PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE | Architetto.info

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE - ORDINANZA 28 marzo 2002: Ulteriori disposizioni di protezione civile per il proseguimento degli interventi di superamento dell'emergenza nelle regioni colpite dagli eventi alluvionali dell'autunno 2000. Riparto dei fondi. (Ordinanza n. 3191). (GU n. 79 del 4-4-2002)

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

ORDINANZA 28 marzo 2002

Ulteriori disposizioni di protezione civile per il proseguimento
degli interventi di superamento dell’emergenza nelle regioni colpite
dagli eventi alluvionali dell’autunno 2000. Riparto dei fondi.
(Ordinanza n. 3191).

IL MINISTRO DELL’INTERNO
delegato per il coordinamento
della protezione civile
Visto l’art. 5, comma 2 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, in data
21 settembre 2001, che delega le funzioni del coordinamento della
protezione civile, di cui alla legge 24 febbraio 1992, n. 225, al
Ministro dell’interno;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21
dicembre 2001 con il quale e’ stata disposta la proroga dello stato
di emergenza in ordine a situazioni emergenziali derivanti dagli
eventi alluvionali verificatisi nel corso dei mesi di ottobre e
novembre 2000 che hanno interessato i territori delle regioni
Piemonte, Emilia-Romagna, Lombardia, Liguria, Friuli-Venezia Giulia,
Toscana e delle province autonome di Trento e di Bolzano;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14
gennaio 2002 con il quale e’ stata disposta la proroga dello stato di
emergenza in ordine a situazioni emergenziali derivanti dagli eventi
alluvionali verificatisi nel corso dei mesi di ottobre e novembre
2000 che hanno interessato i territori delle regioni Veneto e Valle
d’Aosta;
Vista l’ordinanza del Ministro dell’interno delegato al
coordinamento della protezione civile n. 3135 del 10 maggio 2001,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 116
del 21 maggio 2001, recante disposizioni per il proseguimento degli
interventi di superamento dell’emergenza nelle regioni colpite dagli
eventi alluvionali dell’autunno 2000;
Visto l’art. 2, commi 1 e 2 della predetta ordinanza che prevede
la ripartizione per gli anni 2002 e 2003 delle somme assegnate alle
regioni e alle province autonome con l’art. 1, comma 1, della
medesima ordinanza;
Tenuto conto che la tabella F allegata alla legge 28 dicembre 2001,
n. 448, ha rimodulato per gli anni 2002, 2003 e 2004 gli stanziamenti
originariamente previsti dalla tabella F allegata alla legge 23
dicembre 2000, n. 388, per gli anni 2002 e 2003, a titolo di
reintegro del Fondo per la protezione civile;
Tenuto conto altresi che per effetto di tale rimodulazione gli
stanziamenti per gli anni 2002, 2003 e 2004 sono quantificati
rispettivamente, in euro 165.266.207,71, euro 103.291.379,82 e euro
216.911.897,62, senza alcuna variazione rispetto all’assegnazione
complessiva prevista dall’art. 1, comma 1, della sopra citata
ordinanza n. 3135 del 10 maggio 2001;
Considerato che occorre procedere ad un nuovo riparto dei fondi
assegnati alle regioni e alle province autonome con l’art. 2, commi 1
e 2 della predetta ordinanza n. 3135 ridefinendo le suddette
assegnazioni in misura proporzionale alla rimodulazione di cui sopra;
Tenuto conto inoltre che, per tale mera rimodulazione, conseguente
al predetto disposto legislativo ed effettuate sulla base di criteri
oggettivi, predeterminati e senza alcuna discrezionalita’ in merito,
non ricorrono le condizioni per acquisire l’intesa ex art. 107 del
decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile;
Dispone:
Art. 1.
1. I commi 1 e 2 dell’art. 2 dell’ordinanza n. 3135 del 10 maggio
2001 sono cosi’ sostituiti:
“1. All’onere derivante dall’applicazione dell’art. 1, comma 1,
dell’ordinanza n. 3135 del 10 maggio 2001 (pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 116 del 21 maggio 2001) si
provvede con la disponibilita’ di cui all’unita’ previsionale di base
n. 13.2.1.3 (capitolo 974 – Fondo per la protezione civile) del
bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri per gli
anni 2002, 2003 e 2004, secondo la seguente ripartizione: regione
autonoma Valle d’Aosta: euro 7.032.604,58 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2002, euro 4.395.377,86 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2003, euro 9.230.293,52 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2004; regione Piemonte: euro 66.809.743,54
a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2002, euro 41.756.089,71 a
valere sulle disponibilita’ per l’anno 2003, euro 87.687.788,40 a
valere sulle disponibilita’ per l’anno 2004; regione Liguria: euro
24.614.116,04 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2002, euro
15.383.822,53 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2003, euro
32.306.027,30 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2004; regione
Lombardia: euro 5.274.453,44 a valere sulle disponibilita’ per l’anno
2002, euro 3.296.533,40 a valere sulle disponibilita’ per l’anno
2003, euro 6.922.720,14 a valere sulle disponibilita’ per l’anno
2004; regione Emilia-Romagna: euro 20.570.368,41 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2002, euro 12.856.480,25 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2003, euro 26.998.608,53 a valere sulle
di-sponibilita’ per l’anno 2004; regione Toscana: euro 20.218.738,18
a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2002, euro 12.636.711,36 a
valere sulle disponibilita’ per l’anno 2003, euro 26.537.093,86 a
valere sulle disponibilita’ per l’anno 2004; regione Veneto: euro
5.801.898,78 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2002, euro
3.626.186,74 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2003, euro
7.614.992,15 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2004; regione
autonoma Friuli-Venezia Giulia: euro 5.801.898,78 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2002, euro 3.626.186,74 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2003, euro 7.614.992,15 a valere sulle
disponibilita’ per l’anno 2004; provincia autonoma di Trento: euro
3.867.932,52 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2002, euro
2.417.457,83 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2003, euro
5.076.661,43 a valere sulle disponibilita’ per l’anno 2004; provincia
autonoma di Bolzano: euro 5.274.453,44 a valere sulle disponibilita’
per l’anno 2002, euro 3.296.533,40 a valere sulle disponibilita’ per
l’anno 2003, euro 6.922.720,14 a valere sulle disponibilita’ per
l’anno 2004.
2. Le regioni e le province autonome di cui al com-ma 1, prima
degli esercizi finanziari 2002, 2003 e 2004, possono anticipare le
somme equivalenti allo scopo di provvedere ad eventuali erogazioni
che si rendesse necessario disporre in favore dei soggetti attuatori
degli interventi.”.
La presente ordinanza sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 28 marzo 2002
Il Ministro: Scajola

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Architetto.info