TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE - Testo del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 128 del 3 giugno 2008), coordinato con la legge di conversione 2 agosto 2008, n. 129 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 4), recante: «Disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonche' in materia fiscale e di proroga di termini». (GU n. 180 del 2-8-2008 | Architetto.info

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE – Testo del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 128 del 3 giugno 2008), coordinato con la legge di conversione 2 agosto 2008, n. 129 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 4), recante: «Disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonche’ in materia fiscale e di proroga di termini». (GU n. 180 del 2-8-2008

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE - Testo del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 128 del 3 giugno 2008), coordinato con la legge di conversione 2 agosto 2008, n. 129 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 4), recante: «Disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonche' in materia fiscale e di proroga di termini». (GU n. 180 del 2-8-2008 )

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

Testo del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97 (in Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 128 del 3 giugno 2008), coordinato con la legge
di conversione 2 agosto 2008, n. 129 (in questa stessa Gazzetta
Ufficiale alla pag. 4), recante: «Disposizioni urgenti in materia di
monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa
pubblica, nonche’ in materia fiscale e di proroga di termini».

Avvertenza:

Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal
Ministero della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1,
del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione
delle leggi, sull’emanazione dei decreti del Presidente
della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della
Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985,
n. 1092, nonche’ dell’art. 10, comma 2 e 3, del medesimo
testo unico, al solo fine di facilitare la lettura sia
delle disposizioni del decreto-legge, integrate con le
modifiche apportate dalla legge di conversione, che di
quelle modificate o richiamate nel decreto, trascritte
nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia degli
atti legislativi qui riportati.
Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono
stampate con caratteri corsivi.
Tali modifiche sono riportate sul video tra i segni
((…))
A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto
1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
le modifiche apportate dalla legge di conversione hanno
efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.
Art. 1.
(( (Soppresso). ))

Art. 2.

Disposizioni per garantire il monitoraggio e la trasparenza dei
meccanismi di allocazione della spesa pubblica

1. Al fine di garantire congiuntamente la certezza delle strategie
di investimento, i diritti quesiti, nonche’ l’effettiva copertura
nell’ambito dello stanziamento nel bilancio dello Stato della somma
complessiva di 63,9 milioni di euro per l’anno 2008, di 449,6 milioni
di europer l’anno 2009, di 725 milioni di euro per l’anno 2010, di
690 milioni di euro per l’anno 2011, di 707 milioni di euro per
l’anno 2012, di 725 milioni di euro per l’anno 2013, di 742 milioni
di euro per l’anno 2014 e di 375 milioni di euro per l’anno 2015, il
credito di imposta di cui all’articolo 1, commi da 271 a 279, della
legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni, e’
regolato come segue:
a) per i progetti di investimento che, sulla base di atti o
documenti aventi data certa, risultano gia’ avviati prima della data
di entrata in vigore del presente decreto, i soggetti interessati
inoltrano per via telematica alla Agenzia delle entrate, entro trenta
giorni dalla data di attivazione della procedura di cui al comma 4, a
pena di decadenza dal contributo, un apposito formulario approvato
dal Direttore della predetta Agenzia; l’inoltro del formulario vale
come (( prenotazione dell’accesso )) alla fruizione del credito
d’imposta;
b) per i progetti di investimento avviati a partire dalla data di
entrata in vigore del presente decreto, la compilazione del
formulario da parte dei soggetti interessati ed il suo inoltro per
via telematica alla Agenzia delle entrate vale come (( prenotazione
dell’accesso )) alla fruizione del credito di imposta successiva a
quello di cui alla lettera a).
2. L’Agenzia delle entrate, sulla base dei dati rilevati (( dai
formulari )) pervenuti, esaminati rispettandone rigorosamente
l’ordine cronologico di arrivo, comunica telematicamente e con
procedura automatizzata ai soggetti interessati:
a) relativamente alle prenotazioni di cui al comma 1, lettera a),
esclusivamente un nulla-osta ai soli fini della copertura
finanziaria; la fruizione del credito di imposta e’ possibile
nell’esercizio in corso ovvero, in caso di esaurimento delle risorse
disponibili in funzione delle disponibilita’ finanziarie, negli
esercizi successivi;
b) relativamente alle prenotazioni di cui al comma 1, lettera b),
la certificazione dell’avvenuta presentazione del formulario,
l’accoglimento della relativa prenotazione, nonche’ nei successivi
trenta giorni il nulla-osta di cui alla lettera a).
3. Per il credito di imposta di cui al comma 1, lettera b), i
soggetti interessati espongono nel formulario, secondo la
pianificazione scelta, l’importo delle spese agevolabili da
sostenere, a pena di decadenza dal beneficio, entro i due anni
successivi a quello di accoglimento della prenotazione e, in ogni
caso, nel rispetto di limiti di importo minimi pari, in progressione,
al 20 per cento nell’anno di accoglimento dell’istanza e al 60 per
cento nell’anno successivo. L’utilizzo del credito d’imposta per il
quale e’ comunicato il nulla-osta e’ consentito, fatta salva
l’ipotesi di incapienza, esclusivamente entro il sesto mese
successivo al termine di cui al primo periodo e, in ogni caso, nel
rispetto di limiti massimi pari, in progressione, al 30 per cento,
nell’anno di presentazione dell’istanza e, per la residua parte,
nell’anno successivo.
4. Il formulario per la trasmissione dei dati di cui al presente
articolo e’ approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia
delle entrate, adottato entro sette giorni dalla data di entrata in
vigore del presente decreto. Entro tre giorni dalla data di adozione
del provvedimento e’ attivata la procedura per la trasmissione del
formulario.

