Regolamento recante norme per la ripartizione del fondo di cui al comma 1 dell'articolo 18 della legge n. 109/1994 | Architetto.info

Regolamento recante norme per la ripartizione del fondo di cui al comma 1 dell’articolo 18 della legge n. 109/1994

Regolamento recante norme per la ripartizione del fondo di cui al comma 1 dell'articolo 18 della legge n. 109/1994 e successive modifiche ed integrazioni.

IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Visto l’articolo 18, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109,
nel testo modificato dall’articolo 6, comma 13, della legge 15
maggio 1997, n. 127, concernente il fondo destinato a retribuire il
personale degli uffici tecnici incaricato della progettazione;

Visto il regolamento recante norme per la ripartizione del fondo di
cui al comma 1 dell’articolo 18 della legge richiamata n. 109/1994
e successive modificazioni ed integrazioni, adottato dal Ministro
dei lavori pubblici con decreto ministeriale 7 aprile 1998, n. 320,
registrato alla Corte dei conti il 27 aprile 1998, registro n. 1,
foglio n. 137 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 206 del 4
settembre 1998;

Visto l’articolo 13, comma 4, punto 1, della legge 17 maggio 1999,
n. 144, che introduce ulteriori modifiche al predetto articolo 18,
comma 1, 1-bis della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive
modifiche ed integrazioni consentendo l’elevazione della quota
percentuale fino al limite massimo dell’1,5%, individuando, tra
l’altro, i soggetti destinatari di tale forma di incentivazione
nonche’ rimettendo alla contrattazione decentrata l’individuazione
delle modalita’ e dei criteri di ripartizione del fondo in parola;

Ravvisata la necessita’ di emanare un nuovo regolamento, in
sostituzione di quello gia’ adottato con il decreto ministeriale 7
aprile 1998, n. 320, sopracitato;

Visto il verbale dell’accordo raggiunto il giorno 22 giugno 1999 in
sede di contrattazione decentrata di Amministrazione con il quale
sono stati stabiliti le modalita’ ed i criteri di ripartizione del
predetto fondo;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l’art. 17, comma 25, della legge 15 maggio 1997, n. 127;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell’adunanza
della sezione consultiva per gli atti normativi del 20 settembre
1999;

Vista la comunicazione effettuata in data 30 settembre 1999 alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri, ai sensi dell’articolo 17,
comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

A d o t t a
il seguente regolamento:

Art. 1.
Il fondo di cui al comma 1, dell’articolo 18 della legge 11
febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni,
inerente la progettazione dei lavori, e’ riferito alla sola
progettazione esecutiva e, comunque, ai soli lavori effettivamente
appaltati, compresa l’eventuale redazione di perizie di variante e
suppletive.
Il personale destinatario del compenso e’ individuato dall’articolo
13, comma 4, punto 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144, tra il
responsabile unico del procedimento, gli incaricati della redazione
del progetto, del piano della sicurezza, della direzione dei lavori
e del collaudo, nonche’ tra i loro collaboratori.
La percentuale effettiva, nel limite massimo dell’1,5%, e’
stabilita dal presente regolamento in base a delle classi di
importo ed e’ incrementabile, per talune di esse in rapporto
all’entita’ ed alla complessita’ dell’opera da realizzare.

Art. 2.
La ripartizione del fondo e’ operata dal dirigente dell’ufficio
attuatore dell’intervento, previa individuazione in sede di
contrattazione decentrata di secondo livello, delle percentuali
definitive, oscillanti tra le quote minime e massime stabilite dal
presente regolamento e tenuto conto delle responsabilita’
personali, del carico di lavoro dei soggetti aventi diritto,
nonche’ della complessita’ dell’opera.

Art. 3.
Per progetti di importo fino a euro 154.937,07 (pari a L.
300.000.000) il fondo e’ attribuito in ragione dell’1,5%, secondo
la seguente ripartizione:
1) responsabile unico del procedimento, dall’1% al 5%;
2) tecnici che hanno redatto il progetto (tecnici che nell’ambito
delle competenze professionali connesse al proprio profilo
professionale assumono la responsabilita’ della progettazione
firmando i relativi elaborati);
tecnici incaricati della redazione del piano della sicurezza;
incaricati della direzione lavori, dal 55% al 74%;
3) collaboratori (tecnici che redigono elaborati di tipo
descrittivo facenti parte del progetto, su disposizione dei tecnici
di cui al precedente punto 2) e che, firmandoli assumono, la
responsabilita’ dell’esattezza delle rilevazioni, misurazioni, dati
grafici, nell’ambto delle competenze del proprio profilo
professionale), dal 20% al 39%;
4) altri componenti dell’ufficio tecnico che hanno contribuito al
progetto pur non sottoscrivendone gli elaborati dal 5% al 10%.

