Riqualificazioni 'di lusso' per i casali e poderi in Toscana | Architetto.info

Riqualificazioni ‘di lusso’ per i casali e poderi in Toscana

wpid-22601_asymptotefondirusticicover.jpg
image_pdf

 

 

All’interno dell’ex tenuta Gaslini nel piccolo comune di Peccioli in provincia di Pisa, un’area circa 900 ettari, ospita 27.000 mq di edifici da riqualificare, ai margini del paese, che conta poco meno di 5.000 abitanti. Il masterplan del progetto s’inserisce come in una sorta di logica prosecuzione fra il centro storico dell’abitato e il cuore del progetto, che si attesta nella zona detta “Le Serre”.

Al fine di dare un’identità ben precisa all’intera operazione, sono stati invitati due rinomati studi internazionale, che operano rispettivamente nei settori dell’innovazione progettuale e della sostenibilità ambientale: Asymptote Architecture di New York e Transsolar KlimaEngineering di Stoccarda.

Renzo Macelloni, Presidente della Belvedere S.p.A., la società promotrice dell’iniziativa, spiega così i motivi della scelta: ”Transsolar ha il compito di dettare le linee guida nel campo della sostenibilità per le ristrutturazioni dei poderi, Asymptote per individuare soluzioni architettoniche fortemente innovative ma che sappiano dialogare con il recupero filologico dei casolari”. Dati questi presupposti, è stato loro commissionata la redazione di un progetto di riqualificazione del Podere Fonte Mazzola, snodo e ingresso di Fondi Rustici.

Il masterplan, inoltre, detterà le linee guida per il recupero del restante patrimonio edilizio, che invece sarà realizzato esclusivamente da progettisti locali, con i cantieri dei relativi casolari dalla durata massima di 2 anni ciascuno. Questa operazione è resa possibile anche col contributo di Symbola (Fondazione per le qualità italiane), che si occupa di promuovere un modello di “soft economy” in cui tradizione e territorio si fondono insieme ad innovazione tecnologica, ricerca, design e con la quale si organizzerà una scuola di formazione volta al recupero degli annessi agricoli.

 

Fig.: Lo stato di fatto dell’area

 

 

Fig.: Il Masterplan di Asymptote Architecture

 

L’obiettivo è che questi casali rappresentino la base ideale per la costruzione di un polo turistico, che vede in quelle zone la forte presenza straniera soprattutto di olandesi e tedeschi, e la rivitalizzazione del centro storico medioevale. I finanziamenti? Per portare a termine tutte le ristrutturazioni sarà necessario un investimento di oltre 48 milioni di euro, reperibili tramite il contributo diretto di tanti piccoli investitori, grazie anche ad un’offerta pubblica di sottoscrizione. Una sorta di azionariato popolare, che chiama in causa i cittadini a pieno titolo per lo sviluppo locale cittadino ma con un procedimento dal basso, detto “bottom-up”. Un esempio intelligente che testimonia come facendo rete ed economia di scala si possa affrontare e superare la crisi, investendo nel territorio quale risorsa. Un piano strategico insomma, difficile, coraggioso e dalla lunga durata, ma che offre garanzie di riuscita, ponendosi come modello accessibile da ogni realtà.

 

Fig.: Come sarà l’anfiteatro 

 

Hani Rashid, co-titolare insieme a Lise Anne Couture dello studio newyorkese Asymptote Architecture (U.S.A.), intervistato ci illustra i dettagli dell’operazione: “Il committente aveva in esame circa una dozzina di firme d’architettura internazionali e decise di propendere per Asymptote su questo progetto. Ciò che lo colpì maggiormente e lo impressionò del nostro modo di operare, fu l’approccio risolutivo dato nel tempo a tematiche diverse in contesti differenti, a partire dal centro sportivo nel cuore della Città Proibita a Pechino ed arrivando al piccolo edificio con funzioni ecclesiastiche in Olanda, passando per il Museo di Tecnologia Multimediale a Daegu in Corea del Sud, così come per altri progetti realizzati per i Musei Guggenheim e per diversi centri culturali sparsi nel mondo (MoMa Ndr).

Gli obiettivi che ci siamo posti, per la stesura di questo masterplan, sono stati quelli di rievocare un profondo senso dei luoghi e della storia, puntando con forza sul paesaggio toscano, le sue colline, i suoi vigneti, valorizzandoli attraverso la creazione di un luogo per il teatro e la cultura, il riposo, la meditazione e dove possano trovare vita ispirazioni e idee. Il progetto, perciò, contempla un anfiteatro coperto che domina nel paesaggio, offrendo scorci visivi bellissimi e riparo, configurandosi come un simbolo visivo e percettivo per la gente. E’ stato previsto anche un piccolo museo di arte etrusca, della quale il committente possiede una notevole collezione privata, oltre ad un nuovo centro culturale e musicale, da realizzarsi all’interno della casa colonica esistente insieme ad un ristorante.

Una grande e particolare piazza fronteggerà il tutto, ed ospiterà matrimoni, Festival del Vino, mercati di filiera corta ed eventi gastronomici, al di sotto di una sofisticata e tecnologica tensostruttura in geotessile. Una serie di percorsi, sedute ed illuminazione collegheranno il centro storico cittadino al sito, con l’auspicio personale, di rendere questo posto magico, sorprendente e amato. Transsolar è uno dei due collaboratori con cui stiamo lavorando, mentre l’altro è lo studio Knippers Helbig, anche loro di Stoccarda, Germania. Entrambe le aziende porteranno la loro esperienza internazionale all’interno di questo progetto.

Insieme a Transsolar, stiamo sviluppando superfici e rivestimenti intelligenti in grado di adattarsi e di funzionare al meglio alle condizioni solari ed eoliche variabili del posto, assicurando al tempo stesso prestazioni confortevoli al di sotto delle due tensostrutture. Ci assistono, inoltre, nell’ottimizzare la collocazione di edifici e strade, al fine di massimizzare le potenzialità del sito e la sua sostenibilità ambientale, anche grazie ad un approccio molto rispettoso del verde. Con Knippers Helbig, invece, stiamo portando avanti un discorso legato a strutture leggere tecnologicamente avanzate, ma molto efficienti e economiche.”

 
I dettagli del progetto
Lead Architects : Asymptote Architecture, Hani Rashid and Lise Anne Couture
Local Architects : Heliopolis21
Environmental Engineers and Consultant : Transssolar
Structural Engineers: Knippers Helbig

Di seguito, alcune fotografie dell’area interessata.

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Riqualificazioni ‘di lusso’ per i casali e poderi in Toscana Architetto.info