime finalita’ di cui al comma 1 e’ stanziata in
favore del commissario delegato – presidente della Regione siciliana
la somma di euro 10.000.000,00 a valere sulle risorse di cui all’art.
2, comma 242, della legge 23 dicembre 2009, n. 191.

Art. 10

1. Alla cessazione dello stato d’emergenza i beni e le attrezzature
acquisiti per l’attuazione di quanto previsto dall’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3815 del 10 ottobre 2009 e
successive modificazioni ed integrazioni sono trasferite alla Regione
siciliana che subentra altresi’ in tutti i rapporti attivi e passivi
ancora in atto a tale data.
La presente ordinanza sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, 15 aprile 2010

Il Presidente: Berlusconi

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 aprile 2010

Architetto.info