Rettifiche all'allegato n. 2 al decreto ministeriale 21 dicembre 2000 | Architetto.info

Rettifiche all’allegato n. 2 al decreto ministeriale 21 dicembre 2000

Rettifiche all'allegato n. 2 al decreto ministeriale 21 dicembre 2000 recante approvazione delle proposte formulate dalle regioni Abruzzo, Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto e dalle province autonome di Trento e Bolzano ai sensi del decreto ministeriale 3 luglio 2000, concernente il testo unico delle direttive per la concessione e l'erogazione delle agevolazioni alle attivita' produttive nelle aree depresse di cui alla legge n. 488/1992, riferite alle domande presentate per il bando del 2000 del settore industria.

IL MINISTRO DELL’INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL’ARTIGIANATO

Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, in materia di
disciplina dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno;

Visto l’art. 5, comma 1 del decreto legislativo 3 aprile 1993, n.
96, che attribuisce al Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato la competenza in materia di adempimenti tecnici,
amministrativi e di controllo per la concessione delle agevolazioni
alle attivita’ produttive;

Visto il decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527, concernente
le modalita’ e le procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni in favore delle attivita’ produttive nelle aree
depresse del Paese di cui alla citata legge n. 488/1992, gia’
modificato e integrato dal decreto ministeriale 31 luglio 1997, n.
3l9 e, da ultimo, modificato e integrato dal decreto ministeriale 9
marzo 2000, n. 133;

Visto il decreto ministeriale 3 luglio 2000, concernente il testo
unico delle direttive per la concessione e l’erogazione delle
agevolazioni alle attivita’ produttive nelle aree depresse ai sensi
della predetta legge n. 488/1992, che prevede, in particolare, una
rilevante partecipazione delle regioni nella programmazione ed
assegnazione delle risorse finanziarie e nel procedimento di
formazione delle graduatorie;

Visto, il decreto ministeriale del 21 dicembre 2000, pubblicato nel
supplemento ordinario n. 8 alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 13 del 17 gennaio 2001, con il quale, viste le proposte
avanzate dalle regioni Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia
Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte,
Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e dalle province autonome di
Trento e Bolzano ai fini della formazione delle graduatorie del
2000 della legge n. 488/1992 per il “settore industria” e le
successive determinazioni concordate con le regioni e le province
autonome medesime in merito alla valutazione della compatibilita’
delle proposte stesse con lo sviluppo complessivo di tutte le aree
interessate e con le disposizioni del decreto ministeriale n.
527/1995 e successive modifiche ed integrazioni, sono state
approvate le priorita’ di cui all’art. 6-bis di quest’ultimo
decreto;

Vista la nota del 30 gennaio 2001 della direzione industria-settore
promozione e sviluppo delle P.M.I. della regione Piemonte, con la
quale viene comunicato che, a seguito di un mero errore materiale,
nell’elenco dei comuni piemontesi indicati ai fini
dell’attribuzione del punteggio per l’indicatore regionale della
graduatoria ordinaria, recepito nel citato decreto ministeriale del
21 dicembre 2000, non sono stati indicati, rispetto alla totalita’
delle aree ammissibili della regione Piemonte, solo quelli
ricompresi nell’ob. 2 (per il periodo 2000-2006) della provincia di
Vercelli e viene richiesta la conseguente rettifica;

Ritenuto necessario pertanto apportare le conseguenti rettifiche al
decreto ministeriale 21 dicembre 2000;

Decreta:

Articolo unico

Nell’allegato n. 2 al decreto ministeriale del 21 dicembre 2000,
pubblicato nel supplemento ordinario n. 8 alla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana n. 13 del 17 gennaio 2001, l’elenco dei
comuni della graduatoria ordinaria della regione Piemonte
denominato “Piemonte” deve intendersi integralmente sostituito, a
causa di un mero errore materiale, dalla dizione “Tutte le aree
ammissibili della regione”.

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

Roma, 9 febbraio 2001

Il Ministro: Letta

Rettifiche all’allegato n. 2 al decreto ministeriale 21 dicembre 2000

Architetto.info