Ulteriori integrazioni e modificazioni al decreto ministeriale 4 dicembre 1985 | Architetto.info

Ulteriori integrazioni e modificazioni al decreto ministeriale 4 dicembre 1985

Ulteriori integrazioni e modificazioni al decreto ministeriale 4 dicembre 1985 recante: <<Modalità di utilizzazione e gestione del fondo per l'adeguamento delle strutture e rinnovo degli arredi delle sale teatrali e musicali>>.

dm 28/05/1987 n. 00000235 [MOD]

SPETTACOLI
Decreto Ministeriale 28 maggio 1987, n. 235 (in Gazz. Uff., 20
giugno, n. 142). — Ulteriori integrazioni e modificazioni al decreto
ministeriale 4 dicembre 1985 recante: <<Modalità di utilizzazione e
gestione del fondo per l’adeguamento delle strutture e rinnovo degli
arredi delle sale teatrali e musicali>>.

Il Ministro del turismo e dello spettacolo:
Visto l’art. 13, secondo comma, lettera e), della legge 30 aprile
1985, n. 163, relativo all’istituzione presso la Sezione autonoma per
il credito teatrale (SACT) della Banca nazionale del lavoro di un
fondo destinato alla concessione di contributi in conto capitale a
favore di esercenti o proprietari pubblici o privati di sale musicali
e teatrali per l’adeguamento delle strutture e per il rinnovo degli
arredi; Visti i propri decreti 4 dicembre 1985 e 2 luglio 1986 con i
quali sono state stabilite le modalità di utilizzazione e gestione
del fondo; Ritenuta la necessità di apportare integrazioni e
modifiche alle disposizioni contenute nei predetti decreti;
Decreta:

Art. 1. All’art. 2 del decreto ministeriale 4 dicembre 1985, come
modificato dal decreto ministeriale 2 luglio 1986, sono apportate le
seguenti integrazioni e modifiche:
a) il n. 5) del terzo comma è sostituito dal seguente: <<atto di
impegno di non variazione della destinazione e dell’uso dell’immobile
per almeno cinque anni dalla data di ultimazione delle opere>>;
b) al quinto comma è aggiunto il seguente periodo: <<Per le
domande che pervengano alla SACT senza la documentazione prescritta o
con la documentazione incompleta si considera, al fine dell’esame
della domanda, da parte dell’organo deliberante della Sezione, la
data di completamento della relativa documentazione>>.

Art. 2. All’art. 3 del decreto ministeriale 4 dicembre 1985, come
modificato dal decreto ministeriale 2 luglio 1986, sono apportate le
seguenti integrazioni e modifiche:
a) alla fine del quarto comma le parole <<dichiarazione del
proprietario e dell’esercente di assunzione in solido dell’obbligo di
cui al seguente quinto comma>> sono così sostituite: <<dichiarazione
del proprietario e dell’esercente di assunzione in solido
dell’obbligo di rimborso del contributo nelle ipotesi di cui al
seguente quinto comma. Ove beneficiario del contributo sia
l’esercente non proprietario, la dichiarazione può essere rilasciata
dal solo esercente che deve fornire contestualmente idonea
fidejussione rilasciata da primario istituto bancario o assicurativo
a garanzia dell’assolvimento del predetto obbligo>>;
b) al quinto comma è aggiunto il seguente periodo: <<Gli obblighi
di cui al presente comma fanno carico al solo esercente nel caso in
cui la relativa dichiarazione prevista dal precedente comma sia stata
dallo stesso validamente rilasciata>>;
c) alla fine dell’articolo sono aggiunti i seguenti commi:
<<Le spese relative agli impianti fissi per i luoghi di ristoro
interni alle sale, riservati ai soli spettatori, possono essere
riconosciute per una quota dell’importo complessivo delle spese di
adeguamento e rinnovo ammesse a contributo non superiore al 5%.
I compensi per le prestazioni di professionisti iscritti negli albi
professionali concernenti la progettazione e la direzione dei lavori
possono essere riconosciuti per una quota della spesa, ammessa a
contributo, cui ineriscono non superiore al 7 per cento>>.

Art. 3. Entro il termine di sessanta giorni dalla data di
pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana possono essere presentate, o, se già presentate
senza la documentazione prescritta, possono essere regolarizzate
domande di contributo relative ad opere già eseguite od in corso di
esecuzione, semprechè iniziate in data non anteriore al 5 maggio
1985.
Fermi restando i massimali di spesa ammissibile a contributo
stabiliti dall’art. 3 del decreto ministeriale 4 dicembre 1985, le
disposizioni di cui agli ultimi commi aggiunti allo stesso articolo
dal presente decreto hanno effetto dalla data di entrata in vigore
della legge 30 aprile 1985, n. 163.

Art. 4. Il presente decreto entra in vigore il giorno della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Ulteriori integrazioni e modificazioni al decreto ministeriale 4 dicembre 1985

Architetto.info