Riferimenti normativi:

– Si riporta il testo vigente dei commi da 271 a 279
dell’art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante
«Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato» (legge finanziaria 2007):
«271. Alle imprese che effettuano l’acquisizione dei
beni strumentali nuovi indicati nel comma 273, destinati a
strutture produttive ubicate nelle aree delle regioni
Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna,
Abruzzo e Molise ammissibili alle deroghe previste
dall’art. 87, paragrafo 3, lettere a) e c), del Trattato
istitutivo della Comunita’ europea, a decorrere dal periodo
d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2006
e fino alla chiusura del periodo d’imposta in corso alla
data del 31 dicembre 2013, e’ attribuito un credito
d’imposta automatico secondo le modalita’ di cui ai
commi da 272 a 279. E’ fatta salva la diversa decorrenza
del credito d’imposta di cui al precedente periodo
eventualmente prevista dall’autorizzazione di cui al
comma 279.
272. Il credito d’imposta e’ riconosciuto nella misura
massima consentita in applicazione delle intensita’ di
aiuto previste dalla Carta italiana degli aiuti a finalita’
regionale per il periodo 2007-2013 e non e’ cumulabile con
il sostegno de minimis ne’ con altri aiuti di Stato che
abbiano ad oggetto i medesimi costi ammissibili.
273. Ai fini del comma 271, si considerano agevolabili
le acquisizioni, anche mediante contratti di locazione
finanziaria, di:
a) macchinari, impianti, diversi da quelli infissi al
suolo, ed attrezzature varie, classificabili nell’attivo
dello stato patrimoniale di cui al primo comma, voci B.II.2
e B.II.3, dell’art. 2424 del codice civile, destinati a
strutture produttive gia’ esistenti o che vengono
impiantate nelle aree territoriali di cui al comma 271;
b) programmi informatici commisurati alle esigenze
produttive e gestionali dell’impresa, limitatamente alle
piccole e medie imprese;
c) brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti
e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati
per l’attivita’ svolta nell’unita’ produttiva; per le
grandi imprese, come definite ai sensi della normativa
comunitaria, gli investimenti in tali beni sono agevolabili
nel limite del 50 per cento del complesso degli
investimenti agevolati per il medesimo periodo d’imposta.
274. Il credito d’imposta e’ commisurato alla quota del
costo complessivo dei beni indicati nel comma 273 eccedente
gli ammortamenti dedotti nel periodo d’imposta, relativi
alle medesime categorie dei beni d’investimento della
stessa struttura produttiva, ad esclusione degli
ammortamenti dei beni che formano oggetto dell’investimento
agevolato effettuati nel periodo d’imposta della loro
entrata in funzione. Per gli investimenti effettuati
mediante contratti di locazione finanziaria, si assume il
costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni; detto
costo non comprende le spese di manutenzione.
275. L’agevolazione di cui al comma 271 non si applica
ai …

[Continua nel file zip allegato]

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE – Testo del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 128 del 3 giugno 2008), coordinato con la legge di conversione 2 agosto 2008, n. 129 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 4), recante: «Disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonche’ in materia fiscale e di proroga di termini». (GU n. 180 del 2-8-2008

Architetto.info