Art. 4.
Per progetti di importo compreso tra euro 154.937,07 (pari a L.
300.000.000) e euro 774.685,35 (pari a L 1.500.000.000) il fondo e’
attribuito in ragione dell’1,4%, secondo la seguente ripartizione:
1) responsabile unico del procedimento, dall’1% al 5%;
2) tecnici che hanno redatto il progetto (tecnici che nell’ambito
delle competenze professionali connesse al proprio profilo
professionale assumono la responsabilita’ della progettazione
firmando i relativi elaborati);
tecnici incaricati della redazione del piano della sicurezza;
incaricati della direzione lavori e del collaudo, dal 55% al 74%;
3) collaboratori (tecnici che redigono elaborati di tipo
descrittivo facenti parte del progetto, su disposizione dei tecnici
di cui al precedente punto 2) e che, firmandoli assumono la
responsabilita’ dell’esattezza delle rilevazioni, misurazioni, dati
grafici, nell’ambito delle competenze del proprio profilo
professionale), dal 20% al 39%;
4) altri componenti dell’ufficio tecnico che hanno contribuito al
progetto pur non sottoscrivendone gli elaborati, dal 5% al 10%.

Art. 5.
Per progetti di importo compreso tra euro 774.685,35 (pari a L.
1.500.000.000) e euro 4.999.302,79 (pari a L. 9.680.000.000) il
fondo e’ attribuito in ragione dell’1,2%, secondo la seguente
ripartizione:
1) responsabile unico del procedimento, dall’1% al 5%;
2) tecnici che hanno redatto il progetto (tecnici che nell’ambito
delle competenze professionali connesse al proprio profilo
professionale assumono la responsabilita’ della progettazione
firmando i relativi elaborati);
tecnici incaricati della redazione del piano della sicurezza;
incaricati della direzione lavori e del collaudo, dal 55% al 74%;
3) collaboratori (tecnici che redigono elaborati di tipo
descrittivo facenti parte del progetto, su disposizione dei tecnici
di cui al precedente punto 2) e che, firmandoli assumono la
responsabilita’ dell’esattezza delle rilevazioni, misurazioni, dati
grafici, nell’ambito delle competenze del proprio profilo
professionale) dal 20% al 39%;
4) altri componenti dell’ufficio tecnico che hanno contribuito al
progetto pur non sottoscrivendone gli elaborati dal 5% al 10%.

Art. 6.
Per progetti di importo compreso tra euro 4.999.302,79 (pari a L.
9.680.000.000) e euro 24.996.513,92 (pari a L. 48.400.000.000) il
fondo e’ attribuito in ragione dell’1,1%, secondo la seguente
ripartizione:
1) responsabile unico del procedimento, dall’1% al 5%;
2) tecnici che hanno redatto il progetto (tecnici che nell’ambito
delle competenze professionali connesse al proprio profilo
professionale assumono la responsabilita’ della progettazione
firmando i relativi elaborati);
tecnici incaricati della redazione del piano della sicurezza;
incaricati della direzione lavori e del collaudo, dal 55% al 74%;
3) collaboratori (tecnici che redigono elaborati di tipo
descrittivo facenti parte del progetto, su disposizione dei tecnici
di cui al precedente punto 2) e che, fir-mandoli assumono la
responsabilita’ dell’esattezza delle rilevazioni, misurazioni, dati
grafici, nell’ambito delle competenze del proprio profilo
professionale), dal 20% al 39%;
4) altri componenti dell’ufficio tecnico che hanno contribuito al
progetto pur non sottoscrivendone gli elaborati, dal 5% al 10%.

Art. 7.
Per progetti di importo superiore a euro 24.996.513,92 (pari a L.
48.400.000.000) il fondo e’ attribuito in ragione dell’1,0%,
secondo la seguente ripartizione:
1) responsabile unico del procedimento, dall’1% al 5%;
2) tecnici che hanno redatto il progetto (tecnici che nell’ambito
delle competenze professionali connesse al proprio profilo
professionale assumono la responsabilita’ della progettazione
firmando i relativi elaborati);
tecnici incaricati della redazione del piano della sicurezza;
incaricati della direzione lavori e del collaudo, dal 55% al 74%;
3) collaboratori (tecnici che redigono elaborati di tipo
descrittivo facenti parte del progetto, su disposizione dei tecnici
di cui al precedente punto 2) e che, firmandoli assumono la
responsabilita’ dell’esattezza delle rilevazioni, misurazioni, dati
grafici, nell’ambito delle competenze del proprio profilo
professionale), dal 20% al 39%;
4) altri componenti dell’ufficio tecnico che hanno contribuito al
progetto pur non sottoscrivendone gli elaborati, dal 5% al 10%.

Art. 8.
Per progetti i cui importi sono indicati negli articoli 5, 6 e 7
del presente regolamento e’ possibile attribuire una maggiorazione
fino ad un massimo dell’1,5%, qualora si ravvisi una delle cause di
complessita’ di seguito indicate:
a) multidisciplinarita’ del progetto: ipotesi in cui alla redazione
del progetto hanno concorso molteplici specializzazioni e se quindi
lo stesso e’ costituito da piu’ sottoprogetti specialistici
(impianti – strutture – studi – prove);
b) accertamenti e indagini: ipotesi di ristrutturazione,
adeguamento e completamento e in generale se gli studi preliminari
del progetto eccedono quelli normalmente richiesti, o vi siano
state difficolta’ operative e logistiche nel corso delle indagini
preliminari e degli accertamenti sopralluogo;
c) soluzioni tecnico-progettuali: ipotesi di ad…

[Continua nel file zip allegato]

Regolamento recante norme per la ripartizione del fondo di cui al comma 1 dell’articolo 18 della legge n. 109/1994

Architetto.info